ExpoPlant: your green marketplace

EXPOPLANT è il marketplace dedicato agli operatori, agli specialisti e agli appassionati di piante erbacee, arbustive ed arboree.

A chi si rivolge? 

A TUTTI!

EXPOPLANT è il marketplace dedicato agli operatori, agli specialisti e agli appassionati di piante erbacee, arbustive ed arboree.

Ad hobbisti, grossisti, produttori, dettaglianti e giardinieri, ma anche ad agronomi, paesaggisti, garden designer ed architetti.

Grazie a EXPOPLANT potrai trovare con estrema facilità tutte le specie necessarie a completare i tuoi progetti più ambiziosi, ma anche ricollocare velocemente le tue giacenze.

Sei un addetto ai lavori?

Per te entrare in EXPOPLANT sarà come partecipare a un’enorme fiera permanente in cui potrai sia acquistare che esporre!

Disporrai di un’ampia panoramica su tutta l’offerta corrente e potrai comperare a prezzi competitivi, allargando gli orizzonti della tua azienda e accedendo a tipologie di prodotto non reperibili nella tua zona.

Sei un progettista del verde?

La tua analisi di fattibilità è già qui! Controlla subito la vasta disponibilità di materiale vivaistico impiegabile nei tuoi progetti prima di dare libero sfogo a tutta la tua creatività.

Sei un hobbista o un appassionato?

Grazie a EXPOPLANT potrai accedere a un’offerta molto più ampia rispetto a quella locale, ma anche acquistare ai migliori prezzi di mercato.

Per maggiori informazioni visitate il sito ExpoPlant

Annunci

Colori d’autunno // 1

È più forte di me.

In autunno i colori di foglie, terra, alberi, fiori secchi mi attirano, e non posso fare a meno di inquadrarli. Questo post è dedicato ad un frutto particolare dell’autunno: la zucca. In versione Halloween. Bella grossa arancione.

Perché, oltre alla forma, le zucche sono affascinanti anche per i loro colori. Frutti insoliti, poco apprezzati fino a qualche decennio fa. Cibo dei poveri.

Tra zucche commestibili e zucche ornamentali la differenza è abissale. Commestibilità, colori, forme. Ma mi piace ricordarle tutte, affascinanti e bellissime.

gs1166-colori-autunno-01

La storia delle forbici con il manico arancione

Friskars mi ha mandato alcune cartelle stampa con caratteristiche ed immagini delle sue forbici. Credo che possa essere un argomento interessante, così vi propongo la storia delle forbici con il manico arancione.

1649 La fondazione delle acciaierie Fiskars

Fiskars acciaierie fu fondata nel 1649.

Il ferro, utilizzato nella fabbrica, veniva importato principalmente dalla Svezia ed utilizzato per fare chiodi, fili, coltelli, zappe e ruote rinforzate col ferro.

1832 – Si crea il primo laboratorio per la produzione delle forbici

Nel 1832, il primo laboratorio, nel quale si provò a forgiare le forbici, venne creato per la prima volta in Finlandia, esattamente nel villaggio di Fiskars.
La creazione di forbici e posate richiese abilità senza precedenti oltre ad una grande esperienza nell’affilatura. Esperti artigiani furono chiamati dall’Inghilterra e dalla Svezia. Nel XIX secolo le forbici erano lo strumento più importante per i sarti e già da allora, le forbici Fiskars erano le migliori del settore.

storia-forbici01

1883 – Fiskars diventa una società per azioni

Nel 1915 Fiskars fu quotata alla Borsa di Helsinki

storia-forbici02

1967 – Furono costruite le prime forbici di plastica al mondo

Dal 1960 Fiskars iniziò ad utilizzare un nuovo materiale per le forbici: la plastica, materiale che si rivelò maggiormente ergonomico e già utilizzato per la produzione di manici di altri utensili.

Nel frattempo furono sviluppati nuovi metodi per l’affilatura delle lame.

Le nuove forbici si rivelarono comode da usare, efficaci, pratiche e con prezzi competitivi, una vera innovazione che rese le forbici di alta qualità, un prodotto a disposizione di tutti.

Il colore arancione, caratteristica delle forbici Fiskars, nacque per puro caso. Vennero proposti i colori rosso carminio, nero e verde. Quando il prototipo delle forbici con il manico in plastica, fu mandato in produzione, nella macchina utilizzata era rimasto il colore arancione dalla produzione di un altro prodotto, e quindi venne realizzato un’ulteriore variante di colore, l’arancione. Fu necessario, ovviamente, procedere ad una scelta definitiva e, attraverso una votazione interna tra gli operai della fabbrica, vinse la versione con il manico arancione con 9 voti a favore su 7 voti contrari.

