Un giardino… di fiori da recidere

Preferisci preparare un bellissimo bouquet cogliendo i fiori tu stesso? Basta creare il tuo proprio giardino di fiori da recidere usando bulbi estivi.

Il giardino adatto

Ogni giardino può diventare un giardino di fiori da recidere. Le dimensioni non sono importanti poiché i fiori da recidere crescono dappertutto; in un orto, un giardino pubblico o di campagna e addirittura sul balcone o in terrazza. Unici requisiti sono un angolino in cui piantare i fiori, ad esempio un lembo di terreno o una fioriera, e luce solare sufficiente a permettere un’abbondante fioritura.

Perché usare i bulbi estivi?

I bulbi estivi sono ideali per un giardino di fiori da recidere poiché non occorre aspettare un anno prima che si trasformino in una pianta adulta; iniziano infatti a produrre una straordinaria quantità di fiori già dalla prima stagione. Scegliendo la giusta miscela di bulbi estivi, potrai cogliere fiori da giugno fino a ottobre inoltrato. Fantastico, vero? E, dulcis in fundo, i bulbi estivi sono disponibili in una magnifica varietà di forme, dimensioni e colori.

Scelta

La maggior parte dei bulbi estivi può essere coltivata in un giardino di fiori da recidere. Potrai ad esempio scegliere una miscela con i tuoi colori preferiti. Sei in cerca di ispirazione? Dai un’occhiata a www.bulb.com. Le dalie sono i fiori da recidere che offrono maggiori gratificazioni poiché questo bulbo estivo produce grandi fiori, continuando a produrne fino al periodo delle gelate. Puoi anche optare per gladioli, calle, gigli e crocosmie. Poco a poco, verrai sopraffatto dalla bellezza.

Piantagione e raccolta

Cosa occorre fare esattamente prima di iniziare la raccolta? Spetta a te acquistare i bulbi dai colori più belli e dalle varietà più particolari. A tale scopo, puoi rivolgerti direttamente ai centri di giardinaggio, ai mercati del fai da te e ai negozi online. In seguito non ti resta che piantare e dopo un paio di settimane… cogliere i fiori!

  1. Si consiglia di piantare i bulbi estivi in primavera, quando è passato il rischio di gelate. I mesi migliori sono aprile e maggio.
  2. I bulbi prediligono luoghi soleggiati. Scegli quindi delle zone esterne in cui i bulbi estivi possono beneficiare al massimo del sole. Prendi anche in considerazione l’altezza. I bulbi a stelo lungo risaltano meglio sul retro, mentre quelli a stelo corto sul davanti.
  3. Allenta il terreno con un rastrello in modo da renderlo soffice ed elimina le erbacce e i sassi.
  4. Colloca delicatamente i bulbi estivi nel terreno, a una profondità doppia rispetto all’altezza del bulbo. Fanno eccezione a questa regola i tuberi di dalia, che devono essere piantati poco sotto la superficie, perché hanno bisogno del calore del sole per crescere.
  5. I bulbi estivi si prestano perfettamente a essere piantati anche in vasi e fioriere su terrazze e balconi, oltre che nel terreno. Si consiglia di piantarli in vasi o fioriere piuttosto capienti, provvisti di fori sul fondo, e di riempirli con abbondante quantità di terriccio per favorirne la crescita.
  6. Annaffiare i bulbi estivi subito dopo averli piantati, per stimolarne lo sviluppo iniziale.
  7. Se il terreno è piuttosto secco, si consiglia di annaffiare regolarmente durante la fioritura. Se fa molto caldo, è consigliabile annaffiare i bulbi estivi la sera.

 

fiori-recisi

Annunci

Che colore scegli?

Urrà, siamo nel pieno della stagione giusta per piantare i bulbi da fiore. Desideri preparare il giardino per una primavera variopinta, ma non sai quale colore scegliere. Prendi spunto dagli accostamenti suggeriti per tre stili di giardino diversi.

Scelta dei colori

Ti è mai capitato? Sei di fronte al ripiano dei bulbi, osservi con avidità la varietà di colori disponibili ma non sai quale scegliere. Ti piacerebbe prenderli tutti e piantarli nel tuo giardino, ma bisogna fare una scelta. Niente paura, siamo qui per aiutarti. Le tendenze per il giardino rivelano quali colori sono di moda e quali tonalità si abbinano tra di loro. Puoi scegliere fra tre diversi stili di giardino: armonioso, equilibrato e dinamico. Ad ognuno di questi stili è associata una tavolozza di colori specifica.

Giardino armonioso

Il giardino armonioso è caratterizzato da luoghi in cui possiamo ritirarci ed entrare in contatto con la natura che ci circonda. I sensi vengono stimolati e prevale una sensazione zen. Nella sobria tavolozza di colori diverse tonalità di verde svolgono un ruolo importante. Colori tenui, quali il giallo chiaro, il rosa e il lilla, creano un’atmosfera particolarmente positiva nel giardino armonioso. I bulbi di questi colori sono la ciliegina sulla torta. Il profumo dei fiori permette di vivere il giardino in modo più intenso e costituisce una piacevole sorpresa olfattiva.

giardino-armonioso

Giardino equilibrato

Mentre in passato non gli veniva attribuita grande importanza, oggi il verde svolge un ruolo di rilievo, alla pari di oggetti quali i mobili da giardino e il barbecue. Questo accade perché desideriamo equilibrio nella nostra vita. Benvenuto nel giardino equilibrato. I bulbi da fiore ricoprono una funzione importante nel creare un giardino equilibrato. Colori femminili e romantici come il rosa e il viola abbinati a tinte maschili quali il marrone e il rosso creano equilibrio. Alcune varietà di bulbi perfettamente adatte a questo tipo di giardino sono i tulipani, i muscari rosa e i giacinti.

