Ricette con i bulbi da fiore

Se desideri avere un giardino allegro e variopinto all’inizio della primavera, l’autunno è il momento giusto per agire. Lasciati ispirare dalle nostre ricette per bulbi da fiore.

Colore

I bulbi da fiore hanno il potere di rallegrare il giardino con i colori. In gennaio, fanno capolino i piè di gallo e i bucaneve, seguiti da crochi, narcisi, giacinti e tulipani. I bulbi continuano a fiorire fino a giugno, con l’aglio ornamentale come tocco finale.

Ricette

I bulbi da fiore sono disponibili in ogni colore, forma e dimensione. L’assortimento è talmente vasto da far venire il capogiro. Ma niente panico, abbiamo preparato per te due ricette basate su bulbi a fioritura primaverile: il mix multicolore e il mix in tonalità di giallo.

Ricetta per il mix multicolore

Ingredienti:

  • 30 tulipani (Tulipa) “Strong Gold”
  • 30 tulipani (Tulipa) “Couleur Cardinal”
  • 60 narcisi (Narcissus) “Petrel”
  • 25 anemoni (Anemone blanda) “White Splendour”

Colloca i bulbi da fiore in un recipiente o in un cesto e mescolali tutti insieme. Spargi i bulbi uniformemente nella bordura, quindi piantali nel punto in cui sono caduti. Le quantità indicate sono adatte a una bordura di sei metri quadrati.

mix-multicolore

Ricetta per il mix in tonalità di giallo

Ingredienti:

  • 30 tulipani (Tulipa) “Spring Green”
  • 30 tulipani (Tulipa) “Yellow Spring Green”
  • 15 fritillaria imperialis “Maxima Lutea”
  • 60 narcisi (Narcissus) “Hillstar”

Mescola tutti i bulbi in un recipiente o in un cesto, quindi spargili nella bordura o tra le piante perenni. Pianta i bulbi nel punto in cui sono caduti per ottenere un effetto naturale e spontaneo. Le quantità indicate sono adatte a una bordura di sei metri quadrati.

mix-giallo

Periodo

Per godere dello splendore di questi bellissimi fiori in primavera, è necessario piantare i bulbi in autunno. Si tratta di un’attività divertente che si può svolgere mentre si prepara il giardino per l’inverno. I bulbi hanno infatti bisogno di un periodo freddo per crescere e fiorire al meglio.

Fasi di lavoro

Piantare i bulbi è una gradevole occasione di svago e l’autunno è una stagione meravigliosa per svolgere attività in mezzo alla natura. Il piacere non deriva solo dal tempo trascorso a piantare bulbi, ma anche dallo spettacolo sorprendente offerto da ogni centimetro di crescita dei fiori. Per ottenere un risultato di grande impatto, segui i tre passaggi descritti di seguito.

Fase 1
Scava diverse buche prima di piantare i bulbi da fiore. La profondità di piantagione dipende dalle dimensioni del bulbo. I bulbi grandi (5 cm e oltre) vanno piantati a una profondità di 15 cm, mentre i bulbi piccoli (2,5-5 cm) a una profondità compresa fra 7 e 10 cm. Mescola eventualmente un po’ di terriccio al terreno per renderlo più drenante.

Fase 2
Colloca delicatamente i bulbi nel terreno con la punta rivolta verso l’alto. I bulbi di grandi dimensioni vanno posizionati a una distanza compresa fra 7 e 20 cm gli uni dagli altri, mentre i bulbi piccoli a una distanza compresa fra 3 e 7 cm.

Fase 3
Copri i bulbi con la terra precedentemente rimossa. Se il terreno è piuttosto secco, si consiglia di annaffiare regolarmente.

Per maggiori informazioni sui bulbi da fiore, visita il sito www.bulbidifiore.it.

Annunci

Dieci curiosità sui tulipani

Il tulipano è il bulbo da fiore più conosciuto al mondo. Ciò che rende questo fiore primaverile tanto apprezzato sono il fascino e la versatilità, unitamente alla sua ricca storia. Leggi queste dieci curiosità sui tulipani e capirai perché questi bulbi non possono mancare nel tuo giardino.

