Orto e giardino biologico di Marie-Luise Kreuter

Ho preso a prestito in biblioteca questo libro, giunto alla sua ventesima edizione. Racconta e spiega l’orto e il giardino biologico (tit. or. Der Biogarten, Munchen 2001).
Per chi lo volesse comperare il costo è di 18.00 euro, con 379 pagine ricche di foto e illustrazioni.

È un libro con un ottimo rapporto qualità prezzo. Presenta informazioni utili e complete; offre ottimi suggerimenti nel campo biologico senza avere atteggiamenti preconcetti verso altri metodi di coltivazione. Lo consiglio sia a chi voglia passare ad una coltivazione di tipo “biologico”, sia chi ha già intrapreso questa strada ma vuole migliorare i suoi metodi di coltivazione: dall’orto al giardino, dalla verdura alla frutta, fino alla lotta antiparassitaria con metodi naturali. Come da titolo, questo libro offre degli utili consigli per coltivare in maniera biologica ed ecosostenibile un giardino, spesso trascurato, nel settore del biologico, a favore dell’orto e dei suoi prodotti commestibili. Chissà che un giardino biologico possa essere più bello, più naturale, più ecocompatibile rispetto ad un giardino curato con metodi chimico industriali…

Un’ultima mia considerazione – prettamente personale e, forse, un po’ viziata da un preconcetto – è che la nazionalità tedesca dell’autrice è già garanzia di un rigore e ordine classificatorio ed espositivo di grande valore per un manuale – giudizio che trovo riconfermato dal contenuto delle pagine che leggo. Nel capitolo iniziale (I fondamenti del biologico) l’atteggiamento di Marie-Luise Kreuter verso i temi del biologico, oggi molto di moda, con parole a volte troppo abusate (“biologico”, “naturale”) è critico, obiettivo e mai banale:

È diventata quasi una moda scrivere di coltivazione naturale e di metodi alternativi per il trattamento di suolo e piante. Questo libro però non arriva sull’onda dell’ultimo “trend”, ma si fonda su una lunga esperienza, pazientemente acquisita negli anni. (pag. 12)

[…] anche il bio-coltivatore è “complice” del processo di antropizzazione dell’ambiente pur cercando tuttavia di evitare che i suoi interventi vi producano contraccolpi. (pag. 17)

In conclusione, Orto e giardino biologico, di Marie-Luise Kreuter, Giunti, Firenze 2009, è un buon manuale da tenere in libreria e da consultare ad libitum.
Buona lettura.