Orticolario 2018: 28.000 visitatori

L’evento culturale dedicato a chi vive la natura come stile di vita si riconferma un successo. Con tremila presenze in più rispetto allo scorso anno, gli organizzatori si dichiarano soddisfatti. Ma non solo per i numeri, per il senso della meraviglia coltivato e colto durante la tre giorni

Ho fatto una strana scoperta.

Ogni volta che parlo con un sapiente sono sicuro che la felicità non è possibile.

Eppure, quando parlo con il mio giardiniere, sono convinto del contrario.

Bertrand Russell Cernobbio (CO), 9 ottobre 2018 – “Soddisfazione”, dal vocabolario: “Stato d’animo di chi è soddisfatto, compiacimento; contentezza, piacere; episodio, situazione che suscita appagamento; risultato gratificante”. Non esiste termine più adatto per mettere un punto alla decima edizione di Orticolario, svoltasi a Villa Erba dal 5 al 7 ottobre. Soddisfazione da parte degli organizzatori che, con ben 28.000 presenze, hanno riscontrato un incremento dei visitatori rispetto agli scorsi anni, tra cui un maggior numero di persone provenienti da Paesi esteri (oltre alle ormai consolidate Svizzera e Francia, quest’anno passeggiando per il parco si sentiva parlare molto anche inglese e tedesco). Soddisfazione anche da parte dei visitatori, che hanno notato la qualità degli espositori e degli allestimenti: attenzione meticolosa per i dettagli e offerta di alto livello e mai scontata, con vere e proprie “chicche” vegetali e di artigianato artistico.

«Siamo davvero soddisfatti, è stata un’edizione degna del decimo anniversario, bellezza ed eleganza tra installazioni artistiche e proposte botaniche di grande rilievo –  commenta Moritz Mantero, fondatore e presidente di Orticolario – Con 28.000 visitatori abbiamo quasi centrato l’ambizioso obiettivo che ci eravamo prefissati, peccato per le previsioni meteorologiche sfavorevoli che, fino all’ultimo, hanno scoraggiato chi proveniva da lontano. Abbiamo comunque superato le precedenti edizioni e, al di là dei numeri, sentirsi dire da tanti visitatori che è stata la più bella delle dieci edizioni, per lo staff è davvero gratificante, ripaga di un anno intero di lavoro e ricerca».

«Nel 2018, ancora più degli altri anni, abbiamo lavorato tanto affinché l’atmosfera di Orticolario potesse essere differente da tutte le altre manifestazioni, non solo per il luogo, ma per quello che accade, per la struttura stessa dell’evento – aggiunge la curatrice Anna Rapisarda – E vivendo la manifestazione mentre si svolge, osservando le espressioni dei visitatori e degli espositori, leggendo i numerosi commenti sui social, devo ammettere con profonda soddisfazione che quest’anno siamo perfettamente riusciti a creare un’atmosfera unica, palpabile appena si varcava il cancello».

Tra i momenti clou, venerdì 5, il seguitissimo incontro con Roy Lancaster, che ha ricevuto il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2018”: il vicepresidente dell’RHS, Royal Horticultural Society, volto noto della BBC, vero cacciatore di piante, ha letteralmente conquistato il pubblico durante un avvincente dialogo con Gianfranco Giustina, curatore dei giardini delle Isole Borromee, introdotto da Moritz Mantero ed Emanuela Rosa-Clot, direttore della rivista Gardenia.

Lancaster ha raccontato la sua vita, costellata di avventurosi viaggi in giro per il mondo alla ricerca di nuove varietà e ha espresso il suo amore incondizionato per la natura:

«È importante dare continui esempi, siamo i custodi del nostro patrimonio naturale. E non è mai troppo tardi per iniziare a esserlo. A casa mia, nel mio giardino, in Inghilterra, ospito giovani che hanno voglia di imparare, ma anche persone che in età avanzata decidono di cambiare la propria vita per diventare giardinieri. Restituisco loro ciò che ho imparato dai miei grandi maestri, non è mai troppo tardi per diventare giardinieri. Lo dico con convinzione, i giardinieri possono cambiare il mondo».

