Una rosa è una rosa…

A VILLA DELLA PERGOLA LA REGINA DEL GIARDINO TRA FIORITURE E LABORATORI PER FAMIGLIE

Fino alla fine di ottobre i giardini di Villa della Pergola ad Alassio saranno aperti al pubblico per le visite guidate, che si tengono di sabato e domenica con inizio alle ore 9.30 – 11.30 – 15.00 – 17.00 e durante la settimana solo per gruppi (prenotazione obbligatoria, biglietti: singolo: 12 euro, Soci FAI: 10 euro, Ragazzi da 6 a 14 anni: 6 euro, Gratuito per i bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto, info su www.giardinidivilladellapergola.it).
Realizzati alla fine del XIX secolo i Giardini di Villa della Pergola rappresentano uno dei rari esempi di giardino inglese in Italia e, grazie all’attento restauro curato dall’architetto paesaggista Paolo Pejrone, uniscono sapientemente la tipica vegetazione mediterranea con piante rare della flora esotica. Nei 22.000 mq di superficie sono ospitate importanti collezioni botaniche come quella dei glicini, con oltre 28 varietà, e una collezione botanica unica in Europa con più di 350 varietà di agapanti.

Rosa-Giardini-di-Villa-della-Pergola

Maggio a Villa della Pergola: fioriture e laboratori sulla rosa, la regina del giardino
Durante il mese di maggio i visitatori dei Giardini di Villa della Pergola potranno ammirare le fioriture delle spiree, splendidi arbusti che si ricoprono di candidi fiorellini, delle prime buganvillee e delle rose.
E proprio alla regina del giardino, la rosa appunto, è dedicato il laboratorio del 15 maggio “Una rosa è una rosa…”, organizzato nell’ambito di “Una domenica in giardino”, una serie di eventi rivolti ai bambini e alle famiglie realizzati su un progetto di Nadia Nicoletti che propongono vere e proprie attività sperimentali con le piante e la terra, affiancate da percorsi di manipolazione e ricerca di profumi e sapori.
Nel periodo di fioritura delle rose del Giardino di Villa della Pergola, si conosceranno da vicino le rose antiche che qui vengono coltivate. Si andrà alla scoperta delle Rose Banksiae, della Rosa Bracteata e delle Rose Cinesi e si scopriranno le caratteristiche e la storia di questi meravigliosi fiori. Durante il laboratorio, inoltre, si imparerà una tecnica di propagazione di queste piante e si utilizzeranno i petali per un’attività curiosa.

Il Laboratorio si terrà domenica 15 maggio alle ore 9.30-10.30-11.30-15.00-16.00-17.00. Durata 1h.
Costo del laboratorio abbinato alla visita guidata:
euro 15 adulti,
euro 12 soci FAI
euro 5 bambini (gratuito per bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto).
Prenotazione obbligatoria a info@giardinidivilladellapergola.com – Tel. 0182646130/ 0182646140 – Cell. 335664550 / 3381252079 (Davide).

Villa della Pergola

Il grattacielo verde di Milano

UN BOSCO VERTICALE: IL GRATTACIELO VERDE DI MILANO RACCONTATO DA STEFANO BOERI

Sabato 14 maggio, ore 17
Villa del Grumello – Como
Via per Cernobbio 11

Stefano Boeri dialoga con Michele Pierpaoli, Roberta Peverelli e Tommaso Sacchi
Coordina Salvatore Amura

Prosegue il cammino verso la sedicesima edizione di Parolario, la manifestazione dedicata ai libri e alla lettura che si terrà dal 16 al 25 giugno a Como: sabato 14 maggio alle 17 presso Villa del Grumello a Como Stefano Boeri presenterà “Un bosco verticale” (Corraini, 2015), libro dedicato al celebre grattacielo verde di Milano, riconosciuto a livello internazionale.
Durante l’incontro, organizzato da Parolario con l’Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED, l’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Como e la collaborazione della Associazione Villa del Grumello, l’autore dialogherà con Michele Pierpaoli, presidente dell’Ordine, Roberta Peverelli, architetto e project manager di Peverelli srl e Tommaso Sacchi, consigliere del Comune di Firenze per gli eventi culturali e responsabile di Estate fiorentina. Coordinerà Salvatore Amura, presidente e amministratore unico di Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED di Como.

