Due giorni per l’autunno

Alberi e arbusti dalle foglie gialle, arancioni e rossastre, sementi rare, rose a fioritura invernale e zucche ornamentali saranno tra i protagonisti della tredicesima edizione della “Due giorni per l’autunno”, la mostra e mercato di fiori e piante insoliti, attrezzi e arredi per il giardino organizzata dal FAI – Fondo Ambiente Italiano con la regia dell’Architetto Paolo Pejrone, fondatore e Presidente dell’Accademia Piemontese del Giardino, che da venerdì 20 a domenica 22 ottobre 2017 si svolgerà al Castello e Parco di Masino a Caravino (TO).

Castello e parco di Masino

Anche quest’anno la manifestazione, tra i più amati appuntamenti di florovivaismo autunnali, durerà tre giorni, e non due come suggerito dal titolo, per permettere al pubblico di appassionati e non solo di immergersi nei colori dell’autunno e fare acquisti tra le novità proposte da 150 vivaisti italiani ed europei, selezionati sulla base di criteri di eccellenza, innovazione e sostenibilità ambientale. Gli espositori, con le loro collezioni di punta, offriranno utili spunti per progettare il “giardino che verrà, mentre esperti del settore forniranno consigli preziosi per mantenerlo al meglio e curarlo.

Tra gli esemplari in mostra nel grande Prato di Eufrasia del parco del castello, da cui si domina il panorama dell’anfiteatro morenico di Ivrea, gli ospiti potranno ammirare piante aromatiche e officinali, da frutta e da orto; piante a fioritura autunnale con bacche ornamentali; bulbi, tuberi e rizomi a fioritura primaverile; frutti antichi, iris rifiorenti, viole ibride e fior di loto da vaso. E ancora potranno trovare attrezzature per l’orto e il frutteto; cesterie, vasi decorati e lumi da giardino; editoria specializzata e quadri con fiori pressati.

Durante la manifestazione, inoltre, sarà possibile assaggiare specialità gastronomiche del territorio e varie prelibatezze e acquistare prodotti dell’orto e del frutteto d’autunno, la maggior parte dei quali “presidi Slow Food” perché rispondono a specifici criteri di stagionalità, tipicità territoriale e filiera corta.

Parco di Masino

Orario:

Venerdì 20 dalle ore 14 alle ore 18, sabato 21 e domenica 22 ottobre dalle ore 10 alle 18 (ultimo ingresso ore 17)

Per gli Iscritti FAI (possibilità di iscriversi in loco) e i Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino venerdì 21

ottobre, dalle ore 11 alle 14, APERTURA IN ANTEPRIMA con ingresso gratuito alla manifestazione.

Ingresso:

Intero: € 10; Ridotto (bambini 4-14 anni): 5; Iscritti FAI e Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino: € 4; Residenti a Caravino e Cossano Canavese: gratuito.

Parcheggio interno manifestazione € 5; disponibilità di ampi parcheggi gratuiti nelle vicinanze della mostra.

Aree di ristoro all’interno della manifestazione e del castello.

Informazioni: FAI – Castello di Masino tel. 0125.778100; faimasino@fondoambiente.it; www.castellodimasino.it

Annunci

Giardinity primavera

Il programma per l’ultimo weekend e il 25 aprile: 

I Bulbi di Evelina con la fioritura di 60.000 tulipani, il Festival primaverile dei sensi, Astronomia in villa, mostre ed esposizioni, laboratori e attività per i bambini 

 

Domenica sera, apertura straordinaria fino alle 23.00 e martedì concerto finale 

Reduce dal fine settimana pasquale con grande successo di pubblico e di gradimento, Villa Pisani Bolognesi Scalabrin si prepara alla replica il prossimo fine settimana. L’offerta culturale e ludica infatti è stata estesa sui tre giorni del ponte dellaFesta della Liberazioneda domenica 23 a martedì 25 aprile. Per tutti e tre i giorni: mercatino di piante e fiori speciali, lunedì e martedì laboratorio di costruzione di hotel per insetti e animazione per i bambini.