1. Diffusione mondiale

L’Olanda è la patria dei bulbi di tulipano. Questa piccola nazione esporta ogni anno quasi 2,5 miliardi di bulbi di tulipano verso altri paesi. L’Olanda è leader del settore grazie alle caratteristiche del suo terreno, che si presta perfettamente alla coltivazione dei bulbi. Così in ogni parte del mondo è possibile godere di questi variopinti forieri della primavera.

2. Varietà

I 2,5 miliardi di bulbi di tulipano esportati dall’Olanda comprendono ben 8.000 varietà diverse. Le 23 varietà principali coprono il quaranta per cento della produzione totale di tulipani e sono vendute nei centri di giardinaggio o utilizzate per la produzione di fiori recisi. La varietà di gran lunga più popolare è il tulipano giallo “Strong Gold”, seguita dal tulipano “Leen van der Mark” che presenta fiori sfumati dal rosso al bianco.

3. Tulipomania

All’inizio del diciassettesimo secolo scoppiò la “bolla dei tulipani”. In breve tempo i bulbi di tulipano acquisirono un valore enorme. Venivano venduti sulla carta per somme ingenti; spesso la vendita avveniva quando i bulbi erano ancora interrati. In quell’epoca un singolo bulbo di tulipano poteva valere quanto una casa di Amsterdam con vista sul canale.

4. Ampio ventaglio di colori

I tulipani sono disponibili in quasi tutti i colori dell’arcobaleno: giallo, verde, rosso, arancione, viola, rosa e multicolore. Non esistono invece tulipani blu e neri. Alcune varietà sembrano nere, ma si tratta di tonalità di viola molto scuro. Il tulipano “Queen of Night” è quello che più si avvicina, ma nemmeno questo è realmente nero.

5. Gruppi

I tulipani sono suddivisi in quindici gruppi distinti. Questa suddivisione ne facilita la scelta tra il vastissimo assortimento. I tulipani sono raggruppati in base al periodo di fioritura e alla forma dei fiori. Esistono, ad esempio, tulipani con fiore singolo, doppio o sfrangiato; tulipani a fior di giglio, botanici e pappagallo; tulipani a fioritura precoce e tardiva.
tulips

6. Brulichio primaverile

Tulipano è sinonimo di primavera. Dopo i bui e freddi mesi invernali, questi fiori conferiscono allegria alle strade e ai giardini. I colori brillanti e i boccioli che si aprono gradualmente portano una ventata di spensieratezza. La fioritura inizia a marzo, pertanto il tulipano è l’annunciatore per eccellenza della primavera.

7. Incroci

Nonostante il vasto assortimento già disponibile, vengono create continuamente nuove varietà di tulipani. Questa pratica consiste nell’incrociare tipi diversi di tulipani che possiedono caratteristiche eccellenti, in modo da ottenere nuove cultivar. Potrebbero venire scoperti, ad esempio, nuovi colori e nuove forme o, chissà, il tanto ambito tulipano nero… Sapevi che occorrono vent’anni prima che un nuovo tulipano diventi disponibile per il commercio?

8. Lungo periodo di fioritura

Con piccoli accorgimenti potrai impreziosire il giardino con i tulipani per alcuni mesi, dall’inizio di marzo alla fine di maggio. È sufficiente piantare tulipani con periodi di fioritura diversi. Inoltre è possibile piantare i bulbi in strati, secondo il metodo detto “a lasagna”. Alla fine di maggio, una volta terminata la fioritura dei tulipani, inizieranno a fiorire le piante perenni e le piante annuali nelle aiuole.

9. Tulipani botanici

Esistono varietà di tulipani che rifioriscono ogni anno e si moltiplicano. Si tratta dei tulipani botanici, che vengono chiamati anche “tulipani nani”, poiché sono più piccoli e più sottili rispetto agli altri tipi. Si tratta di veri e propri capofila, infatti quasi tutti i tulipani botanici fioriscono prima degli altri tulipani. Le varietà più note di tulipani botanici sono: sylvestris, tarda e turkestanica.