il-bosco-verticale_copertina

Il libro

“Un bosco verticale” è il libro in cui Stefano Boeri racconta il progetto di quello che è diventato, persino prima di essere terminato, uno degli edifici più emblematici di Milano; un tentativo di introdurre nell’architettura un concetto fino ad ora estraneo: la biodiversità. Il bosco verticale non è infatti un edificio pensato unicamente per essere abitato dagli uomini ma anche da altre specie (uccelli, insetti) che l’inarrestabile predominio del cemento ha allontanato dalle nostre città. Il libro è diviso in quattro parti: “Alberi e umani”, un testo che racconta la nascita e lo sviluppo del progetto; “Storie dal Bosco Verticale”, con alcuni piccoli racconti illustrati da Zosia Dzierżawska; il “Dizionario illustrato del Bosco Verticale in 100 voci”, che raccoglie i concetti chiave del progetto e infine “Bosco Verticale: Imparare dal I BV”, che modellizza l’esperienza per permettere la riproduzione altrove di progetti analoghi.

Stefano_Boeri

Stefano Boeri
È architetto e Professore di Progettazione Urbanistica presso il Politecnico di Milano, dove dirige il laboratorio di ricerca multiplicity.lab. Dal 2004 al 2007 è stato direttore della rivista “Domus” e da settembre 2007 dirige la rivista “Abitare”. Lo studio Stefano Boeri Architetti si occupa di progettazione di edifici e spazi aperti in aree urbane europee da valorizzare o recuperare. Boeri ha fatto parte, insieme a Richard Burdett, Jacques Herzog e William MacDonough, della Consulta architettonica internazionale nominata per sviluppare il Concept Masterplan dell’Expo Milano 2015.

Ingresso libero.

Chi spunta tra le foglie? [laboratorio per bambini]

Siamo lieti di invitarvi Domenica 8 maggio, in concomitanza con l’#AppiaDay, alle attività di primavera all’aria aperta per grandi e piccini dell’Hortus Urbis, l’orto antico romano nel Parco dell’Appia Antica.

Alle ore 11 e alle ore 12 – CHI SPUNTA TRA LE FOGLIE? | Laboratorio per bambini, a cura di StudioArturo

Ci divertiremo insieme a dare forma ai folletti invisibili che si aggirano nell’orto, all’inizio sarà tutto bianco ma basterà un pò di colore … un trucco di magia con pastelli e tempere per svelare la loro presenza intorno a noi.

– Età 3/10 anni. Per i più piccoli è consigliata la presenza di un genitore
– Durata: circa 50 minuti
– Registrazione 15 minuti prima dell’inizio del laboratorio
– Iscrizioni online con una email a hortus.zappataromana@gmail.com entro le ore 13 di venerdì 6 Maggio oppure sul posto fino ad esaurimento delle disponibilità
– Quota di partecipazione:
8 euro a bambino con pagamento anticipato online (6 euro con la Carta amici del Parco)
10 euro a bambino con pagamento sul posto(8 euro con la Carta amici del Parco)
Il pagamento anticipato non sarà restituito, salvo che il laboratorio sia annullato per motivi meteo o altri motivi particolari. In tal caso il pagamento effettuato può essere utilizzato in uno dei prossimi laboratori in programma effettuando la prenotazione e segnalando il pagamento annullato in precedenza.

Vedi la locandina e i dettagli del programma completo: www.hortusurbis.it

Si ricorda che l’area è dotata di zona pic nic per coloro che volessero trattenersi anche per il pranzo.

chi-spunta-tra-le-foglie

Castello Quistini e il giardino incantato dove fioriscono migliaia di rose

A partire dalla prima Domenica di Maggio riapre uno dei più famosi giardini del nostro paese: il giardino di Castello Quistini a Rovato, in Franciacorta, dove regna una delle più grandi collezioni di rose: oltre 1500 varietà con colori e profumi di ogni tipo a fare da cornice ad uno dei più antichi castelli della provincia di Brescia.