I bulbi di Evelina

Saranno gli ultimi sprazzi di colore dei 60.000 tulipani che da un mese danno spettacolo nel grande prato del parco di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin. Ranuncoli lucenti come seta, bugole azzurre, pratoline e soffioni si rincorrono su un’estensione di quasi un ettaro e mezzo, con una texture impressionista punteggiata dai tulipani più tardivi. I visitatori anche nel prossimo weekend potranno camminare in mezzo a questo spettacolo primaverile, attardarsi sulle panchine dislocate lungo il percorso, fotografare, dipingere, trovare benessere dall’immersione in questa benefica cromoterapia naturale.

 

Protagonista del Festival primaverile dei sensi sarà l’udito. Da ascoltare domenica 23 aprile alle 15.30 la conferenza del famoso maestro giardiniere televisivo Carlo Pagani, che guiderà la passeggiata nel parco svelando i segreti del giardino in primavera e gli accorgimenti per ottenere sempre il massimo dalla coltivazione di piante e fiori e al termine presenterà il suo nuovissimo libro “C’è gente in giardino”.

 

Sempre domenica, “Astronomia in villa. Il cielo sopra Vescovana”: con i telescopi e sotto la guida del Gruppo Astrofili “Margherita Hack” di Cona (VE) i visitatori potranno osservare, dalle 15.00 alle 18.00, il Sole con le sue suggestive protuberanze, facole e macchie solari. Per chi vuole arrivare sul tardi, dalle 20.30 fino alle 23.00 è prevista una speciale apertura serale per osservare al telescopio gli astri notturni: i crateri della Luna e Giove, il più grande pianeta del Sistema Solare con i suoi satelliti, nebulose, galassie, costellazioni. In caso di cielo coperto la serata si svolgerà comunque; gli astrofili allestiranno una mostra di strumenti e materiale in tema e rimarranno a disposizione per informazioni e curiosità sull’astronomia e sulla gnomonica, la scienza che tratta la costruzione degli orologi solari.

 

Lunedi 24 aprile alle ore 16.00 sarà di scena Antimo Palumbo, presidente dell’Associazione Amici degli alberi di Roma, scrittore e storico degli alberi. Partendo dalla vegetazione arborea del parco di Villa Pisani, con i suoi protagonisti ultracentenari, e in omaggio al senso dell’udito, parlerà sul tema “Ascoltare gli alberi: il pioppo, il tasso, il frassino e la compagnia degli alberi parlanti”. Antimo è un vero affabulatore e incanterà di sicuro la platea con i suoi racconti di piante e di rapporti degli uomini con gli alberi monumentali d’Italia.

 

In chiusura della manifestazione, martedì 25 aprile molto tempo sarà dedicato ai bambini, soprattutto con l’attività esperienziale per piccoli dai 3 ai 7 anni di una passeggiata-laboratorio per conoscere le piante con tutti i sensi, guidata da Patrizia Berera, architetto e operatore museale scientifico. Ritrovo davanti alla fontana del giardino formale alle ore 11.00 e alle ore 16.00.

Laboratori per bambini

Martedì 25 aprile sarà l’ultimo giorno utile anche per visitare la mostra di tulipiere del laboratorio di ceramica Rita Dal Prà di Nove (VI), per imparare le mille strategie delle piante dalla mostra “Seduzione Repulsione. Quello che le piante non dicono”, e per stupirsi della magica bellezza di un combattimento di pavoni dipinto dall’artista Loris Drago come cartone preparatorio di una stampa su seta destinata ad un committente del Dubai.

 

Per tutti, martedì 25 aprile alle ore 17.00, il Concertino finale salvamondo, omaggio alla primavera, al giardino di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin e al principio espresso da Claudio Abbado: “Se ti dedichi alla musica e alla natura insieme, puoi salvare il mondo”. Nell’aria il violino di Lorenzo Fiocco, il piano di Federico Bozzolan e la fisarmonica di Silvia Fasolato.

Villa Pisani Bolognesi Scalabrin
Villa Pisani Bolognesi Scalabrin, facciata sud

Info:

Dove: Villa Pisani – Bolognesi Scalabrin, via Roma 25, 35040 Vescovana PD

Orari: apertura al pubblico tutti i giorni dalle ore 9 alle 19 (ingresso consentito sino alle ore 18).

