E le bacche di Goji?

Niente, assolutamente niente.

Questo è l’ultimo anno che tengo la pianta. Se non mi fa le bacche la cedo volentieri ad un mio amico che si è prenotato per venire a trapiantarla nel suo giardino. Spero che almeno da lui crescano.

La mia pianta fa il fiore… ma poi niente. Il fiore non fa il frutto. Tristezza di luglio…

preview04

Sboccia WePlant!

Secondo il principio “la pianta giusta al posto giusto” nasce la App gratuita che facilita la scelta delle specie botaniche da utilizzare.

Nata da un’idea di Vivai Capitanio Stefano, sempre attenta all’informazione e sempre al passo con i tempi, l’applicazione permetterà di fare ricerche mirate secondo criteri specifici e caratteristiche botaniche che guideranno l’utente alla scelta della specie più indicata per le proprie esigenze.

weplant01

WePlant è uno strumento intuitivo, completo e sempre a portata di mano. Facilmente consultabile dai professionisti dai vivaisti, dagli addetti alle vendite, realizzatori e progettisti.

Con WePlant è possibile cercare piante secondo tipologia, esposizione, utilizzo, e colore.

Grazie alla grande quantità di informazioni contenute si potranno facilmente fornire indicazioni utili a propri clienti o acquirenti.

Fai clic qui per scaricare WEPLANT

weplant02

Insetti buoni e… cattivi!

Approfitto della gentilezza di un lettore del blog per postare due sue foto. Belle e didattiche.

Su una foglia di Ibiscus delle coccinelle stanno cercando delle larve. Alcuni lettori mi hanno rimproverato di aver messo confuso coccinelle con cimici asiatiche. Quelle della foto qui sotto sono dunque cimici asiatiche. Per vedere delle larve di coccinella vi rimando a questo articolo, dove potete vedere la metamorfosi delle coccinella, da larva ad insetto utile. Ecco il link: cliccate qui.

Ringrazio i lettori per la loro attenzione e le loro precisazioni – pubblicate nei commenti al seguente post. 😉

Larve di coccinella
Larve di cimici asiatiche

La foto qui sotto – ringrazio di gran cuore Graziano B. per la foto – è purtroppo qualcosa di terrificante, o comunque di nagativo.

Si tratta infatti di cimici asiatiche, che sono andate proprio sulla stessa foglia di Ibiscus dove precedentemente c’erano le bellissime e utili larve di coccinella.

Cimici asiatiche
Cimici asiatiche

La globalizzazione non è solo commercio import export, o meglio, diciamo che su questo commercio, che alimenta la nostra società capitalista, rientrano a pieno titolo anche vegetali, animali e insetti, che arrivano quasi “spontanei”, senza che nessuno abbia chiesto esplicitamente una loro presenza. Le cimici asiatiche sono terribili, e se ne trovate nel vostro orto o nel vostro giardino non esitate ad eliminarle. Portano solo danni alle vostre colture. Tra l’altro le cimici asiatiche sono – ovviamente? – più temibili delle nostre cimici nostrane. Stesso discorso che si era fatto per le nostre zanzare e le micidiali zanzare tigri.

Camomilla

Dopo tanto… tanto tempo e tante prove, ecco la camomilla.
Non ricordo di averla seminata, ma è cresciuta in un vaso rettangolare.
Così va l’orto. A volte è misterioso e poco razionale, o probabilmente sono io a non comprendere bene i suoi meccanismi.
Sorrido però nel vedere la camomilla.
Mi sono abbassato e l’ho annusato, per essere certo che fosse camomilla.
E camomilla è! 😉

camomilla

Pomodori sempre più grossi

Comincia il caldo qui a Vicenza, dopo un maggio pazzerello – una volta era aprile il pazzerello – il vero caldo pre-estivo. E le colture crescono e  si ingrossano!

I frutti di bosco maturano, l’insalata sta crescendo e i pomodori sono ancora verdi, ma sempre più grossi.

Quello che mi resta da fare… è augurarvi un caldo e fertile giugno!

Pomodoro

 

Le forbici con il manico arancione / 50° anniversario

50 anni fa, in un piccolo villaggio in Finlandia chiamato Fiskars, nasceva un oggetto creato per la vita di tutti i giorni, le forbici con il manico arancione.

Da allora le forbici Fiskars con il manico arancione e lame in puro acciaio inox sono entrate in più di un miliardo di case sparse in tutto il mondo, diventando un classico del design ed esposte al Museo di Arte Moderna di New York come icona del design nordico.

Le forbici Fiskars con il manico arancione sono adatte per tutti i tipi di lavori di taglio e si possono trovare in tutto il mondo, dal cassetto della cucina, alla casa della nonna, nelle scuole e negli uffici.

Forbici Fiskars

Le forbici Fiskars con il manico arancione vengono anche utilizzate nelle sartorie di case di moda internazionali e negli studi di artisti e artigiani in tutto il mondo. Ancora oggi, le forbici Fiskars con il manico arancione, vengono costruite e collaudate una ad una nella fabbrica in Finlandia.

Il colore arancione dei manici, caratteristica che distingue le forbici Fiskars, nacque per puro caso nel 1967. Capitò che il colore arancione, rimasto nella macchina che poco prima aveva prodotto un piccolo elettrodomestico, venne utilizzato per fare una prova di colore sui manici delle forbici.