Una decina di anni fa, grazie alle idee e all’impegno della famiglia proprietaria, all’interno delle mura del palazzo furono progettati una serie giardini con collezioni di rose antiche e inglesi pronte a fiorire a partire da Maggio, speciali varietà di ortensie e peonie, frutti antichi e piccoli orti con collezioni di piante officinali.

gs1029-rose

Oggi Castello Quistini è un luogo unico al mondo, che per tutta la Primavera, le Domeniche e i giorni festivi, sarà aperto alle visite per tutti coloro che vorranno ammirarne la bellezza. Con il biglietto di ingresso si avrà accesso ad un tour chiamato “Tra rose, storia e leggenda”, un percorso storico tra alcune delle sale del palazzo ma non solo: fiori , piante, giardini e collezioni botaniche vi accompagneranno tra i giardini per una passeggiata botanica. Vi verrà consegnata una mappa dei palazzo con le descrizioni delle sale e dei giardini. Per chi preferisce la classica visita guidata appuntamento alle ore 11,00 e alle ore 16,00 di ogni Domenica e festivo.

Decisamente interessante è il Giardino Bioenergetico, realizzato nel 2004 dall’eco designer Marco Nieri e dall’architetto Chiara Odolini. C’è poi il Giardino Segreto delle Ortensie, un piccolo e nascosto spazio verde dove ammirare alcune varietà di ortensie tra le più particolari, come l’Hydrangea involucrata. Un posto di riguardo spetta ad Hortus Conclusus, dove sono state piantate e catalogate una cinquantina di varietà di piante officinali, come l’achillea. Piante che anche oggi trovano uso nei rimedi omeopatici o che forniscono i loro principi attivi per curare le malattie.
Infine, l’antico frutteto. Nel ‘brolo’ sono stati reinseriti molti frutti antichi o abbandonati, come il biricoccolo, che nelle sue tre declinazioni varietali si distingue in ‘nostrano’, ‘gigante’ e ‘vesuviano’, il nashi, il fico brogiotto e il pero cotogno, con il quale vengono realizzate gustosissime marmellate. Il tour tra i giardini è arricchito da alcuni oggetti misteriosi nascosti in natura: figure d’animali realizzati con materiali riciclati affiorano dall’acqua del laghetto o tra i cespugli di rose e vi accompagneranno in questo magico itinerario.

gs1028-castello-quistini

Ricordiamo anche due importanti appuntamenti in programa tra I giardini e le sale del castello: “Mercanti in Viaggio”, evento dedicato a vintage, handmade, design che si terrà il 9/10 Aprile e “Flower Market”, evento dedicato a piante, fiori, handmade, benessere, vita all’aria aperta, che si terrà il 21/22 Maggio.

Per informazioni potete consultare il sito internet http://www.castelloquistini.com , telefonare al 320 8519 177 oppure diventare fan della pagina facebook a questo indirizzo: www.facebook.com/castelloquistini.

gs1029-castello-quistini

Tre giorni per il giardino

I migliori espositori per la prima e più completa mostra-mercato italiana di florovivaismo di qualità

Importante compleanno per la “Tre giorni per il giardino” al Castello di Masino a Caravino (TO): la prestigiosa mostra-mercato organizzata dal FAI – Fondo Ambiente Italiano sotto l’attenta regia dell’Architetto Paolo Pejrone, fondatore e presidente dell’Accademia Piemontese del Giardino, nel 2016 festeggia 25 anni e si svolgerà venerdì 29 – dalle ore 14.30 alle 18 – sabato 30 aprile e domenica 1 maggio – dalle ore 10 alle 19.