E ancora, durante il conferimento del premio, ha espresso ammirazione nei confronti di Orticolario:

«Sono molto sorpreso di vedere così tanti bambini e così tanti disabili in un evento dedicato al verde, in Inghilterra non è così frequente, nemmeno al Chelsea Flower Show, il più importante tra i garden show. Per questo motivo penso che Moritz Mantero sia un re, una persona lungimirante in grado di capire quanto sia importante avvicinare le nuove generazioni al rispetto della natura».

Di grande interesse anche le premiazioni delle installazioni realizzate nel parco, selezionate dalla giuria del concorso internazionale “Spazi Creativi”. Ad aggiudicarsi il premio “La Foglia d’Oro del Lago di Como”, lo Spazio Green Passion “La Topitta” di Leonardo Magatti, un giardino intuitivo, in cui le piante sono protagoniste di un piacevole disordine controllato. La “Topitta” è una casetta, un rifugio nel bosco, frutto di pura fantasia: l’atmosfera è fiabesca, lo stile è armonioso fra verbene, salvie, achillee, gaure, Aster, veroniche, anemoni, echinacee, Cleome e sementi di prato fiorito naturale. La giuria ha apprezzato la capacità di creare uno spazio evocativo del mondo della fiaba e dell’infanzia, attraverso l’uso di materiali naturali da sempre utilizzati per la costruzione di giochi nei boschi e nei giardini, materiali di recupero e dal fascino antico. “La Topitta” ha ricevuto anche il premio “Gardenia” e il premio “Stampa”.

Si ricorda che la finalità di Orticolario è promuovere la cultura del paesaggio e raccogliere fondi per associazioni del territorio impegnate nel sociale, attive nella realizzazione della manifestazione.

Gli organizzatori, a gioco finito, hanno già lo sguardo rivolto al 2019, quando dal 4 al 6 ottobre si svolgerà l’undicesima edizione. Un nuovo capitolo, un nuovo sogno da realizzare.

orticolario-como-2018

Pubblicità

Orticolario 2018: giocare è una cosa seria

Selezionati gli otto finalisti del concorso internazionale “Spazi Creativi” che esporranno le proprie creazioni nel parco storico di Villa Erba sul Lago di Como, in occasione della decima edizione di Orticolario dal 5 al 7 ottobre 2018

Cernobbio (CO), 14 marzo 2018 – “Si possono negare quasi tutte le astrazioni: la giustizia, la bellezza, la verità, la bontà, lo spirito, Dio. Si può negare la serietà, ma non si può negare il gioco”. Scriveva così lo storico olandese Johan Huizinga nel 1938, nel suo celebre saggio Homo Ludens. Il “Gioco” è il tema di Orticolario 2018, un concetto complesso e affascinante che, assumendo le sfumature più varie, calza a pennello per celebrare la decima edizione. Un tema che ha solleticato la fantasia dei partecipanti del concorso internazionale “Spazi Creativi” per la progettazione e realizzazione di giardini e installazioni artistiche. Otto i finalisti, valutati dal Comitato di Selezione tra numerose proposte inviate da architetti, designer, paesaggisti, artisti, giardinieri e vivaisti da tutta Italia ed Europa. Otto “fantasisti” che si metteranno letteralmente in gioco appellandosi all’estro, all’ironia, al mistero, al senso della meraviglia.

I selezionati realizzeranno il proprio progetto nel parco storico di Villa Erba a Cernobbio, in occasione di Orticolario, in programma da venerdì 5 a domenica 7 ottobre 2018: saranno spazi originali e innovativi, giardini vivibili e fruibili, nuove idee di giardino e di installazione artistica in grado di regalare una differente esperienza di relazione con la natura e con gli altri.