Costo del biglietto d’ingresso: Singolo Adulti € 8,00 – Bambini da 6 a 10 anni e anziani sopra i 70 anni € 6,00 – Gratuito per bambini sotto i 6 anni e portatori di handicap – Gruppo di famiglia di 4 persone €. 20,00 – Soci associazioni (Touring Club, FAI, ADSI) € 6,00 – Gruppi di più di 15 persone € 6,00 a persona.

Contatti Villa Pisani Bolognesi Scalabrin, via Roma 25, 35040 Vescovana PD – tel/fax 0425.920016 – info@villapisani.it – www.giardinity.it

Come arrivare dalla A13 BO-PD: uscita Boara – Rovigo nord, dal casello proseguire a sinistra, girare dopo 800 mt nuovamente a sinistra verso Vescovana. Passare due rotonde continuando dritti, alla terza girare a destra, al secondo semaforo girare a sinistra sulla piazza alberata, l’ingresso della villa è sulla sinistra. 

Il progetto I Bulbi di Evelina Pisani è stato realizzato anche grazie a iBulb, organizzazione olandese impegnata nella promozione, nello studio e nella commercializzazione dei bulbi prodotti in Olanda. La manifestazione ha il patrocinio dell’Ambasciata dei Paesi Bassi. I bulbi sono stati piantati durante il mese di novembre dello scorso anno, su progetto creativo e con la supervisione di Jacqueline van der Kloet, nota garden designer olandese. Il progetto è stato curato da Mimma Pallavicini, autorità nel mondo del giardinaggio, conosciuta naturalista e giornalista, insieme a Mariella Bolognesi Scalabrin proprietaria e anima di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin.

Tulipiere
Esposizione tulipiere

Fiori al monastero

Tradizionale festa dei fiori e dei colori di primavera

Monastero di Torba, Gornate Olona (Varese)

Domenica 9 aprile 2017, dalle 10 alle 18

Domenica 9 aprile 2017, dalle ore 10 alle 18, torna l’ormai tradizionale appuntamento con “Fiori al Monastero”, la quinta edizione della mostra e mercato di fiori primaverili organizzata dal FAI – Fondo Ambiente Italiano negli spazi dell’antico Monastero di Torba a Gornate Olona (VA), immerso nei verdi boschi del Varesotto e inserito nelle Liste del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

La rassegna vedrà la partecipazione dei più rinomati florovivaisti del territorio, che presenteranno il meglio delle loro collezioni: le prime fioriture di rose, peonie, piante erbacee perenni, tra cui differenti varietà di heuchera, alchemilla, aquilegia, achillea, geum, graminacee, dianthus. E ancora arbusti fioriti, lonicera e piante annuali dalle spettacolari fioriture, oltre a piante aromatiche.

Per i bambini verranno organizzati durante tutta la giornata giochi e laboratori a tema naturalistico dal titolo “Piccoli giardinieri crescono”, per scoprire l’arte del giardinaggio e cimentarsi in attività pratiche. Novità di quest’anno sarà inoltre “L’angolo del giardiniere”, in cui esperti del settore metteranno a disposizione le loro competenze per fornire consigli e suggerimenti sul rinnovo di giardini e terrazzi in vista dell’arrivo della primavera.

Durante tutta la giornata si potranno effettuare interessanti visite a rotazione alla torre del Monastero con i suoi preziosi affreschi.

Un evento da non perdere per tutti gli amanti del giardinaggio che non solo potranno trovare e acquistare piante e fiori perfetti per creare uno spazio verde rigoglioso e originale, ma avranno anche l’opportunità di scoprire un luogo di grande interesse storico e artistico.

Il ristorante La Cucina del Sole sarà regolarmente aperto. Per info e prenotazioni 348-8687196

Il calendario “Eventi nei beni del FAI 2017”, è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, e al prezioso contributo di PIRELLI che conferma per il quinto anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione.  

Ingresso: Intero: € 7,00; Ridotto (Ragazzi 4-14 anni e studenti fino a 26 anni), Iscritti FAI e Residenti Comune di Gornate Olona: € 4; Famiglia (2 adulti + 2 bambini): € 20.

Orario: ore 10-18.