25 anni di consensi e di successi che hanno permesso alla manifestazione, ideata da Marella Agnelli e Paolo Pejrone sul modello di “Les journées des plantes” di Courson, di diventare una dei più importanti e completi appuntamenti florovivaistici internazionali.
Alla prima edizione parteciparono 30 espositori, mentre quest’anno saranno oltre 160 i vivaisti italiani e stranieri, selezionati sulla base di accurati criteri di qualità ed eccellenza, che porteranno nel parco secolare del Castello di Masino le loro migliori produzioni e tante novità. Crescita esponenziale anche per i visitatori: dai circa 7.000 del 1992 si è passati a una media di 25.000 nelle ultime edizioni, per un totale di più di 400.000 biglietti venduti.

Tre giorni per il giardino

Anche quest’anno esperti e appassionati potranno scoprire e acquistare, immersi tra colori e profumi primaverili, nuove e rare meraviglie per il giardino e l’orto e potranno conoscere le moltissime specie floreali e arboree esposte: alberi e arbusti per giardini e terrazzi; piante da frutto e da orto; piante da bacca; piante aromatiche ed erbe medicinali; piante annuali, biennali e perenni da fiore; piante decorative per la foglia; piante acquatiche; piante cactacee e succulente; piante alpine e da roccia; frutti antichi e sementi rare.

Oltre a piante e fiori, in vendita anche cesteria, vasi decorati e sculture; abbigliamento e attrezzi per la cura del verde, piscine naturali, prodotti ornitologici, serre, tessuti, lampade e arredi per esterno, pitture botaniche, voliere per farfalle, mangiatoie per scoiattoli e nidi per insetti utili, complementi per il giardino acquatico, editoria specializzata. In più sarà possibile acquistare frutta, verdura e profumi dell’orto di primavera e altri prodotti biologici.

Opportunità esclusiva per gli Iscritti FAI e i Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino:
Venerdì 29 aprile dalle ore 9.30 alle 14.30 gli iscritti e chi si iscriverà al FAI (possibilità di iscriversi in loco) e i soci dell’Accademia Piemontese del Giardino avranno la straordinaria possibilità di visitare la “Tre giorni per il giardino” con ingresso gratuito e prima dell’apertura al pubblico ufficiale. Un’opportunità unica per vedere gli ultimi preparativi e gli allestimenti finali degli espositori presenti a Masino e di fare acquisti in anteprima.

La visita alla manifestazione sarà resa ancora più piacevole dalla fioritura del cosiddetto “Giardino delle Nuvole” – composto da circa 7.000 piante di candide Spireae Van Houttey donate al FAI da Fondazione Zegna e messe a dimora dieci anni fa su progetto di Paolo Pejrone – e dalla visita al settecentesco labirinto di carpini, situato alla fine dell’antico viale di accesso al castello.

In occasione dell’evento verranno inoltre organizzati interessanti incontri e presentazioni di libri sul tema dei giardini e della cura del verde, oltre a speciali laboratori per i più piccoli.

Con il Patrocinio di Regione Piemonte, Città metropolitana di Torino e Comune di Caravino.
Il calendario “Eventi nei Beni del FAI 2016”, è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, al prezioso contributo di PIRELLI, che conferma per il quarto anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione, e Cedral Tassoni, azienda amica dal 2012 e importante marchio italiano che per il quinto anno ha deciso di abbinare la tradizione, la storia e la naturalità del suo prodotto al FAI.

Orario:
venerdì 29 dalle ore 14.30 alle 18, sabato 30 aprile e domenica 1 maggio dalle ore 10 alle 19 (ultimo ingresso ore 17.30).

Ingresso alla manifestazione:
Intero: euro 10,00; Ridotto (bambini 4-14 anni): euro 5,00; Iscritti FAI e Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino: euro 4,00; Residenti a Caravino e Cossano Canavese: gratuito.
Opportunità speciale riservata agli iscritti FAI e ai soci dell’Accademia Piemontese del Giardino: venerdì 29 aprile ingresso gratuito alla manifestazione dalle ore 9.30 alle 14.30.

