Stefano Passerotti e Anna Piussi: medaglia di bronzo al Chelsea Flower Show

Il “giardiniere coraggioso” di Orticolario Stefano Passerotti e la garden designer Anna Piussi partecipano con il loro progetto “The Sonic Pangea Garden” alla centesima edizione del Chelsea Flower Show di Londra, una delle più importanti manifestazioni di floricultura del mondo e… vincono la Medaglia di Bronzo!

Il progetto, realizzato da Passerotti – che ha coordinato il gruppo dei creativi di Orticolario 2012 – e da Anna Piussi – vincitrice l’anno scorso della categoria “Migliore allestimento del giardino -, fa parte di una rosa ristretta di proposte ammesse al Chelsea Flower Show per la sezione “Fresh Gardens”, dedicata alle opere più originali e inedite.

“The Sonic Pangea Garden” è ispirato dal mito classico: si tratta di una foresta incantata tappezzata di piante. Una radura all’interno del bosco sacro rivela un altare al dio dei boschi, Pan, e una chaise-longue circolare, sacra a Gea, la Madre Terra.
E non solo, l’ambientazione sonora di “The Sonic Pangea Garden” è del compositore Francesco Mantero, che ha realizzato le Ambientazioni Sonore di Orticolario 2012 e vinto la menzione speciale.

Le strutture della chaise-longue e dell’altare, invece, sono realizzate dall’azienda FDM F.lli Mazzola, che collabora costantemente con Orticolario e che, con il marchio iFlame, presenta ad ogni edizione novità sulle bio-torce nei progetti di Francesco Mazzola.
In occasione di Orticolario 2013, infatti, iFlame sarà l’artefice delle atmosfere di “Acqua e Fuoco in Darsena”.

La quinta edizione di Orticolario si terrà dal 4 al 6 ottobre a Villa Erba, sul lago di Como, e istigherà i visitatori a commettere – incessantemente e senza rimorso – “Peccati di gola in giardino”.

gs389_anna_stefano_portrait_chelsea

Pubblicità

L’Azienda Agricola Carmazzi al Chelsea Flower Show

Si aprirà il 21 Maggio a Londra la 100a edizione del Royal Horticoltural Society Chelsea Flower Show, la più celebre manifestazione dedicata al mondo dei fiori e dei giardini.

L’Azienda Agricola Carmazzi parteciperà all’evento in qualità di sponsor e fornitore dell’unico giardino italiano: The Sonic Pangea Garden di Stefano Passerotti e Anna Piussi, presenti all’interno della sezione “Fresh Gardens”, nella quale saranno giudicati i design più originali.
Dopo la collaborazione con Anna Piussi per il “Giardino d’Amor Novo”, che ha vinto il 1° premio in occasione di Orticolario 2012, arriva quindi per l’Azienda Carmazzi una nuova sfida in ambito internazionale.

Stefano e Anna sono tra i pochi italiani che hanno avuto l’opportunità di partecipare a questa grande vetrina mondiale a cui si accede solo dopo aver superato diverse fasi di selezione: tra i connazionali che hanno partecipato recentemente ricordiamo Bortolotti nel 2001, Giubbilei nel 2009 (che vive a Londra) e Decembrini e Zani nel 2010.

The Sonic Pangea Garden è un giardino ispirato alle forme classiche ma al tempo stesso altamente innovativo, che vuole essere una celebrazione della natura in ogni sua forma. Pangea è una foresta incantata tappezzata di piante: nella radura, un altare a Pan, dio dei boschi; a poca distanza una chaise longue circolare fatta di terra, sacra a Gea la Madre Terra, è interamente tappezzata di piante.

Molte le varietà di piante edibili, tutte rigorosamente bio, che compongono la tavolozza di colori, sapori e sensazioni con cui Anna e Stefano dipingono il loro giardino: aromatiche come il basilico, piccanti come il peperoncino, danzanti come la Ghaura o profumate come il Dianthus, di cui pochi sanno che è un fiore commestibile. Il verde di fondo è ravvivato da tocchi di rosa e pennellate violette del fogliame. Tutte le piante sono fornite dal vivaio di Marco Carmazzi.
Per il loro progetto Stefano Passerotti e Anna Piussi hanno scelto di avvalersi della collaborazione dell’Azienda Agricola Carmazzi, che può vantare una grande esperienza nella coltivazione biologica di di piante e fiori commestibili.

L’Azienda Carmazzi, oltre ad essere la prima azienda Florovivaistica italiana certificata Iso 14001, può vantare anche le certificazioni Iso 9001 e Global G.A.P , ponendosi quindi come leader nel settore.

La qualità dei prodotti e l’attenzione ai dettagli rendono l’Azienda Carmazzi il partner privilegiato per progetti di ampio respiro, dove come in questo caso l’estetica si sposa con una visione del design più attenta alla natura e ai suoi ritmi, pronta a trasportare il visitatore non solo alla scoperta di forme e colori ma anche di profumi e sapori.

L’Azienda Agricola Carmazzi è presente a Torre del Lago (LU) da oltre un secolo. La sua produzione biologica comincia già alla fine degli anni ‘70. Oggi è specializzata nella produzione di piante fiorite e in vaso aromatiche, di cui molte destinate all’alta gastronomia.