Per maggiori informazioni sul FAI e sul Monastero di Torba: www.fondoambiente.it

Fiori al monastero
Foto di Maurizio Maniscalco

Un giardino sospeso

LOST IN TIME AND PLACE / Un giardino sospeso 

Fuorisalone 2017 – Casa Formentini, Milano

Incontri per il pubblico il 5-6 e 7 aprile

Un giardino sospeso

“Lost in time and place”: un oggetto senza tempo è l’installazione che Roberto Benatti, garden designer e titolare di Giardini Benatti (www.giardinibenatti.net), realizzerà nel cortile di Casa Formentini, uno dei più importanti complessi storico artistici del quartiere Brera a Milano, nell’ambito del Fuori Salone 2017.

L’installazione, che sarà visibile al pubblico dal 4 al 9 aprile, dalle 10 alle 21.30, nasce da un incontro fortunato e inaspettato: Benatti era alla ricerca di uno spazio in cui portare qualcosa di suo e si è imbattuto in questo luogo magico, casa Formentini,  che aveva bisogno di concludere il suo percorso di restauro e recupero.

100_33_b

E’ nato così “Lost in time and place”, dove il visitatore potrà sperimentare l’incontro con un giardino sospeso. Non un giardino pensile, ma un giardino sospeso sopra il visitatore, che potrà godere della seduta e dell’incanto di una poesia, in un incontro tra botanica ed architettura.

Alla sera le lampade da me disegnate – prosegue Roberto Benatti –  sembreranno spargere polvere di fata sulle foglie, sul ferro e sulla pietra trasformando una poesia in una magia, mentre gli onirici “Gazzot” di Betti (pezzi unici, passerotti di grandi dimensioni realizzati a mano con una particolare malta cementizia) appollaiati nel loro nido fra le frasche faranno compagnia alle “rane volanti”, alle “chimere” e alle “zanzare” del maestro Giovanni Tamburelli, artista e poeta che realizza le sue opere in ferro”.

Ad arricchire lo spazio ci sarà anche una mostra con le fotografie di Dario Fusaro.

Giovanni-Tamburelli-pesce
Foto di Dario Fusaro

Eventi collaterali

Mercoledì 5 aprile, ore 18: incontro La figura del fotografo di giardini” con Dario Fusaro, uno dei più importanti fotografi di giardini in Italia.

Giovedì 6 aprile, ore 18: incontro Foreste e granai” con Maurizio Corrado, architetto, saggista, scrittore, si occupa di architettura ecologica e sostenibile dagli anni Novanta, ed è uno dei maggiori esperti italiani dell’integrazione fra architettura, design e piante.

Venerdì 7 aprile, ore 18: incontro Verde pensile e orti in città” con Luca Collina, perito agrario ed esperto di verde pensile e substrati minerali, collabora con varie riviste di settore e ha scritto il libro “Il substrato e il terreno” (Edizioni Simone, 2011).

 

Vincenzo Vela e Carlo Bossoli: due artisti patrioti per casa Litta

L’Associazione Amici di Villa Litta inaugura un ciclo di incontri per far rivivere il prezioso contributo artistico di Carlo Bossoli e Vincenzo Vela per Casa Litta

Venerdì 11 novembre, alle ore 20.45, la Sala della Musica di Villa Visconti Borromeo Litta di Lainate (Mi) ospiterà il primo di quattro appuntamenti tra storia e arte promossi dall’Associazione Amici di Villa Litta: ‘Villa Litta nei documenti inediti di Casa Litta’. Lo studioso Giorgio Picozzi, residente con la famiglia – erede della duchessa Eugenia – nella Villa Litta di Vedano al Lambro, presenterà al pubblico il pittore Carlo Bossoli e lo scultore Vincenzo Vela, due protagonisti attivi dell’epopea risorgimentale, attraverso le opere realizzate dagli stessi per il casato dei Litta.

Nel corso di questo primo incontro, corredato da una ricca documentazione fotografica che testimonia il forte legame artistico tra due delle residenze Litta, si potrà ammirare anche un piccolo allestimento con dipinti, disegni e lettere di Carlo Bossoli, insieme a documenti originali provenienti dall’Archivio privato Litta di Vedano al Lambro: tutti i documenti in esposizione, di proprietà privata, sono messi a disposizione esclusivamente per l’occasione.