giardino-equilibrato

Giardino dinamico

Essere in forma ed emanare energia sono qualità importanti desiderate da molte persone. Ottimismo e freschezza sono gli elementi che contraddistinguono il giardino dinamico. La scelta di colori intensi per il giardino o per il balcone e la terrazza consente di trasformare il soggiorno all’aperto in un luogo rilassante e allo stesso tempo vitale. Inoltre, le tinte vivaci e i fiori vigorosi conferiscono al giardino un aspetto sportivo, soprattutto se piantati in vistose strisce di colore. L’uso del bianco abbinato a colori intensi quali giallo, rosso e viola rivela un atteggiamento da veri vincitori.

iardino-dunamico

Emozioni mediterranee: il giardino

Le grandi civiltà classiche nate sulle rive del Mediterraneo hanno lasciato il segno sull’architettura e sul design del giardino, quindi anche sulla morfologia della villa mediterranea e il suo svolgimento all’aperto. Si tratta per lo più di tipologie di dimore pensate per le famiglie al potere che risiedevano per l’estate in città e per le quali venivano allestiti lussuriosi giardini d’impronta mediterranea.

Gli antichi romani amavano moltissimo il giardino che deriva da hortus, l’orto nel quale ogni famiglia coltivava le piante destinate alla tavola e alla cura, all’estetica e all’aromatico che diventa viridarium arricchendosi di piante ornamentali, di arredi creati specialmente per essere usati all’aperto, sculture e fontane. La grande ricchezza dei romani permette la costruzione di enormi giardini la cui fama arriva fino ai giorni nostri che loro destinavano all’ozio e alla contemplazione. I giardini delle ville romane avevano delle caratteristiche tipiche come il patio, l’elemento centrale che poteva essere una statua o una fontana, le aperture delle colonne e tavoli e ornamenti in marmo e nella sua evoluzione, la casa romana tende ad avere un’apertura sempre maggiore verso il giardino, che diventa così uno dei luoghi irrinunciabili di una casa.

Villa romana

Il design del giardino mediterraneo nei secoli si arricchisce avendo influenza sia araba che greca, culture che aggiungono elementi culturali e visivi alla già ricca architettura romana e che viene tramandata attraverso i secoli della storia fino ai nostri giorni. Il giardino mediterraneo viene esaltato dalla luce e dal sole, dai colori del mare che gli donano intensi cromatismi, un’atmosfera nella quale immergersi piena di profumi e fragranze, spazi nei quali tutti i sensi sono stimolati.

A differenza del giardino barocco monumentale e ricco di dettagli geometrici o il giardino neoclassico naturalistico e severo, il giardino mediterraneo non ha degli elementi fissi e quindi non può essere caratterizzato stilisticamente in modo concreto ma corrisponde alla natura, valorizzando l’ecosistema del Pianeta e la spontaneità. I colori, le fioriture e la moltitudine delle varietà botaniche della macchia mediterranea, note verdi che compongono volumi lussuriosi, le piante aromatiche, gli agrumi e gli ulivi – il giardino mediterraneo è l’espressione della fantasia, solarità e felicità che caratterizza i popoli sul Mar Mediterraneo.

Giardino Paghera

Nella progettazione del tradizionale giardino all’italiana si usano elementi che non intaccano l’equilibrio nativo dei posti, elementi naturali come piante, acqua, pietra, luce e profumi mettendo l’accento sul carattere mutevole delle piante e valorizzando il loro normale ciclo organico.

Visitate www.paghera.com per informazioni sulla progettazione di giardini all’italiana.

Sul balcone

La primavera è il periodo ideale per la fioritura dei ciclamini. Temperature in rialzo dopo il freddo inverno, clima mite, umidità. Mi raccomando, non lasciateli nella luce diretta del sole, ma in ombra o a mezz’ombra.

Qui sulla finestra sembrano stare bene, e anche senza concime o fertilizzante sono sbocciati. Un po’ di acqua ogni giorno – o ogni due giorni, non sempre mi ricordo di mettergliela.

Una gradita visione per chi passa lungo la via…

gs830-ciclamini

Arredare con i fiori

Quale migliore forma di design naturale, quale migliore oggetto sinestesico, quale migliore omaggio all’armonia dei colori… se non un fiore?

Un fiore è un oggetto vivo, che porta vita.
Lo potete mettere dove volete – attenzione però, non vicino a stufe e termsifoni o in angoli della casa troppo bui.

Potete scegliere il fiore o la pianta che preferite, aggiungendo un tono di colore e di vita alla vostra casa. Febbraio è uno dei periodi migliori per portare un fiore in casa. Tra poco arriverà primavera e questo fiore ce lo ricorderà ogni giorno, facendoci presagire e immaginare i primi raggi di sole che risveglieranno piante e insetti di giardino e orto.

Questi fiori che vedete in foto sono iris che ben si staccano dal bianco del mobile, Una volta bocciati e sfioriti porterò i bulbi in giardino e li interrerò. Magia delle piante con bulbi. Si addormentano in inverno e sbocciano in primavera estate. Poche cure, se non un po’ d’acqua quando sono in vaso. In giardino questi fiori resistono anche senza il nostro intervento, ma un po’ d’acqua in caso di estati torride e senza piogge.

iris