Buon compleanno parco!

Siamo lieti di invitarvi Domenica 11 novembre ad un evento gratuito per tutti all’aria aperta per grandi e piccini dell’Hortus Urbis, l’orto antico romano nel Parco dell’Appia Antica, in occasione del Trentennale del Parco.

Dalle ore 11 alle ore 16 – UN ALBERO PER AMICO, a cura di Hortus Urbis
Piantiamo un albero per mettere radici nel futuro! Un’attività semplice ma estremamente preziosa perché gli alberi sono un prezioso alleato nella lotta ai cambiamenti climatici, proteggerli significa anche difendere il territorio e le specie che lo abitano.
Ogni bambino potrà personalizzare il proprio vasetto con il suo albero da custodire e portare via con sé.

Vedi la locandina e i dettagli del programma completo: www.hortusurbis.it

Si ricorda che l’area è dotato di zona pic nic per coloro che volessero trattenersi anche per il pranzo.

In caso di pioggia il laboratorio sarà spostato.

locandina 2018 10 20 haiku2

Annunci

Incontri singolari

Mi capita, ogni tanto, di incontrare un mantide religiosa.

È sempre un piacere guardarla muoversi. Ancora più bello vederla catturare una preda. È velocissima. Comincia a ondeggiare come se fosse una foglia mossa dal vento, e poi, in una frazione di secondo, affonda i suoi artigli sulla preda, la porta alla bocca e comincia a mangiarla.

Questa stava camminando su un antico parapetto di marmo di Vicenza. Io stavo osservando il panorama, poi giro lo sguardo e la vedo avvicinarsi…

A pensare al marito della mantide mi vengono i brividi di paura…

La zucca e l’autunno

Oggi ho raccolto la zucca dal mio orto.

E questo è normale.

Ma domenica c’erano anche 20° C. E questo, scusatemi, non è il massimo della normalità. Ma non voglio tediarvi con argomenti troppo seriosi, e preferisco raccontarvi delle doti della zucca e della sua bontà in cucina.

Di tradizione povera e contadina, la zucca ha tuttavia riscontrato con il passare del tempo sempre più ammiratori, tanto che sarebbe anche il momento che qualcuno fondasse il Partito della Zucca, visti i tempi.

Detto questo continuo con il mio racconto.

Ecco, la zucca è pronta quando il suo picciolo comincia a seccarsi. come si vede dalla foto qui sotto.

gs1224-zucca-09

Quindi ha preso le mie forbici da giardinaggio e zac-zac ho tagliato il gambo e estirpata la radice. Era l’unica e l’ultima zucca dell’orto.

Passiamo adesso altre operazioni. Per prima cosa bisogna pulirla dalla terra, lavarla ed asciugarla e portarla in cucina. Qui si prende coltello ben affilato e grande perché la zucca è dura da tagliare. La taglio a metà e poi divido le due metà in altre due metà così da fare quattro parti quattro.

gs1224-zucca-01

Cosa ci possiamo fare con la zucca? Tante cose. Io vado sul classico, un buon risotto, con riso Carnaroli, che per me è il più buono.

gs1224-zucca-02

Tra le quattro parti della zucca tagliata, ne scelgo una che andrà a cuocere insieme al riso. Quindi tolgo la buccia, sempre con un buon coltello affilato.

gs1224-zucca-03

Adesso pulisco la zucca e tolgo tutti i semi. Che faccio li butto? No, almeno non tutti. Un po’ ne tengo. Li lavo e li faccio asciugare. Quando saranno ben asciutti li posso mettere in un sacchettino di carta, dentro ad una scatola di fiammiferi, e conservarli per la prossima primavera, quando li pianterò.

gs1224-zucca-07

Passiamo ora alla preparazione vera e propria della zucca.