Ingresso cumulativo manifestazione + visita al Castello:
Intero: euro 15,00; Ridotto (bambini 4-14 anni): euro 7,00; Iscritti FAI: euro 4,00; Residenti: gratuito.

Parcheggi:
Disponibilità di ampi parcheggi gratuiti nelle vicinanze della mostra. Parcheggio interno euro 5,00

Aree di ristoro:
– Area attrezzata per ristorazione, adiacente alla mostra, con piatti caldi, menu tipici della tradizione canavesana.
– Ampia Area Bar FAI in manifestazione
– Caffè Masino sulle terrazze panoramiche del Castello
– “Ristorante del Castello” presso il Salone Marchesa Vittoria, con menu stagionale (prenotazioni 335.5204114).

Per informazioni:
FAI – Castello di Masino tel. 0125.778100
www.castellodimasino.it

Tre giorni per il giardino

Il mondo delle api e Una culla per i semi

Due interessantissimi Laboratori per bambini, domenica 17 aprile 2016 all’Hortus Urbis
“IL MONDO DELLE API” e “UNA CULLA PER I SEMI”

Un appuntamento doppio! Ai più grandi autrice e illustratrice leggeranno la loro storia di una bambina vissuta tanto e tanto tempo fa e del suo incontro con un seme d’orzo. Ovvero dell’inaspettato germoglio del primo seme che ha portato alla nascita dell’agricoltura. Un modo per raccontare ai bambini come piccoli e semplici gesti possano dare vita a grandi cambiamenti. Ai più piccoli gli apicoltori racconteranno il meraviglioso mondo delle api.

Alle ore 10.30 – IL MONDO DELLE API (anni 1/4) | Laboratorio per bambini, a cura di Emanuela Marchini – Azienda Agricola Mamma Lù
Un percorso didattico-pedagogico volto ad avvicinare i bambini all’affascinante mondo delle api e della produzione del miele. Il laboratorio è stato concepito con lo scopo di presentare, in forma giocosa, un mondo animale ricco di suggestioni e sempre poco conosciuto e di stimolare le capacità percettive, manipolative e descrittive nei confronti della natura.
– Età 1/4 anni. È consigliata la presenza di un genitore
– Durata: circa 50 minuti
– Registrazione 15 minuti prima dell’inizio del laboratorio
– Iscrizioni on line entro le ore 18 di venerdì 15 Aprile con una email a hortus.zappataromana@gmail.com oppure sul posto fino ad esaurimento delle disponibilità
– Quota di partecipazione:
8 euro a bambino con pagamento anticipato on line (6 euro con la Carta amici del Parco)
10 euro a bambino con pagamento sul posto(8 euro con la Carta amici del Parco)

Mondo delle api

Alle ore 11 – UNA CULLA PER I SEMI (anni 5+) | Laboratorio per bambini, a cura di SemidiCarta
La terra è la culla del seme che germoglia. Fu con una terra speciale, l’argilla, che l’uomo realizzò alcuni dei primi utensili e contenitori per la conservazione dei semi e dei cibi. I bambini potranno sperimentare l’emozione di plasmare la terra con le mani. Ispirati dalla storia di Nadeema e Shair potranno realizzare una ciotola di argilla per piantarci poi dentro i loro semi d’orzo da accudire.
– Età 5 anni in poi.
– Durata: circa 50 minuti
– Registrazione 15 minuti prima dell’inizio del laboratorio
– Iscrizioni on line entro le ore 18 di venerdì 15 Aprile con una email a hortus.zappataromana@gmail.com oppure sul posto fino ad esaurimento delle disponibilità
– Quota di partecipazione:
8 euro a bambino con pagamento anticipato on line (6 euro con la Carta amici del Parco)
10 euro a bambino con pagamento sul posto(8 euro con la Carta amici del Parco)
In caso di pioggia le attività saranno spostate ad altra data, coloro che hanno pagato anticipatamente possono partecipare ad altro laboratorio nei 6 mesi successivi effettuando la prenotazione per tempo.