Orticolario2017_visitatori2_PC-Luciano-Movio
Orticolario 2017. I visitatori. Photo Courtesy: © Luciano Movio
Orticolario2017_visitatori7_PC-Luciano-Movio
Orticolario 2017. Visitatori. Photo Courtesy: © Luciano Movio

Le creazioni verranno valutate da una giuria internazionale che assegnerà alla migliore realizzazione il premio-scultura “La foglia d’oro del Lago di Como”, un vaso dalle forme sinuose sul quale ondeggia una grande foglia con “accenni” d’oro zecchino (24K), ideato e realizzato da Gino Seguso della storica Vetreria Artistica Archimede Seguso di Murano (VE). Il premio sarà custodito dal vincitore per un periodo limitato, per essere successivamente esposto a Villa Carlotta (Tremezzina, CO) fino all’edizione successiva: la cerimonia di riconsegna del premio 2017, assegnato al progettista Roberto Landello con lo spazio Garden Lignano “Ciclicità lunare”, come da tradizione, si svolgerà a Villa Carlotta venerdì 13 aprile alle 11.

I progetti selezionati sono intriganti, stupiscono e sorprendono. Interagiscono con il Genius loci del parco di Villa Erba reinterpretandolo e ‘contaminandolo’ con espressioni artistiche e riflessioni audaci – spiega Anna Rapisarda, curatrice di Orticolario – Saranno spazi da vivere, dove potersi anche divertire, perché, alla fin fine, andando indietro nei secoli, il giardino nasce proprio per gioco, per puro piacere, per dedicare tempo al piacere”.

Orticolario2017_RobertoLandello_vincitoreSpaziCreativi-PC-Luciano-Movio
Oricolario 2017. Roberto Landello, vincitore Spazi Creativi. Photo Courtesy: © Luciano Movio

Oltre a “La foglia d’oro del Lago di Como”, la giuria assegnerà anche altri premi: premio “Empatia” per uno spazio che racconta, comunica ed emoziona; premio “Stampa” per l’innovazione dei materiali e l’ecosostenibilità; premio “Arte” per uno spazio in cui convive l’equilibrio fra arte e natura, dove diversi linguaggi trovano efficace sintesi; premio “Grandi Giardini Italiani” per uno spazio di luci e forme che comunica tradizione e innovazione; oltre al premio “Visitatori” per il giardino o

l’installazione artistica votata dal pubblico.

GLI OTTO PROGETTI FINALISTI DEL CONCORSO

1. “spLaYce ship”

Progetto e realizzazione di Mirco Colzani (Paina di Giussano, MB)

FB: Mirco Colzani Garden Designer

2. Spazio Fratelli Leonelli Manutenzione e cura del Paesaggio “Good Vibrations…”

Progetto di Stefania Pluchino (Castelletto Sopra Ticino, NO)

fratellileonelli.it

3. Spazio Vivai Piante Battistini “Meet me halfway”

Progetto di Andrea Camassa (Bologna)

4. Spazio Associazione Animum Ludendo Coles “Chi semina gioco raccoglie un animo fiorente e rigoglioso”

Progetto di Furio Ferri (Lodi)

ludendo.it

5. Spazio Green Passion “La Topitta”

Progetto di Leonardo Magatti (Cernobbio, CO)

6. “Il gioco è il tempo”

Progetto e realizzazione di MetalliFilati (Cremona)

metallifilati.com

paolomezzadri.com

7. “Castelli di salvia”

Progetto e realizzazione di CIRIBÌ (Como)

figlideifiori.com

8. Spazio Jolly PVC “V.Rubik, l’orto modulare”

Progetto di Marco Bellotti (Traona, SO)

marcobellotti.com

Orticolario2017_Spazio_Creativo_1_Che-fai-tu-luna-in-ciel_PC-Luciano-Movio
Orticolario 2017. Spazio creativo 1. Che fai tu luna in ciel. Photo Courtesy: © Luciano Movio

Orticolario2017_Spazio_Creativo_3_Dark-Side-of-the-Moon_03-PC-Luciano-Movio
Orticolario 2017. Spazio creativo 3. Dark Side of the Moon. Photo Courtesy: © Luciano Movio