Nei prossimi mesi il complesso monumentale lainatese accoglierà altri due incontri per ricostruire, attraverso carte d’archivio inedite, le relazioni di alcuni personaggi di Casa Litta con le grandi Potenze d’Europa: l’Impero d’Austria e l’Impero Napoleonico nell’incontro dal titolo ‘I Litta: dal Marchese Antonio al Duca Antonio 1700-1866’ (10 febbraio 2017); e la Corte degli Zar nell’incontro dal titolo ‘Il Conte Giulio Renato Litta: un milanese alla corte degli Zar’ (10 marzo 2017). L’ultimo incontro in programma, ‘La villeggiatura di Lainate nei documenti di Casa Litta’ (7 aprile 2017), farà rivivere, sempre attraverso documentazione d’archivio, momenti di vita quotidiana nella residenza di Lainate.

veduta-ninfeo

Giardini del Volturno. Mostra mercato

L’Associazione Giardini del Volturno promuove la Mostra Mercato “Giardini del Volturno” dedicata al Giardinaggio, ai Prodotti Artigianali Naturali ed Enogastronomici del Medio Volturno.

Nei giorni 22 e 23 Ottobre 2016 presso San Bartolomeo Casa in Campagna a Caiazzo, sito FAI per giornate di Primavera 2015, sarà presentata la VII edizione della Mostra, un appuntamento importante per la valorizzazione delle eccellenze del territorio.
La Mostra, come ogni anno, prevedrà anche workshop, laboratori creativi per adulti e bambini, mostre, incontri e conferenze. Sarà inoltre possibile effettuare visite guidate nei 40.000 mq del parco faunistico e botanico di San Bartolomeo. Un area ristoro consentirà ai visitatori di godere dell’evento in totale relax. La Mostra sarà arricchita da momenti di intrattenimento e spettacolo, grazie al contributo di associazioni attive sul territorio e folk band.

San Bartolomeo Casa in Campagna si trova nell’incantevole vallata di Cesarano, non distante dal Reale Belvedere di San Leucio, attiguo al Giardino Inglese e al Parco della Reggia di Caserta. Lungo il fiume Volturno, si possono raggiungere l’Anfiteatro Romano di SMCV e l’antica città di Capua. Sull’altro versante, i maestosi Ponti dell’Acquedotto Carolino a Maddaloni.

Costo d’ingresso 4 € (gratuito per i bambini al di sotto dei 12 anni)
Orario 9:00 – 18:00

locandina-giardini

Due giorni per l’autunno

Da venerdì 21 a domenica 23 ottobre 2016 il Castello e Parco di Masino a Caravino (TO) ospiterà la dodicesima edizione della “Due giorni per l’autunno”, mostra e mercato di fiori e piante insoliti, attrezzi e arredi per giardino organizzata dal FAI – Fondo Ambiente Italiano con la regia dell’Architetto Paolo Pejrone, fondatore e Presidente dell’Accademia Piemontese del Giardino.

parco-del-castello-di-masino

La manifestazione, uno tra i più amati appuntamenti di florovivaismo autunnali, anche quest’anno durerà tre giorni (invece che due), per permettere al sempre maggiore pubblico che per l’occasione “invade” il grande Prato di Eufrasia, nel parco del castello, di curiosare e fare acquisti tra le collezioni di punta e le novità proposte da oltre 150 vivaisti italiani ed europei, accuratamente selezionati sulla base di criteri di eccellenza, innovazione e sostenibilità ambientale. Un’ottima occasione per progettare il “giardino che verrà”, incontrare esperti del settore a cui poter chiedere consigli e spiegazioni, trovare freschissimi prodotti dell’orto e del frutteto o anche solo per passare una giornata all’aria aperta e rilassarsi circondati dalla bellezza, tra piante mai viste, fiori di ogni tipo, specialità del territorio e il fascino di una reggia millenaria da cui si domina lo straordinario panorama dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea.