10. Vasi

Anche se disponi di un balcone o di una terrazza puoi godere del meraviglioso spettacolo offerto dai tulipani. Questi bulbi infatti si prestano bene alla coltivazione in vaso. È importante utilizzare un vaso abbastanza grande; l’altezza del vaso deve essere almeno sei volte superiore a quella del bulbo. In tal modo, al di sotto e al di sopra del bulbo rimane uno strato di terriccio di altezza pari a tre volte quella del bulbo. Accertati inoltre che sul fondo del vaso sia presente un foro, per consentire la fuoriuscita dell’acqua in eccesso.

Per maggiori informazioni sui bulbi da fiore, visita il sito www.bulbidifiore.it.

tulips2.jpg

È tempo per piantare i bulbi da fiore

Pioggia, giornate corte, alberi spogli… la tipica scena autunnale. Ma in questa stagione la natura si tinge anche di colori bellissimi. Sarebbe un peccato non approfittarne. Lasciati avvolgere dalle meravigliose tinte autunnali mentre pianti i bulbi da fiore, per vivere questa stagione festosamente. Perché i bulbi da fiore infondono allegria.

Dono della natura

Concediti momenti speciali in compagnia di madre natura e mettiti all’opera. Piantare i bulbi in autunno significa godere di colori e forme meravigliosi fin dagli albori della primavera. Basti pensare a crochi, tulipani, narcisi e giacinti. Approfitta dunque dell’atmosfera autunnale mentre pianti i bulbi e in primavera lasciati sorprendere dai fiori stupendi. Cosa aspetti? Scegli i tuoi bulbi preferiti e trova il posto migliore per piantarli.

Come piantare i bulbi in tre passaggi

Non sai come vanno piantati i bulbi? Nessun problema, è un’attività facile e soprattutto divertente. Per ottenere risultati ottimali, segui i passaggi descritti di seguito.

Fase 1

Scava una buca piuttosto grande per piantare un gruppo di bulbi oppure scava singole buche per piantare diversi bulbi. La profondità di piantagione dipende dalle dimensioni del bulbo. I bulbi grandi (5 cm e oltre) vanno piantati a una profondità di 15 cm, mentre i bulbi piccoli (2,5-5 cm) a una profondità compresa tra i 7 e i 10 cm. Mescola eventualmente un po’ di terriccio al terreno per renderlo più drenante.

Fase 2

Colloca delicatamente i bulbi nel terreno con la punta rivolta verso l’alto. I bulbi di grandi dimensioni vanno posizionati a una distanza compresa fra i 7 e i 20 cm gli uni dagli altri, mentre i bulbi piccoli a una distanza compresa fra i 3 e i 7 cm.

Fase 3

Copri i bulbi con la terra precedentemente rimossa. Se il terreno è piuttosto secco, si consiglia di annaffiare regolarmente.

Prima che sopraggiunga il gelo

Qual è il periodo giusto per piantare i bulbi da fiore? Il segreto sta nel fatto che i bulbi hanno bisogno del freddo invernale per conseguire una buona fioritura. Per tale motivo vanno piantati nel periodo che va da settembre a dicembre. È importante che siano interrati prima che si verifichino le prime gelate. Si consiglia comunque di aspettare che faccia piuttosto freddo. Se i bulbi vengono piantati troppo presto, il calore potrebbe stimolare la nascita delle foglie.

Curiosità:

  • Sapevi che i bulbi da fiore ravvivano il giardino già da gennaio? In seguito, potrai godere di una variopinta fioritura ancora per molti mesi. Combinando tra di loro le varietà giuste, avrai un giardino fiorito fino a luglio.
  • Il Muscari è stato designato Bulbo dell’anno per il 2019. I Muscari sono tra i primi bulbi che fioriscono in primavera.
  • Hai mai sentito parlare del metodo di piantagione “a lasagna”? Consiste nel piantare vari strati di bulbi sovrapposti gli uni agli altri, proprio come si fa con le lasagne.
  • I bambini si divertono moltissimo a scoprire la natura. Lascia che si sporchino le mani mentre ti aiutano allegramente a piantare i bulbi.
  • Per maggiori informazioni sui bulbi da fiore, visita il sito www.bulbidifiore.it.

bulbi-autunnali

Serenità in giardino

Scopri il ruolo dei bulbi da fiore nella tendenza per il giardino Inner Retreat, in cui questi gioielli ci aiutano in modo inequivocabile a diventare più sani.