Prepariamo su un bel pentolone un soffritto con cipolla. Taglio la zucca in tanti quadratini. La zucca dell’orto ha un bell’aspetto. Che sia anche buona e saportita? Spero di sì. Il colore è un gradevolissimo arancione. Riempio un piatto.

gs1224-zucca-04

Metto i pezzi di zucca nel soffritto e mescolo. Poi aggiungerò un po’ di brodo vegetale e – naturalmente – il riso Carnaroli.

gs1224-zucca-05

Quindici minuti e dovrebbe essere cotto. Ecco il piatto: risotto alla zucca. Veloce, semplice, ma soprattutto piacevole. Ottimo gusto.

gs1224-zucca-08

Variante: taglio un altro quartino delle zucca in 4/5 strisce e metto in forno per un 15/20 minuti. Ottima anche questa. Provare per credere.

gs1224-zucca-al-forno

E i due quartini che rimangono? Non è che si può mangiare zucca per una settimana. Quindi taglio anche questo in quadratini, prendo dei sacchetti di plastica specifici per prodotti alimentari, metto dentro i quadratini di zucca e metto tutto in congelatore. Un risotto a settimana ci sta. Magari di domenica, quando ci sono tutti i negozi aperti, ed io provo invano a girare in centro per cercarne uno di chiuso… 

gs1224-zucca-06

Buon appetito a tutti. E mi raccomando, visti i tempi, se nasce il Partito della Zucca, votatelo, non si sa mai che ci possa essere zucca gratis per tutti! 😉

La giornata delle camelie [reminder]

Un intero fine settimana dedicato alle camelie invernali:sabato 3 e domenica 4 novembre 2018, dalle 10 alle 18, il FAI – Fondo Ambiente Italianoorganizzerà infatti a Villa Della Porta Bozzolo aCasalzuigno (VA)l’edizione autunnale della mostra e mercato “Le giornate delle camelie”, in collaborazione con la Società Italiana della Camelia.

Tema della manifestazione sarà il binomio pietra e fiori, che trova perfetta rappresentazione nei giardini del lago Maggiore – il cui paesaggio è stato modellato nei secoli dall’uomo attraverso il dissodamento della terra e la costruzione di terrazzamenti – dove la pietra costituisce l’ossatura principale e i fiori la componente in divenire, che viene resa florida dall’acqua. Un “dialogo” verde che verrà raccontato anche grazie all’esposizione a cura di Ivo Rocco di architetture di pietra in miniatura(case, chiese, edifici pubblici, etc.) abbellite con fiori di camelia sasanquache hanno trovato nella zona del lago la loro seconda patria dopo il Giappone e bonsai di camelie con fioritura invernale e grazie a visite speciali con focus sui materialiusati per la costruzione di terrazzamenti, statue, balaustre e fontaneche decorano il giardino di Villa Bozzolo, in particolare la pietra di Viggiù.

Durante la manifestazione il pubblico potrà ammirare e acquistare numerose piante di camelia a cura del vivaioLa Camelia d’Oroe visitare una mostra del fiore reciso a cura della Società Italiana della Camelia. Le sale del piano terra della villa accoglieranno inoltre un’affascinante esposizione di bonsai a cura del Centro Crespi Bonsaicon piante di camelia sasanquain fiore.

Tanti anchegli incontri e i laboratori organizzati nei due giorni di manifestazione:

  • Sabato3 novembre,alle ore 10.30 e alle 14.30, verrà organizzato un laboratorio di fotografia macro di fioria cura del fotografo Armando Pezzarossa (su prenotazione, con contributo di € 5 a persona)mentre alleore 15 sarà possibile partecipare alla conferenza dal titolo “Le camelie del Portogallo”tenuta da Andrea Corneo, Presidente della Società Italiana della Camelia.

  • Domenica 4 novembre, alle ore 12 e alle 16, l’appuntamento è con il laboratorio sulla coltivazione e sulla propagazione delle camelie, a cura de La Camelia d’Oro.

  • Inoltresia sabato che domenica,alle ore 11 e alle 15, la Società Italiana della Cameliaproporrà interessanti visite guidate alla mostra dei fiori recisi, mentre Ivo Rocconel corso delle due giornate sarà a disposizione dei visitatori per alcune dimostrazioni su come realizzare architetture di pietra in miniatura.