Tra le categorie in mostra: alberi e arbusti a colorazione autunnale; piante aromatiche e officinali, da frutta e da orto; bulbi, tuberi e rizomi a fioritura primaverile; piante a fioritura autunnale con bacche ornamentali; sementi rare, rose a fioritura invernale, iris rifiorenti, viole ibride e fior di loto da vaso. E ancora piante per giardini ombrosi, collezioni di lavanda, iris palustri; flora autoctona, piante di bambù e strutture in bambù per giardini; zucche ornamentali e commestibili, dolci di zucca all’arancia, mirtilli sciroppati e frutti antichi; attrezzature per la cura del giardino, dell’orto e del frutteto; cesterie, vasi decorati e lumi da giardino; editoria specializzata e quadri con fiori pressati.

Sarà anche possibile acquistare prodotti dell’orto e del frutteto d’autunno, la maggior parte dei quali “presidi Slow Food” perché rispondono a specifici criteri di stagionalità, tipicità territoriale e filiera corta. Solo per fare alcuni esempi: cardo bianco e cipolle gialle piatte di Andezeno; peperoni cuore di bue di Carmagnola e peperone quadro di Cuneo; cardo gobbo di Nizza Monferrato; porri e rape bianche di Cervere; patate blu e marroni della Val Susa e patate di montagna; cavoli verza di Montalto Dora e cavolfiori di Moncalieri; ravanelli di Torino; mele Annurca di Benevento; noci di Sorrento e nocciole del Piemonte.

Novità di questa edizione 2016 saranno le passeggiate botaniche a tema: nei tre giorni di manifestazione esperti del settore accompagneranno i visitatori (iscrizione in loco gruppi di massimo 20 persone) presso alcuni degli espositori in mostra alla scoperta di collezioni e coltivazioni di bulbi, rose, piante da frutto ed erbe dell’orto e specie insolite, fornendo anche preziosi consigli.

Opportunità esclusiva per gli Iscritti FAI e i Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino:
Venerdì 21 ottobre dalle ore 11 alle 14 gli Iscritti e chi si iscriverà al FAI (possibilità di iscriversi in loco) e i Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino avranno la straordinaria possibilità di visitare la “Due giorni per l’autunno” con ingresso gratuito e prima dell’apertura al pubblico ufficiale. Un’opportunità unica per vedere gli ultimi preparativi e gli allestimenti finali degli espositori presenti a Masino e di fare acquisti in anteprima.

In occasione della “Due giorni per l’autunno” verranno inoltre organizzati interessanti incontri e presentazioni di libri sul tema dei giardini e della cura del verde (vedi programma allegato), tra i quali:

Venerdì 21 ottobre alle ore 15 Daniele Mongera presenterà il libro di Pia Pera “Al giardino ancora non l’ho detto” e alle ore 16 Alberto Orgiazzi terrà una conferenza di presentazione dell’“Atlante Globale della Biodiversità del Suolo”
Sabato 22 ottobre alle ore 14 Luca Mercalli presenterà il suo libro “Il mio orto tra cielo e terra. Appunti di meteorologia e ecologia agraria per salvare clima e cavoli”

Per i più piccoli l’appuntamento è con divertenti laboratori didattici: durante le giornate di sabato 22 e domenica 23 ottobre, alle ore 10, 11, 15 e 16 verranno organizzati laboratori per i bambini tenuti dall’esperta di didattica orticola Nadia Nicoletti.

due-giorni-autunno

Con il Patrocinio di Regione Piemonte, Città metropolitana di Torino e Comune di Caravino.
Il calendario “Eventi nei Beni del FAI 2016”, è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, al prezioso contributo di PIRELLI, che conferma per il quarto anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione, e Cedral Tassoni, azienda amica dal 2012 e importante marchio italiano che per il quinto anno ha deciso di abbinare la tradizione, la storia e la naturalità del suo prodotto al FAI.

Orario:
Venerdì 21 dalle ore 14 alle ore 18, sabato 22 e domenica 23 ottobre dalle ore 10 alle 18 (ultimo ingresso ore 17).
Per gli Iscritti FAI (possibilità di iscriversi in loco) e i Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino venerdì 21 ottobre, dalle ore 11 alle 14, APERTURA IN ANTEPRIMA con ingresso gratuito alla manifestazione.

Ingresso alla manifestazione:
Intero: € 10,00; Ridotto (bambini 4-14 anni): € 5,00; Iscritti FAI e Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino: € 4,00; Residenti a Caravino e Cossano Canavese: gratuito.
Per gli Iscritti FAI (possibilità di iscriversi in loco) e i Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino venerdì 21 ottobre, dalle ore 11 alle 14, APERTURA IN ANTEPRIMA con ingresso gratuito alla manifestazione.