Culla per i semi

Vedi la locandina e i dettagli del programma completo: www.hortusurbis.it

Si ricorda che l’area è dotata di zona pic nic per coloro che volessero trattenersi anche per il pranzo.

Ninfeamus 2016

Dal 23 al 25 aprile porte aperte a Villa Visconti Borromeo Litta di Lainate per la quinta edizione di Ninfeamus, l’annuale appuntamento dedicato alla promozione della cultura del verde e alla natura, organizzata dall’Associazione ‘Amici di Villa Litta’ in collaborazione con il Comune di Lainate e il Museo comunale ‘Il Ninfeo di Lainate’, sostenuta da ‘I Grandi Giardini Italiani’, ‘ReGis – Rete dei Giardini Storici’, ‘EGHN – European Gardening Heritage Network’, ‘Il Parco più bello d’Italia – Network Nazionale di Parchi e Giardini’.

Ninfeamus 2016

Verde dentro
È il filo conduttore dell’edizione 2016, ispirato dalla riapertura delle Serre Liberty di Villa Litta, che il pubblico potrà visitare per la prima volta proprio in occasione di Ninfeamus, al termine dei lavori di restauro e dopo l’inaugurazione ufficiale di metà aprile. ‘Verde dentro’ è il verde all’interno degli spazi abitati, in un ribaltamento di prospettiva che mantiene però costante il dialogo con lo spazio aperto, ma è anche la persona che consapevolmente vive in equilibrio con la Natura e nel rispetto delle risorse. La presenza ‘verde’ all’interno dei luoghi di lavoro, di studio e privati risponde non solo a una ricerca estetica, ma anche ad esigenze terapeutiche: come confermano numerosi studi scientifici, infatti, gli effetti positivi delle piante si manifestano non solo sull’ambiente che ci circonda, ma anche sul nostro benessere fisico e mentale. E agli spazi di benessere è dedicata la conferenza di domenica 24 aprile (ore 11.30) dal titolo ‘Vivere una casa sana’: Marco Nieri, bio-researcher ed esperto in salute dell’habitat (www.archibio.it), spiegherà al pubblico come eliminare dal proprio ambiente domestico gli elementi di disturbo (materiali, tecnologie, finiture con cui si entra in contatto), aumentandone la salubrità e influenzando positivamente lo stato di salute.

Laboratori, mostre e spettacoli
Secondo un format ormai consolidato, la classica esposizione dedicata al mondo naturale si arricchisce di numerosi eventi e attività a tema che porteranno i visitatori a vivere in prima persona la manifestazione. Tra i laboratori in programma segnaliamo quello per genitori e bambini sulla produzione di creme cosmetiche con prodotti naturali a cura di Inganni Cremosi; e il laboratorio per bambini ‘Mandala di profumi e colori’ sull’antica arte dei mandala, per creare con erbe e fiori un disegno simbolico e armonico. Le sale di Villa Litta ospiteranno la mostra di acquerelli botanici ‘Piante dentro’, una selezione dei raffinati lavori della pittrice Silvana Rava che portano il verde all’interno degli ambienti abitati; ‘La foresta di Mele’, personale dell’artista Vito Mele con una proposta di sculture prossime al mondo naturale; e ‘Leal Art Aid 2.0’, selezione di quadri e sculture della collettiva Leal Art Aid 2.0, vendita benefica online di opere d’arte contemporanea. Ci saranno anche degli spettacoli per bambini di tutte le età, come ‘È l’ora’ della compagnia teatrale San Giorgio e il Drago, un viaggio immaginario alla scoperta di quello che ci circonda e del buon uso delle risorse, tra protagonisti buoni e antagonisti diabolici; e ‘Il conciorto’, un concerto di ‘verdure suonate’ proposto Biagio Bagini e Luigi Carlone, una raccolta di musiche e canzoni originali che raccontano di ortaggi e coltivatori.