Anni ‘70 – Migliora il taglio

Nel 1975, le lame delle forbici vennero smussate per migliorare sia le prestazioni che il design. L’angolo di taglio fu ottimizzato creando un angolo a 60° al fine di rendere le lame più efficaci e di lunga durata.

1972 – Nascono le forbici Fiskars per i mancini

Fiskars è stata la prima azienda a iniziare la produzione industriale di forbici ergonomiche per persone mancine. Le forbici per mancini sono, fino alla lama compresa, l’immagine speculare delle forbici utilizzate con la mano destra e disponibili con manici di colore rosso per distinguerli dalla versione adatta alla mano destra.

1980-1981 – I nuovi manici

La progettazione di tutti i manici è stata aggiornata nei primi anni ‘80. La qualità della plastica è stata migliorata per resistere al lavaggio in lavastoviglie, alle autoclavi e all’usura del materiale.

2003 – Fiskars Orange® diventa un marchio registrato

Il colore arancione, Fiskars Orange®, è stato ufficialmente registrato come marchio in Finlandia nel 2003. Questa storica registrazione significa che il colore arancione può essere utilizzato solo per utensili da taglio prodotti da
Fiskars.

storia-forbici03

Fiskars oggi

Fiskars è un fornitore leader a livello mondiale di prodotti di consumo per la casa, il giardino e la vita all’aria aperta. I prodotti sono conosciuti in tutto il mondo per la loro funzionalità e per il design all’avanguardia. Il gruppo Fiskars vanta un ampio portafoglio di marchi internazionali di qualità come Fiskars, iittala e Gerber.

In questi 50 anni di storia, le forbici Fiskars Classic sono diventate un’icona del design classico e non esiste ancora un concorrente in grado di sfidarne le prestazioni. Quando si parla di taglio, le classiche forbici con manico arancione, sono apprezzate sia dagli utilizzatori di tutti i giorni sia dai professionisti qualificati in tutto il mondo.

storia-forbici04


Il segreto del successo delle forbici numero al mondo

Il successo delle forbici Fiskars Classic nasce dalla continua ricerca di materiali pregiati. L’angolo di taglio della lame e la precisione dell’affilatura garantiscono che le forbici Fiskars siano in grado di tagliare lungo tutta la loro lunghezza, in modo uniforme e preciso.

Le lame delle forbici Fiskars sono in acciaio inossidabile temprato con sei diversi piani di arrotatura per ottenere le migliori prestazioni. I manici in plastica si adattano perfettamente alla mano, facilitando il momento del taglio. L’adesione della plastica dei manici alle lame è durevole e assicura l’igiene, mentre lo speciale perno che collega le lame facilita la pulizia.


La qualità delle forbici Fiskars è costantemente monitorata nella fabbrica di Billnäs in Finlandia.

Ogni paio di forbici viene testato aprendo e chiudendo le lame e controllando il suono caratteristico che viene prodotto.

Le forbici sono testate anche tagliando materiale difficile come il poliestere. Rigorosi standard di riferimento e i relativi controlli sulla qualità fanno sì che escano dalla fabbrica solo le forbici di prima scelta.

Dietro all’attuale design delle forbici si trova un progettista di fama internazionale, Olavi Lindén. Le forbici Fiskars, il cui design è un’icona a livello internazionale, fanno parte della collezione permanente del MoMA di New York.

storia-forbici05

Mi illumino di verde

Già lo sapete che il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump non ha sottoscritto il patto parigino per combattere il surriscaldamento climatico. Per Trump l’importante è l’economia, l’America prima di tutto. Adesso farà compagnia a Nicaragua e Siria, anch’essi non sottoscrittori del patto.

Ma Trump, pur rappresentando l’America, non è stato eletto da tutti gli americani. E così i governatori di California, New York e Washington hanno espresso la loro contrarietà a questa decisione… illuminando di verde alcuni edifici rappresentativi. Questa simbolica protesta ha fatto proseliti anche nel resto del mondo e molti palazzi si sono illuminati di verde.

Vi posto questa foto fatta da un bambino di dieci anni, perché non vorrei che – nel futuro prossimo – gli alberi fossero solo un’ombra…

gs1140-ombra-albero

Il giardino nella neve…

gs1094-timo-nella-neve

Non potevo dimenticare qualche foto dell’orto/giardino coperto dalla neve.
Quand’ero bambino ricordo giornate nevose, la strada bianca, il giardino con il pupazzo di neve…
Da una decina d’anni a questa parte ricordo solo pochi giorni di neve.
Pro e contro la neve.
Abbatte le polveri sottili
Fa bene alla terra
Rallenta il traffico e crea “ritardi”
Il ghiaccio può far scivolare
Lo spazzaneve e il sale rovina le strade
[…]
Il partito pro e contro la neve durerà in eterno.
Io vi lascio senza sentenze, ma solo con qualche foto…

gs1094-orto-nella-neve

gs1094-iris-nella-neve