Parcheggi:
Parcheggio interno manifestazione € 5,00.
Disponibilità di ampi parcheggi gratuiti nelle vicinanze della mostra.

Aree di ristoro:
– Grande area attrezzata per ristorazione, interna alla mostra, con piatti caldi, menu tipici della locale tradizione canavesana e prodotti del territorio.
– Caffè Masino sulle terrazze panoramiche del castello con primi piatti, piadine, panini, pizza, gelati e dolcetti tipici.
– “Ristorante del Castello” presso il Salone Marchesa Vittoria, Palazzo Carrozze, con menù stagionale (informazioni e prenotazioni 335.5204114).

Per informazioni: FAI – Castello di Masino tel. 0125.778100;
www.castellodimasino.it

Per maggiori informazioni sul FAI consultare il sito www.fondoambiente.it

Giardinity: il programma della manifestazione

Giardinity: Sabato 22 e Domenica 23 ottobre 2016 – Villa Pisani ora Bolognesi Scalabrin, Vescovana (Padova)

Villa Pisani Bolognesi Scalabrin _ Vescovana - Padova - Italy

Mostra di sculture e dipinti dell’artista Enzo Butera
Sala della Visita
“Sculture da giardino” (bronzi, gessi ) e dipinti di fiori di un poliedrico maestro toscano da poco scomparso (Confienti 1940-Fiesole 2016) che si autodefiniva un “brigante sociale”.

Colorarsi d’autunno. Nella barchessa est gli studenti delle classi 4e e 5e del Liceo Artistico “Antonio Corradini” – I. I. S. ” G. B. Ferrari” di Este con cavalletti, tele, colori, stampi, tessuti si esibiscono e intrattengono i visitatori con laboratori di pittura e stampa su tessuto sul tema del ‘foliage’ nel momento in cui gli alberi e gli arbusti di Villa Pisani si colorano d’autunno.

L’intelligenza delle mani. Mostra di arti e mestieri, in collaborazione con l’Associazione Culturale Medusa di Este. Alcuni professori del Liceo Artistico “Antonio Corradini” di Este daranno dimostrazione di come si lavorava un tempo al telaio, al tornio, con incudine e martello, con ago e filo per ottenere tessuti, ceramiche, oggetti d’arte in ferro e preziosi ricami. Barchessa Est.

Mostra “Agrumi: solarità e… vitamine”
Forme, colori, aromi e virtù degli agrumi in decine di campioni di specie e varietà del vivaio Agrumi Lenzi di Pescia (PT). Barchessa ovest, presso l’area ristoro.

Piccolo viaggio nel mondo dei fagioli
Esposizione di una collezione di oltre 150 fagioli e legumi; in omaggio all’anno internazionale dei legumi dichiarato dall’ONU. Barchessa Ovest.

Piante cibo del mondo. 15 agronomi innovatori europei dal ‘500 ad oggi
In 16 pannelli, dislocati in vari punti del giardino, la storia di 500 anni di agronomia del nostro continente e di coloro che, sperimentando o proponendo intuizioni geniali, hanno dato una svolta alla civiltà e alla coltivazione dei campi. La mostra è anche un omaggio al ruolo di Evelina Pisani, che nell’ultimo quarto dell’Ottocento amministrò 1200 ettari di terre coltivate attorno a Vescovana, con uno stile imprenditoriale che nulla tolse al suo lato femminile e alla sua romantica passione per il giardino. I pannelli sono gentilmente messi a disposizione dall’Opera delle Mura di Lucca, che li ha commissionati per la manifestazione Murabilia.

Storia di un giardino eclettico. La padrona di casa, Mariella Bolognesi Scalabrin, conduce la visita guidata al giardino di Evelina Pisani. Durata 1 ora. Sabato 22 e domenica 23 ottobre alla mattina alle ore 10,00 e alle ore 11,00, il pomeriggio alle ore 15,00 e alle 16,30. Ritrovo presso l’Info Point alla fontana centrale del giardino.