Concorso per progettisti e per le scuole
Il tema dell’armonia e dell’integrazione tra spazi interni ed esterni ha guidato anche gli elaborati della III edizione del Concorso “Progettare inside-out” rivolto a progettisti del verde e studenti di agraria o scuole di paesaggio. Gli allestimenti saranno inseriti armonicamente tra gli stand, visitabili dal pubblico e dalla giuria di esperti, e il progettista/gruppo vincitore verrà proclamato ufficialmente nella cerimonia di domenica 24 alla presenza delle autorità. In esposizione ci saranno anche gli elaborati realizzati dagli studenti lainatesi che hanno partecipato al concorso ‘Verde dentro.. la scuola’.

Sport all’aria aperta e momenti benessere
Ninfeamus regala anche momenti di relax nel Parco, con lezioni di Kung Fu e Thai Chi Chuan a cura dell’associazione Circolo Lainatese, e ‘pause’ olistiche a cura dell’associazione Rosa per la Vita (tra le discipline in programma ci saranno yoga della risata, giocayoga per bambini, biodanza e psicomotricità). Sempre legati al tema del benessere fisico e spirituale, segnaliamo le lezioni di meditazione e stretching antico dei monasteri indiani a cura dell’associazione Sai Vidya, due momenti per rilassarsi e raggiungere un effetto distensivo psicofisico; e il workshop di danza consapevole ‘Corpo d’acqua’, a cura di Lucylab.evoluzioni e condotto da Rosita Mariani, per muoversi consapevolmente focalizzando l’attenzione sull’ascolto della componente liquida del corpo.

Visite guidate al Ninfeo e alle Serre Liberty
Nella tre giorni dedicata alla natura ci sarà come sempre un’anteprima di stagione delle visite guidate al Ninfeo di Villa Litta con i suoi irriverenti giochi d’acqua, organizzate dall’associazione Amici di Villa Litta, e le prime visite libere (con ingressi regolati per evitare l’affollamento) alle restaurate Serre Liberty, serre calde realizzate tra la seconda metà dell’800 e il primo ‘900 e usate per ospitare una magnifica collezione di piante tropicali, rare e misteriose per i tempi, tra cui orchidee, palme da dattero e caffè.

I ricavi della manifestazione saranno destinati come sempre al verde di Villa Litta, alla conservazione e al proseguimento dei restauri dei Giardini, dei parterres e del Parco storico. Grazie ai proventi dell’edizione 2015 è stato possibile ampliare la collezione di acidofile, piantumando nuove ortensie quercifolia e azalee rifiorenti.

Il programma di Ninfeamus sarà disponibile a breve su: www.ninfeamus.it

Ninfeamus 2016

Una domenica in giardino: laboratorio Profumo di glicine

I Giardini di Villa della Pergola, che si affacciano sullo splendido Golfo di Alassio, sono aperti al pubblico fino alla fine di ottobre per le visite guidate che si tengono di sabato e domenica, con inizio alle ore 9.30-11.30-15.00-17.00 (prenotazione obbligatoria). Durante la settimana è possibile prenotare visite solo per gruppi.

I Giardini, realizzati alla fine del XIX secolo, rappresentano uno dei rari esempi di giardino inglese in Italia e, grazie all’attento restauro curato dall’architetto paesaggista Paolo Pejrone, uniscono sapientemente la tipica vegetazione mediterranea con piante rare della flora esotica. Nei 22.000 mq di superficie sono ospitate importanti collezioni botaniche come quella dei glicini, con oltre 28 varietà, e una collezione botanica unica in Europa con più di 350 varietà di agapanti.

