Nell’Otello di Shakespeare…

“Dipende da noi essere in un modo piuttosto che in un altro. Il nostro corpo è un giardino, la volontà il giardiniere. Puoi piantare l’ortica o seminare la lattuga, mettere l’issopo ed estirpare il timo, far crescere una sola qualità di erba o svariate qualità, lasciare sterile il terreno per pigrizia o fecondarlo col lavoro. Il potere e l’autorità dipendono da noi.”

William Shakespeare

[…]

Immagine in evidenzaThe Chandos Portrait of William Shakespeare, 1600 ca., olio su tela, 55,2 x 43,8 cm, attribuito a John Taylor, National Portrait Gallery, Londra.

gs1191-fiori-in-orto

Annunci

Buona Pasqua

Un augurio sincero di buona Pasqua a tutti voi che seguite di tanto in tanto questo blog.

E un pensiero alla primavera, e mi sovvien anche di citare un autore che amo, per far della vostra Pasqua una festa ancor più bella…

Hanno compiuto in questo dì, gli uccelli
il nido (oggi è la festa dell’olivo)
di foglie secche, radiche, fuscelli;
quel sul cipresso, questo su l’alloro,
al bosco, lungo il chioccolo d’un rivo,
nell’ombra mossa d’un tremolio d’oro.
E covano sul musco e sul lichene
fissando muti il cielo cristallino,
con improvvisi palpiti, se viene
un ronzio d’ape, un vol di maggiolino.

(Giovanni Pascoli)

buonapasqua

Una spruzzata di neve

È il 25 febbraio e qui a Vicenza ha iniziato a nevicare.

Una spruzzata inaspettata, fiocchi ghiacciati che scendono a zig zag, animati dal vento freddo. Non me l’aspettavo la nevicata a fine febbraio, ma ormai ho capito che il tempo è sempre più pazzerello. Un gennaio a dir poco caldo. E il freddo arriva adesso, quando i miei crochi si sono appena schiusi. E loro sì si aspettavano un po’ di sole.

Durerà poco questa nevicata. Un giorno al massimo… quanto basta per abbattere un poco le PM10, imbiancare un po’ i cofani e le cappotte delle macchine, e i due vasi nel mio giardino.

gs1174-neve

Già svegli?

Siamo quasi a metà di febbraio, e nell’orto c’è ancora chi dorme e chi sta per svegliarsi. I bulbi gettano le prime foglie, e si svegliano dal lungo letargo invernale. Il problema è che quest’inverno non è stato così freddo, né così… inverno.

Il 2017 è  stato il secondo anno in cui la termperatua dell’aria è stata di 1,6 gradi maggiore ripetto al periodo 2001/2010. E non solo l’aria. Nel mare di Barents e in quello dei Ciukci, le temperature ad agosto sono risultate maggiori di 4 gradi rispetto alla media. E se per noi 4 gradi non sono poi così tanti, per la nostra Terra è una cifra significativa.

Adesso, uscendo dal mio piccolo orticello – che un po’ è il centro caldo del mondo intorno al quale tutto ruota – dicevo, uscendo dal mio orticello, vedo che non ce la passiamo poi così bene. E a parte le crisi economiche, le guerre sempre in atto anche se non dette, le nefandezze che si leggono sulla cronaca dei giornali e che ci possono fare pensare ai tempi più bui del Medioevo, rispetto a tutto questo, la situazione del nostro pianeta sembra mutare, non si sa bene con quale spirito.

E pensare che per molti il riscaldamento globale è solo frutto della propaganda!

Il record del ghiaccio artico che perde superficie è stato confermato anche per il 2017. Le misurazioni del ghiaccio artico, per dovere di cronaca, sono iniziate nel 1979. Da quella data ad oggi si registrano alcuni dati (la fonte è l’ultimo rapporto Arctic report card, pubblicazione annuale della NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration, l’amministrazione americana per gli oceani e l’atmosfera).

Ecco spiegato brevemente il meccanismo che fa aumentare le temperature. La minore copertura nevosa nell’artico innesca una retroazione (feedback) che porta all’aumento della temperatura: questo perché i raggi solari non vengono riflessi dalla superficie ghiacciata, ma arrivano direttamente sulla superficie terrestre – acque incluse. Questo determina anche una crescita del fitoplancton e delle piante marine nei mari artici con uno scioglimento progressivo del perma-frost.

Il termine inglese permafrost ( composto di perma(nent), “permanente”, e frost, “gelato”), designa un terreno tipico delle regioni dell’estremo Nordeuropa dove il suolo è perennemente ghiacciato (non necessariamente con presenza di masse di acqua congelata).

Ritornando al mio orticello, questa mattina trovo una coccinella sopra alla foglia di un crisantemo. Già sveglia? Le chiedo. Non è ancora troppo freddo per te?

Non mi risponde perché è ancora mezza addormentata. Si limita a girarmi le spalle e a spostarsi di qualche millimetro sulla foglia.

gs1173-coccinella

ExpoPlant: your green marketplace

EXPOPLANT è il marketplace dedicato agli operatori, agli specialisti e agli appassionati di piante erbacee, arbustive ed arboree.

A chi si rivolge? 

A TUTTI!

EXPOPLANT è il marketplace dedicato agli operatori, agli specialisti e agli appassionati di piante erbacee, arbustive ed arboree.

Ad hobbisti, grossisti, produttori, dettaglianti e giardinieri, ma anche ad agronomi, paesaggisti, garden designer ed architetti.

Grazie a EXPOPLANT potrai trovare con estrema facilità tutte le specie necessarie a completare i tuoi progetti più ambiziosi, ma anche ricollocare velocemente le tue giacenze.

Sei un addetto ai lavori?

Per te entrare in EXPOPLANT sarà come partecipare a un’enorme fiera permanente in cui potrai sia acquistare che esporre!

Disporrai di un’ampia panoramica su tutta l’offerta corrente e potrai comperare a prezzi competitivi, allargando gli orizzonti della tua azienda e accedendo a tipologie di prodotto non reperibili nella tua zona.

Sei un progettista del verde?

La tua analisi di fattibilità è già qui! Controlla subito la vasta disponibilità di materiale vivaistico impiegabile nei tuoi progetti prima di dare libero sfogo a tutta la tua creatività.

Sei un hobbista o un appassionato?

Grazie a EXPOPLANT potrai accedere a un’offerta molto più ampia rispetto a quella locale, ma anche acquistare ai migliori prezzi di mercato.

Per maggiori informazioni visitate il sito ExpoPlant