Si passò quindi alle votazioni tra gli operai della fabbrica, per decidere il colore dei manici delle nuove forbici. I colori a disposizione erano l’arancione, il rosso carminio e il nero.

Il colore arancione vinse con 9 voti a favore contro 7 contrari e divenne, così, la caratteristica distintiva delle forbici che sarebbero diventate un’icona del design nordico vendute in tutto il mondo in oltre un miliardo di copie.

Forbici Fiskars

Nel corso del 2017, Fiskars raccoglierà le storie ispirate dalle forbici arancioni raccontate da artisti, designer e influencer provenienti da tutto il mondo.

Le storie ispirate dalle forbici Fiskars con manici arancioni, si potranno trovare sul sito www.fiskars.com oltre che nel Design Museum di Helsinki, dove verrà allestita una mostra dedicata, nel mese di settembre 2017.

Fiskars celebra quest’anno il 50° anniversario delle forbici col manico arancione come una fra le più importanti pietre miliari che fanno parte di una storia di idee rivoluzionarie che continua nel tempo.


Fiskars, però, non è conosciuta solo per le forbici. La ricerca e la produzione abbraccia una vasta gamma di coltelli, di utensili per la cucina e pentole.

Coltelli, utensili e pentole Fiskars, sono stati studiati, anche a livello di design, per tutti coloro che sono appasionati di cucina ma anche per chi desidera strumenti funzionali e pratici per preparare un pasto facile e veloce ma con un pizzico di creatività. La nuovissima linea GoBaking è l’ultimo esempio della creatività Fiskars che rimane fedele al colore arancione per sottolineare a colpo d’occhio l’appartenenza al brand.


Fiskars, infine, ha una gamma molto ampia di
prodotti per il giardinaggio, famosi per l’ergonomia che li rendono pratici e maneggevoli.

Forbici per giardinaggio

Fiori onirici

Vi regalo una visione onirica dei fiori che sbocciano e crescono nel mio orto. Crescono così tanto che – pur dispiacendomene – un poco ne ho tolti per lasciar spazio alle zucchine e alle quattro piantine d’insalata.

Quindi questi fiori sono, allo stesso tempo, una gioia per i miei occhi e il mio spirito, ma anche un incubo per il mio orto. Ecco perché vi parlo di visione onirica…

Visione onirica

Togliere i getti laterali al pomodoro

Il pomodoro è una pianta facile da coltivare, che ci regala tanti bei frutti nella calda estate. Un’operazione però è utile per migliorare la sua crescita. Viene chiamata sfemminellatura o anche scacchiatura. In pratica si tratta di togliere i getti laterali o germogli che la pianta produce. Questa operazione si compie per creare il giusto equilibrio tra la vegetazione e la produzione di frutti.

I getti che si sviluppano lateralmente tolgono infatti energia alla pianta. Non che non vi faccia più pomodoro, è che eseguendo la sfemminellatura avrete più frutti.

Come vedete in figura, individuare il getto è abbastanza semplice. Un altro nome con il quale è conosciuto è quello di getto ascellare.

Buon lavoro e buon maggio – il mese dei lavori nell’orto!

sfemminellatura del pomodoro
Il getto ascellare è indicato dalla freccia rossa, e facile da individuare nella pianta

Attenzione agli afidi!

Già li vedo. Qualcuno sui giovani rami del melograno, qualche altro su pochi – per adesso – rami delle rose. Bisogna intervenire subito, per non trovarsi, tra un mese o poco più, tutte le piante infestate da questi fastidiosi parassiti – vi ho postato anche un foto per spaventarvi.

Macerato d’ortica, pozioni da nebularizzare a base di peperoncino ed altre cose piccanti, acqua e sapone di marsiglia, così scivolano via. E ancora tanti altri rimedi, più o meno casalinghi.

Afidi su ramo di una rosa

Ma quest’anno ho voluto provare anche un esperimento. Ho acquistato una confezioni di semi di fiori che attirano le coccinelle. Già l’anno passato le coccinelle hanno in parte salvato il melograno cibandosi delle larve di afide. Però c’è anche la battaglia con le formiche, che invece adorano gli afidi. Una guerra senza quartiere. Così ho pensato di mettermi dalla parte delle coccinelle e di aiutarle con i fiori che le attirano. Vediamo l’esperimento. Vi aggiornerò. Male che vada… spero che i fiori che ho piantato siano belli da vedere.

Afidi

Tutto questo verde diverrà rosso

Esattamente. Si tratta di ribes rosso. Tante piccole palline che si colorano di rosso, e che aspettano solo che voi le stacchiate e le portiate alla bocca. Io ve le consiglio come guarnizione a gelati o torte.

Facile da coltivare – occorre solo una piccola potatura a fine stagione o in autunno, il ribes rosso è una pianta arbustiva che vi darà moltissime soddisfazioni. Ne sono così appassionato che quest’inverno mi son detto: «Ma perché non mi compro anche una pianta di ribes bianco?»

Detto fatto, sono uscito dal garden con una piantina che ho interrato e che adesso sta lentamente crescendo. E naturalmente sono curioso di assaggiarne i frutti – che però, secondo i miei calcoli – potrò cogliere la prossima estate.

Ribes rosso