Il biglietto d’ingresso è acquistabile sul posto ed è comprensivo di accompagnamento guidato.
Singolo: 12 euro, Soci FAI: 10 euro, gratuito per i bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto. Scolaresche (visita parco): 6 euro.
Per prenotazioni: Tel. +39.0182.646130 – +39.0182.646140 – info@giardinidivilladellapergola.cominfo@villadellapergola.com

Villa della Pergola

Domenica 17 aprile si terrà “Profumo di glicine”, il primo laboratorio nell’ambito di “Una domenica in giardino”durante il quale si andrà alla scoperta delle 28 varietà di glicine (Wisteria sinensis) coltivate a Villa della Pergola e del loro profumo. Nei giardini della Villa si trovano infatti glicini di tutti i tipi: a fiori bianchi, rosa, viola, blu e in varie sfumature di colore. Guidati dal loro inebriante profumo i partecipanti potranno andare alla scoperta di questa pianta, imparando alcuni segreti per coltivarla con successo e realizzando un progetto con i suoi fiori.
La giornata è rivolta ad adulti, bambini e famiglie, un modo per trascorrere una domenica diversa unendo la visita guidata dei Giardini di Villa della Pergola a laboratori di giardinaggio a tema stagionale

VIlla della Pergola, glicine

I prossimi appuntamenti con “Una domenica in giardino” saranno il 15 maggio per il laboratorio “Una rosa è una rosa…” e il 12 giugno con “Agapanti, lavande e agrumi: aromi e sapori da giardino”.

I laboratori si terranno alle ore 9.30-10.30-11.30-15.00-16.00-17.00. Durata 1h.
Costo di ogni laboratorio abbinato alla visita guidata: € 15 adulti, euro 10 soci FAI, euro 5 bambini (gratuito per bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto). Prenotazione obbligatoria.

Sono invece rivolti alle scuole i laboratori “Giardini in villa”, attività didattiche studiate su misura e realizzate su un progetto di Nadia Nicoletti, esperta di didattica orticola, che si terranno nei mesi di aprile, maggio, giugno, settembre e ottobre. Costi: euro 8,00 a bambino.

Per info e prenotazioni laboratori scuole e famiglie: info@giardinidivilladellapergola.com – Tel. 0182646130/ 0182646140 – Cell. 335664550 / 3381252079 (Davide).

Agibilità
I Giardini sono visitabili in gran parte anche da persone disabili. Solo alcune zone non sono accessibili a causa della morfologia del terreno e per la presenza di brevi scale in pietra.
Gli animali non possono entrare.

Per informazioni e prenotazioni:
Villa della Pergola,
via Privata Montagu 9, 17021 Alassio (Savona)
Tel. +39.0182.646130 – +39.0182.646140
www.giardinidivilladellapergola.com
www.villadellapergola.com

Villa della Pergola, Alassio

48 tulipani

Ne ho contati 48 nel mio orto giardino.
Bulbi che ormai avranno una quindicina d’anni… forse di più. Piantati un giorno nel mio orto, spostati una volta, lasciati là. E loro ogni anno mi regalano tanti rossi delicati che primeggiano sull’orto quasi vuoto di aprile, e mi danno l’energia per iniziare a piantare qualcos’altro e affrettarmi nei lavori.
Peccato che i tulipani durano poco. Ma la bellezza della Natura sta anche in questo, nel distruggere le nostre certezze, perché la fine di questi tulipano è il loro nuovo inizio.

tulipani

Fagioli

Ecco il primo dritto in piedi che sta cercando di togliersi l’ormai obsoleto cappello.
Ha bisogno di sole, di caldo e di acqua.
Poi crescerà e mi lascerà i suoi frutti.

Fagioli e fagiolini sono bellissimi da coltivare. Anche se non avete tanto spazio nel vostro orto lasciate una o due file di terreno per fagioli e fagiolini.

Potete farli germinare su cotone idrofilo. È un metodo ottimo e pratico.

fagiolo

Pero coscia OK

Quando si pianta un albero si spera che accetti la posizione, il terreno e cresca. Così è stato per il pero coscia, che da spoglio rametto – ho piantato lo scorso anno, verso novembre se non ricordo male – ha iniziato a buttare tante nuove foglie verdi.

Per i frutti aspetterò ancora, mi basta sapere che si è ambientando bene nel pezzo d’orto che gli ho concesso.

pero coscia