 

Orticolario2017_Spazio_Creativo_4_Allunaggio_02-PC-Luciano-Movio
Orticolario 2017. Spazio creativo 4. Allunaggio. Photo Courtesy: © Luciano Movio

NOTE

Orticolario, giunto alla decima edizione, è l’evento dedicato alla passione per il giardino, una celebrazione della natura in tutte le sue multiformi espressioni. Teatro della manifestazione è il parco storico di Villa Erba a Cernobbio (CO), villa Ottocentesca che, affacciata sulle sponde del Lago di Como, fu dimora anche del regista Luchino Visconti. Essenza di Orticolario: i giardini allestiti nel parco, ispirati al tema dell’anno e selezionati tramite il concorso internazionale “Spazi Creativi”. Tema di Orticolario 2018 è il “Gioco”, mentre il fiore protagonista è la Salvia. L’evento è arricchito da un’ampia offerta di piante rare, insolite e da collezione, artigianato artistico e design, da un ricco calendario di incontri e da numerosi laboratori didattico-creativi per i bambini. Nel corso della tre giorni vengono raccolti contributi da devolvere ad associazioni del territorio lariano impegnate nel sociale. L’edizione 2017, infine, ha coinvolto 280 espositori e ben 25.000 visitatori.

Orticolario 2018

ORTICOLARIO FESTEGGIA GIOCANDO IN GIARDINO

Aperto il bando del concorso internazionale “Spazi Creativi 2018” per la progettazione e la realizzazione di giardini e installazioni artistiche da allestire in occasione di Orticolario 2018, dal 5 al 7 ottobre a Villa Erba sul Lago di Como. Tema dell’anno sarà il “Gioco”, la pianta protagonista sarà la Salvia. L’edizione 2017 si chiude con la proclamazione del vincitore del Premio Visitatori, Spazio Archiverde “Moonlight Garden”

Cernobbio (CO), 17 novembre 2017 – Che il gioco abbia inizio. Non c’è frase più azzeccata per alzare il sipario di Orticolario 2018, l’evento dedicato a nuovi modi di vivere il giardino e nuove pratiche di giardinaggio evoluto, in programma dal 5 al 7 ottobre 2018 a Villa Erba a Cernobbio, sul Lago di Como.

Si è da poco concluso Orticolario 2017, ma i primi semi della prossima edizione sono già ben piantati: il tema dell’anno sarà il “Gioco”, la pianta sarà la Salvia. Aperto anche il concorso internazionale “Spazi Creativi 2018” per la progettazione e la realizzazione di giardini e installazioni artistiche che, ispirati al tema dell’anno, verranno selezionati per essere allestiti in occasione della decima edizione di Orticolario nel parco storico di Villa Erba: la commissione giudicatrice valuta i progetti di spazi originali, giardini vivibili e fruibili, che contemplino un dialogo con lo spazio circostante, lo rispettino e lo valorizzino.

I progetti devono interpretare le preesistenze paesaggistiche con libertà creativa e di scelte materiche e con possibilità di utilizzo dei più diversi linguaggi e riferimenti artistico/culturali. La commissione è particolarmente attenta alla qualità dell’ispirazione alla base del progetto, e il ricorso a contributi diversi dalla pura “Arte del Giardino” può costituire fatto distintivo. Nel bando si precisa che l’interpretazione del tema è vincolante per la realizzazione del progetto.

Il tema del gioco è molto ampio e complesso, e richiede un elevato sforzo creativo e concettuale per non banalizzarlo. ‘Gioco’, infatti, non deve essere inteso solo come divertimento, ma come scoperta, sorpresa, stupore, ironia, illusione, esperienza di relazione con la natura e con gli altri – spiega Anna Rapisarda, curatrice di Orticolario – Chiediamo a chiunque voglia partecipare al concorso internazionale “Spazi Creativi” di sperimentare con una nuova idea di giardino e di installazione artistica, chiediamo di portare a Orticolario il senso della meraviglia”.