I prodotti e i marchi registrati dell’Azienda Carmazzi nascono dalla costante ricerca e dalla volontà di innovare senza perdere le radici di un’impresa familiare rispettosa delle proprie origini e dell’ambiente circostante. Anche per la produzione convenzionale infatti l’azienda adotta sistemi per la minimizzazione del consumo di energia (impianti ad energia rinnovabile), del consumo dell’acqua e della produzione di rifiuti, favorendo ove possibile il riciclo.

Tra le proposte più originali dell’Azienda Carmazzi ricordiamo il progetto Verde Architettonico, la collaborazione con l’Accademia Italiana del Peperoncino e la proposta di piante specificamente selezionate per “Orti da balcone

Stefano Passerotti e Anna Piussi al Chelsea Flower Show

Il “giardiniere coraggioso” di Orticolario Stefano Passerotti e la garden designer Anna Piussi, sono stati ammessi a partecipare con il loro progetto ”The Sonic Pangea Garden” alla centesima edizione del Chelsea Flower Show di Londra, una delle più importanti manifestazioni di floricultura del mondo, che si svolgerà dal 21 al 25 maggio 2013.
Il progetto, realizzato da Passerotti che ha coordinato il gruppo dei creativi e da Piussi, vincitrice della categoria Migliore allestimento del giardino della quarta edizione di Orticolario, fa parte di una rosa ristretta di proposte ammesse al Chelsea Flower Show per la sezione ?Fresh Gardens? dedicata alle opere più originali e inedite.
Stefano Passerotti e Anna Piussi sono tra i pochi italiani che hanno avuto l’opportunità di partecipare a questa grande vetrina mondiale a cui si accede solo dopo aver superato diverse fasi di selezione. Tra i partecipanti alle passate edizioni, ricordiamo E. Bortolotti nel 2001, L. Giubbilei nel 2009 (che vive a Londra), F. Decembrini e D. Zanzi nel 2010.
 
The Sonic Pangea Garden è una foresta incantata i cui fusti emergono da ricche fioriture. Nella radura, un altare a Pan, dio dei boschi; a poca distanza una chaise longue circolare sorge dal terreno. Dedicata a Gea la Madre Terra, la seduta é interamente tappezzata di piante.

Spiegano Anna e Stefano:

“Il nostro è un invito a sdraiarsi su un manto verde, contemplare la natura, ascoltare i suoni della foresta e il fruscìo delle graminacee circostanti.
Sonic Pangea è infatti concepito come un?’esperienza multisensoriale: imponenti installazioni in metallo – le Lance Sonore – rappresentano le piante che dominano il giardino; gli elementi verticali guidano lo sguardo verso il cielo e coinvolgono il visitatore che potrà interagire con luce e suoni.”

Molte le varietà di piante edibili, tutte biologiche, che compongono la tavolozza di colori, di sapori e di sensazioni con cui Anna e Stefano dipingono il loro giardino: aromatiche come il basilico, piccanti come il peperoncino, danzanti come la Gaura o profumate come il Dianthus, il garofano, di cui pochi sanno che ha fiori commestibili. Il verde di fondo è ravvivato da tocchi di rosa e pennellate violette del fogliame.
Le piante edibili che compongono Pangea provengono dall?’azienda agricola Carmazzi di Torre del Lago (Lu), vincitrice con Piussi del premio di Orticolario 2012 Giardino d’Amor Novo.
 

Stefano Passerotti
Nato nel 1963, fiorentino e figlio d?arte, Stefano ha appreso le più importanti lezioni sulla vita e sul giardinaggio dal padre Oliviero e dal nonno Salvatore, entrambi giardinieri. Dal 2001 ha stabilito il suo laboratorio permanente al Poggio Imperiale a Firenze, dove progetta e sperimenta soluzioni al limite del possibile. Nel 2003, Stefano Passerotti completa la prima versione del suo Giardino Sonoro: sole, acqua, aria e fuoco.
Forte di un’esperienza trentennale come giardiniere e garden designer, ha realizzato giardini in Italia, Spagna, Francia, Sénegal, Svizzera, Germania, Regno Unito e USA. Dal 2004 partecipa a eventi internazionali e ha vinto il premio come “miglior giardino innovativo” a Hampton Court 2005.

Passerotti e Piussi
 

Anna Piussi
Garden designer e storica dell’arte, è nata a Firenze nel 1965 da genitori rispettivamente di origini italiane e americane. All’età di 18 anni parte per New York City, dove si laurea in Storia dell’Arte. Successivamente, consegue un PhD all’Università di Oxford. In Inghilterra, patria di una grande tradizione di giardinaggio, consegue anche l?RHS Certificate in Orticoltura e il Diploma in Garden Design dall’Oxford College of Garden Design. Dopo aver viaggiato ed esplorato giardini in Europa, Africa ed Asia, torna a Firenze dove dal 2003 insegna Storia dei Giardini coltivando al tempo stesso il suo proprio orto biologico. Oggi ha all’attivo varie pubblicazioni e ha progettato giardini a Oxford, in Italia e in Francia. Attualmente insegna a Villa La Pietra, sede fiorentina della New York University.

 
Informazioni dettagliate e immagini relative all’attività di Stefano Passerotti e Anna Piussi sono disponibili sul sito ufficiale

Per qualunque informazione o per eventuali interviste è possibile contattare:
press@passerottipiussigardens.com 

Sonic Pangea