Con il Patrocinio della Provincia di Varese.

Il calendario “Eventi nei beni del FAI 2018”, è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, e al prezioso contributo di PIRELLIche conferma per il sesto anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione. Si aggiunge quest’anno la prestigiosa presenza diRadio Monte Carloin qualità di Media Partner.

Villa Della Porta Bozzolo è museo riconosciuto da Regione Lombardia.

*****

Villa Della Porta Bozzolo – viale Camillo Bozzolo 5, Casalzuigno (VA)

Giorni e orari:sabato 3 e domenica 4 novembre 2018, dalle ore 10 alle 18

Ingressi: Intero: 10 €; Ridotto 4-14 anni: 5 €; Iscritti FAI e residenti Casalzuigno: 4 €; Famiglia (2 adulti + 2 bambini) 25 €.

Per informazioni servizio bar/ristorante: La cucina di casa 348.5117534

Per informazioni: http://www.fondoambiente.it; faibozzolo@fondoambiente.it

Camelie-Foto-Maurizio-Maniscalco
Photo Courtesy: Maurizio Maniscalco

Verde è sinonimo di equilibrio

L’uomo e la tecnologia sono sempre più inseparabili. Le persone non vogliono rinunciare alle comodità. Tuttavia, la rapidità degli sviluppi tecnologici provoca in noi uno squilibrio. Il verde è la soluzione. Circondati di bulbi da fiore per trovare il giusto equilibrio fra hi-tech e benessere del corpo e della mente.

Ritmi serrati

La tecnologia è diventata parte integrante della nostra vita. Rende tutto più facile e più divertente. Però non è facile rimanere al passo con i rapidi sviluppi tecnologici da cui veniamo letteralmente travolti. Per tale motivo abbiamo bisogno di un ambiente che eserciti su di noi un effetto benefico. Il verde è la risposta giusta. Infatti i fiori e le piante ci fanno sentire bene e a nostro agio. Se desideri aggiungere una nota sorprendente, pianta i bulbi da fiore. Potrai godere di uno spettacolo meraviglioso fin dall’inizio della primavera.

La forza del verde

L’interesse nei confronti del verde è notevolmente cresciuto. Sempre più spesso desideriamo circondarci di fiori e piante. È interessante inoltre scoprire di più sui fiori e sulle piante: come si chiamano, da dove provengono, quali storie nascondono? In modo inconsapevole, percepiamo che il verde ha la forza di farci ritrovare la pace dei sensi mentre fuori imperversa l’uragano tecnologico. Il verde è l’ingrediente migliore per armonizzare il corpo e la mente.

Atmosfera futuristica

I bulbi a fioritura primaverile, disponibili nei colori più strabilianti, soddisfano perfettamente questa tendenza. Particolarmente richiesti sono i fiori con accattivanti colori variegati, mentre le tonalità fortemente contrastanti sono sempre più presenti in giardino. Giocando con questi elementi puoi creare un’atmosfera quasi futuristica in giardino, sul balcone o sulla terrazza. Se li pianti adesso, i bulbi ti sorprenderanno non appena farà capolino la primavera.

Per maggiori informazioni sui bulbi da fiore, visita il sito www.bulb.com.

equilibrio-fiori
Foto a sinistra: Tulipa ‘Pretty Princess’, ‘Baby Blue’ ,’Double Princess’, Hyacinthus ‘Jan Bos’ – Foto al centro: Tulipa, Camassia, Gloriosa – Foto a destra: Tulipa ‘Pretty Princess’

La pioggia

… è quel fenomeno naturale che permette la separazione delle gocce d’acqua dalle nuvole.

Quando queste gocce cadono al suolo la terra e le piante ringraziano. E crescono.

Ma se le precipitazioni intense si creano dei disagi. Per le piante e gli esseri umani che popolano una certa area geografica. Quando poi le piogge sono particolarmente intense, non vengono più definite piogge, ma bombe d’acqua, quasi ad indicare una guerra in corso, tra la Natura e gli esseri umani.