Stimoli

Il mondo appare come un enorme schermo che ci sovraccarica di stimoli. Riceviamo troppi input, eppure non riusciamo a farne a meno. Cosa possiamo fare per ritrovare la “salute”? In che modo possiamo rilassarci e sentirci coccolati e sostenuti? Le piante e i fiori fungono letteralmente da filtro fra il turbolento ed esigente mondo esterno e il nostro bisogno di tranquillità.

Modalità “Off”

Se rimaniamo “accesi” per troppo tempo, abbiamo poi bisogno di tranquillità e armonia. I fiori e le piante ci facilitano la vita, poiché esercitano su di noi un effetto positivo e riducono lo stress. Rilassati e ricaricati con bulbi quali tulipani, giacinti, narcisi e campanellini. Fanno bene non solo a te, ma anche alla biodiversità.
Trend 2020_Heal the Soul-Outdoor

Cuscino

L’aspetto più importante nella sistemazione del giardino consiste nell’eliminare gli stimoli superflui e creare un luogo in cui potersi ritirare. I bulbi da fiore fungono da cuscino tra il caotico mondo esterno e la pace del giardino. Si consiglia di piantare i bulbi in uno spazio arioso e aperto che accentui la gentilezza dei fiori dalle tenui tinte pastello e dai riposanti toni naturali. Scegli varietà caratterizzate da forme sobrie e delicate.

Per maggiori informazioni sui bulbi da fiore, visita il sito www.bulbidifiore.it.

Trend 2020_Heal the Soul-Outdoor

Muscari, bulbo dell’anno

I Muscari, dai meravigliosi fiori blu, sono tra i primi bulbi che fioriscono in primavera ravvivando il giardino dopo la stagione invernale. Questo gioiello della natura è stato designato Bulbo dell’anno per il 2019.

Cosa c’è in un nome?

I Muscari, conosciuti anche con il nome comune di Pan del cucco, presentano piccoli fiori a grappolo di colore blu violaceo. Questi raffinati tesori della natura simboleggiano umiltà e modestia, poiché per poterli ammirare da vicino è necessario inginocchiarsi. L’altisonante nome Muscari deriva dalla parola “muskus”, per via del profumo muschiato emanato da alcune varietà.

Vasta scelta

Esistono circa quaranta diverse varietà di Muscari, la più conosciuta delle quali è chiamata Muscari armeniacum. Contrariamente a quanto si possa pensare, non tutti i Muscari sono di colore blu. Sono disponibili anche varietà viola, rosa, bianche e persino bicolori. Questi bulbi delicati provengono originariamente dall’area del Mediterraneo, dall’Asia Centrale e dal Caucaso. I Muscari venivano venduti già intorno al 1596 e costavano allora l’equivalente di 4,50 euro a bulbo.

Adatti a ogni situazione

I Muscari sono resistenti al gelo e crescono con facilità. Se lasciati nel terreno si inselvatichiscono e si moltiplicano di anno in anno. Si tratta dunque di bulbi adatti a ogni tipo di giardino. La pianta raggiunge un’altezza compresa tra i 10 e i 25 centimetri e ogni bulbo produce diversi grappoli di fiori. Per godere dello spettacolo offerto dai Muscari in primavera, è consigliabile piantare i bulbi tra ottobre e dicembre, prima che sopraggiunga il gelo.