I progetti selezionati, realizzati nell’ambito di Orticolario 2018, verranno valutati da una giuria internazionale: il vincitore (nel 2017 Spazio Garden Lignano “Ciclicità Lunare”, progetto di Roberto Landello) si aggiudicherà il premio “La foglia d’oro del Lago di Como”, realizzato in esclusiva dalla Vetreria Artistica Archimede Seguso di Murano (VE). Il premio è unico e viene custodito dal vincitore per un periodo limitato, per essere poi esposto a Villa Carlotta a Tremezzo sul Lago di Como fino all’edizione successiva di Orticolario. I nomi dei vincitori sono inseriti nell’Albo d’oro esposto accanto al premio.

L’iscrizione al concorso è gratuita e deve essere inviata in forma scritta entro e non oltre il 31 gennaio 2018 alla Segreteria Organizzativa di Orticolario, all’indirizzo e-mail info@orticolario.it. Il regolamento completo, il bando e tutti i dettagli sono disponibili sul sito web di Orticolario a questo link: http://orticolario.it/concorso-internazionale-spazi-creativi/

orticolario-01

E mentre iniziano a scorgersi le sembianze della prossima edizione, si chiude quella appena conclusa con la proclamazione del vincitore del Premio Visitatori 2017, assegnato tramite il concorso “Vota il tuo spazio creativo preferito”. Ha vinto lo Spazio Archiverde “Moonlight Garden” su progetto di Leonardo Magatti, che, ricordiamo, ha ricevuto anche i premi “Grandi Giardini Italiani”, “Stampa” e “del Presidente”: tra tutti i visitatori che hanno votato è stato estratto un vincitore, Fabrizia Romanatti di Como, che si aggiudica un accessorio in seta della linea Be Me di Mantero Seta, sostenitore della manifestazione, che lo ha realizzato appositamente per Orticolario con i colori e l’immagine dell’edizione 2017.

Nel 2018 Orticolario festeggia la sua decima edizione con la Salvia e il ‘Gioco’, un tema che si presta a essere declinato e interpretato in molteplici modi – commenta Moritz Mantero, fondatore e presidente dell’evento – Orticolario vuole stimolare la creatività nel vivere il proprio spazio a contatto diretto con la natura. Ma bando alle chiacchiere, a Villa Erba il prossimo ottobre si giocherà con le salvie…

NOTE

Orticolario, giunto alla decima edizione, è l’evento dedicato alla passione per il giardino, una celebrazione della natura in tutte le sue multiformi espressioni. Teatro della manifestazione è il parco storico di Villa Erba a Cernobbio (CO), villa Ottocentesca che, affacciata sulle sponde del Lago di Como, fu dimora anche del regista Luchino Visconti. Essenza di Orticolario: i giardini allestiti nel parco, ispirati al tema dell’anno e selezionati tramite il concorso internazionale “Spazi Creativi”. L’evento è arricchito da un’ampia offerta di piante rare, insolite e da collezione, artigianato artistico e design, da un ricco calendario di incontri e da numerosi laboratori didattico-creativi per i bambini. Nel corso della tre giorni vengono raccolti contributi da devolvere ad associazioni del territorio lariano impegnate nel sociale. L’edizione 2017, infine, ha coinvolto 280 espositori e ben 25.000 visitatori.

COLPO D’OCCHIO ORTICOLARIO 2018

5 – 7 ottobre 2018 Villa Erba, Cernobbio (CO), sul Lago di Como

Info visitatori: tel. +39 031 3347503, mail: info@orticolario.it

Website: http://www.orticolario.it

Facebook: http://www.facebook.com/Orticolario

Twitter: http://twitter.com/Orticolario

Pinterest: http://www.pinterest.com/orticolario13

YouTube: Orticolario

Instagram: https://instagram.com/orticolariocomo/

LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/orticolario?trk=top_nav_home

orticolario-02