Qui a Vicenza piove da domenica. Scuole chiuse per evitare disagi maggiori nel caso i fiumi tracimino. È già successo nel 2010 in questa città, e a quel tempo ho girato in bici per strade e quartieri del centro storico per vedere come una cosa così buona come l’acqua possa diventare terribile e terrificante.

gs1223-gocce-02

A guardare le gocce d’acqua sui petali delle gerbere del mio balcone non posso non pensare all’alluvione di Vicenza. Oggi, grazie alla costruzione di bacini di laminazione (quello di Caldogno, per intenderci è composto da due vasche che possono contenere 3,8 milioni di metri cubi d’acqua) il rischio è minore, ma siccome viviamo in una società nella quale i rischio sono proporzionali alle nostre libertà, ecco che è meglio proteggersi da eventuali danni alzando il livello d’allerta.

Ritorno a guardare le gocce sulle gerbere…  

gs1223-gocce-01

Gli effetti benefici di un giardino sobrio

L’accumulo eccessivo di oggetti e l’attenzione nei confronti dell’ambiente cambiano la nostra etica. Questa presa di responsabilità si traduce in uno stile di vita più sobrio e più semplice. Desideri ritrovare la quiete in giardino? Inizia ad eliminare le cose inutili, creando ordine e spazio. Con i bulbi da fiore del colore giusto, potrai rimpiazzare lo stress con energia nuova.

Basta cianfrusaglie

Il termine sfrondare non è valido solo per le piante. Anche noi dobbiamo imparare a “sfrondarci”, poiché l’accumulo eccessivo di oggetti non ci rende felici, anzi mina il nostro benessere. Eliminando tutto ciò che è inutile liberiamo spazio nella mente. Inoltre evitando di riempire la casa di chincaglierie siamo più rispettosi dell’ambiente. Assumiti le tue responsabilità e scegli un allestimento semplice e sostenibile per il tuo giardino. Un’atmosfera sobria regala chiarezza e armonia. Riciclando oggetti e materiali potrai ottenere risultati meravigliosi. Inoltre il riutilizzo delle cose offre una sensazione migliore rispetto all’acquisto di oggetti nuovi.

giardino-01
A sinistra: Leucojum aestivum ‘Gravetye Giant’ A centro: Narcissus ‘Paperwhite’ A destra: Tulipa ‘White Baby’ e Narcissus ‘White Tete’, ‘Paperwhite’

 

L’importanza del verde

Sapevi che il verde svolge un ruolo sempre più importante? Talmente importante che in futuro potrebbe diventare persino uno dei principali fornitori di energia. Esistono già alberi luminescenti che sostituiscono i lampioni a elevato consumo di energia elettrica. Non è fantastico? La tecnologia si evolve così rapidamente che non c’è da stupirsi se a breve saremo testimoni di nuove scoperte e invenzioni nel settore dell’energia verde. Anche il ruolo del verde in qualità di produttore di ossigeno assume sempre maggiore importanza. Aumentano gli spazi pubblici in cui il verde è fortemente presente. I bulbi da fiore sono una parte importante del verde e ti sorprendono all’inizio di ogni primavera.

giardino-02
Tulipa ‘White Baby’

Segui il tuo gusto

Un giardino sobrio privo di cianfrusaglie ha un effetto molto rilassante. Scegli la semplicità per creare un ambiente ordinato e armonioso. Elimina tutti gli oggetti che non hanno una funzione pratica, o regalali a qualcuno che possa servirsene. Riutilizza sacchetti, vasi e fioriere e chiediti se sia davvero arrivato il momento di sostituire la panchina del giardino. Oltre al fresco verde delle piante, il blu e il nero sono colori che regalano al giardino un aspetto sobrio e rilassante. I bulbi dai fiori bianchi, quali narcisi, giacinti e campanellini, offrono un tocco di armonia e di garbo in più. Distribuiscili in modo equilibrato per godere al massimo della loro bellezza.

giardino-03
Narcissus ‘Pure White’