Suggerimenti

  • Se desideri sentire un gradevole profumo muschiato in giardino puoi scegliere tra queste varietà: Muscari aucheri “Blue Magic”, Muscari armeniacum “Blue Spike”, Muscari botryoides “Album” e Muscari macrocarpum “Golden Fragrance”. Non hai un giardino ma disponi di una terrazza o di un balcone? Quasi tutte le varietà sono adatte per essere piantate in vaso, ma la varietà Muscari armeniacum è quella più utilizzata per questo scopo.
  • Se desideri creare vivaci macchie di colore in giardino puoi piantare i Muscari in gruppi di almeno 25 bulbi gli uni vicino agli altri. Sarà una festa per gli occhi in primavera!
  • Se ti piacciono le allegre mescolanze floreali puoi abbinare Muscari e anemoni orientali (Anemone blanda).
  • Per maggiori informazioni sui bulbi da fiore, visita il sito www.bulbidifiore.it.
muscari
A sinistra: Muscari armeniacum – Al centro: Muscari latifolium – A destra: Muscari ‘Blue Magic’

Dove ci sono fiori c’è casa

In casa non possono mancare i fiori. Questi gioielli rallegrano l’ambiente domestico e ti fanno sentire perfettamente a tuo agio. Se desideri conferire alla tua dimora una nota di calore in più, decorala con rigogliosi fiori estivi. Otterrai un tocco finale di grande impatto.

Fiori ricchi di significato

I fiori comunicano senza parole e dietro ogni fiore si cela una storia. Ami la comodità e l’eleganza? Allora le dalie fanno al caso tuo, poiché simboleggiano il lusso e la sontuosità. Se invece hai un’indole romantica puoi scegliere gli iris, che esprimono una passione ardente. Per i gaudenti si presta perfettamente la calla, solitamente associata all’idea di festa per la forma del fiore, che assomiglia a un calice adatto a brindare.

Tutto l’anno o in una stagione particolare

Molti fiori, quali iris, gigli e calle, sono disponibili tutto l’anno, pertanto è possibile abbellire facilmente la casa con i fiori preferiti in qualsiasi momento. A volte, tuttavia, è bello scegliere fiori stagionali, come le dalie. Infatti i fiori disponibili solo in una determinata stagione si presentano in tutto il loro splendore nel periodo di fioritura e si armonizzano perfettamente con i colori e le forme che in tale momento caratterizzano l’ambiente esterno.

Ambiente dinamico e ricco di atmosfera

I grandi mazzi di fiori conferiscono agli ambienti interni un’atmosfera dinamica e gioiosa. Puoi optare, ad esempio, per un attraente bouquet misto composto da sgargianti fiori estivi di diversi colori. Un’idea alternativa per decorare gli interni in modo suggestivo consiste nel distribuire un mazzo di fiori tra alcuni vasetti, piatti, bottigliette e piccole caraffe. Per far risaltare i fiori al massimo, è consigliabile utilizzare recipienti di vetro e terracotta dello stesso colore.

Per maggiori informazioni sui bulbi da fiore visita il sito www.ilsysays.com.

Cosa c’è di bello in un fiore appassito?

I semi.

Certo non è bello tenere in casa un fiore appasssito. Sa molto da famiglia Addams. L’unica cosa positiva – forse – è che non c’è bisogno di annaffiarlo. 

Eppure anche i fiori appassiti hanno il loro fascino. Sembrano quasi dotati del dono dell’immortalità. Sembrano avere fermato il tempo. E sono come una foto che ha immortalato un nostro ricordo, e ce lo fa vedere – e immaginare di nuovo – nonostante questo sia passato, anche da molto tempo.

Devo confidarvi che io stesso – a dispetto della famiglia Addams – ho in casa dei fiori appassiti. Li ho fotografati per voi, e certamente ci sarà qualche post disperso in questo blog dove vi ho già parlato di fiori appassiti. Che poi, dopo essere appassiti, si seccano. E diventano fiori secchi. Margherite, lavanda, un’altra margherita. Ho anche le rose secche del bouquet del matrimonio. Prima o poi si dissolveranno. Diventeranno polvere. Un pò come le foto stampate, che ingialliscono. Un pò come i vecchi film che avevo registrato su nastro, e che dovrei riversare su dvd o su chiavetta per potermeli vedere nuovamente.

fiori secchi

Ma ritornando ai miei fiori appassiti, e a cosa c’è di bello in essi… ecco i semi. Diventeranno nuovi fiori. E il raccoglierli, conservarli e poi seminarli… è un mio rito.

Un rito magico? Forse… la magia del quotidiano, del poco appariscente… dell’assolutamente normale.

fiori secchi