Giardinitybimbo “Castello in gioco”. In aggiunta ai laboratori dedicati ai bambini, per tutto il tempo della manifestazione un maestro di circo e giocoleria intratterrà i piccoli visitatori sul prato del giardino insegnando loro tante piccole magie. Sono ammessi non più di 20 bambini per volta. Durata dell’animazione: 1 ora e 15 minuti circa. I genitori potranno lasciare una offerta in un apposito “salvadanaio” a favore della scuola materna di Vescovana, che non gode di alcun aiuto pubblico.

I bambini per i bambini. I piccoli visitatori potranno portare a casa gli oggetti da loro costruiti o elaborati, oppure venderli essi stessi o lasciarli in vendita in un apposito banchetto allestito nella barchessa est. Il ricavato andrà alla scuola materna di Vescovana.

La più bella sei tu. Grazie al contributo dell’associazione AIRPA (Allevatrici Italiane Razze pregiate Avicole) e ad allevatori veneti specializzati, nella limonaia esposizione di polli di tante razze e con origini diverse, con una predilizione speciale per le galline del Veneto, regione che conserva il maggior numero in Italia di bellissime razze avicole tradizionali. I visitatori potranno votare la gallina a loro parere più bella e interessante, che verrà incoronata Miss Giardinity 2016.

Sabato 22 ottobre
Ore 10,00

Partenza per la visita guidata “Storia di un giardino eclettico”. Ritrovo alla fontana centrale del giardino.
Dalle ore 10,30 alle 13,00
Giardinitybimbo. Scoperte, attività creative e gioco a misura di bambini.
– Castello in gioco circo e giocoleria con la guida di un maestro dell’arte. Appuntamento sul prato alle ore 10,30 e alle ore 12 (massimo 20 bambini per turno). Gradita una piccola offerta a favore della scuola materna di Vescovana, che non gode di alcuna sovvenzione pubblica.
– Laboratori di manualità per i bambini: fiori di carta, mosaico, collane, disegni… A cura dell’insegnante Rosetta Menarello. Barchessa est.
– Costruiamo un hotel per insetti “per dare alle coccinelle e alle crisope un posto comodo dove passare l’inverno”. Laboratorio di falegnameria con Paolo Parlamento Tosco in collaborazione con Eugea. Barchessa est.
Ore 11,15
Partenza per la visita guidata “Storia di un giardino eclettico”. Ritrovo alla fontana centrale del giardino.
Ore 14,00
Partenza per la visita guidata “Storia di un giardino eclettico”. Ritrovo alla fontana centrale del giardino.
Dalle ore 14,00 alle 17,30
Giardinitybimbo. Scoperte, attività creative e gioco a misura di bambini.
– Castello in gioco circo e giocoleria con la guida di un maestro dell’arte. Appuntamento sul prato alle ore 14,00 e alle ore 16 (massimo 20 bambini per turno). Gradita una piccola offerta a favore della scuola materna di Vescovana, che non gode di alcuna sovvenzione pubblica.
– Laboratori di manualità per i bambini: fiori di carta, mosaico, collane, disegni… A cura dell’insegnante Rosetta Menarello. Barchessa est.
– Costruiamo un hotel per insetti “per dare alle coccinelle e alle crisope un posto comodo dove passare l’inverno”. Laboratorio di falegnameria con Paolo Parlamento Tosco in collaborazione con Eugea. Barchessa est.
Ore 14,30
Con il maestro giardiniere nel giardino di Evelina Pisani. Un paio di ore di giardinaggio pratico, alla scoperta delle piante, delle manutenzioni e delle nuove piantagioni d’autunno nel giardino di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin con la guida del maestro giardiniere Carlo Pagani. Necessari abbigliamento e calzature adeguati. Al termine i convenuti potranno prendere il té con Carlo
Pagani per commentare i lavori eseguiti e approfondire le tematiche emerse. Ritrovo presso l’info point (fontana del giardino).
Ore 15,30
Partenza per la visita guidata “Storia di un giardino eclettico”. Ritrovo alla fontana centrale del giardino.
Ore 17,00
Il debutto nazionale di una rosa. Presentazione della rosa ‘Garden Club Biella’®, varietà rampicante a fiori profumatissimi rinvenuta sulle Prealpi piemontesi e rimessa in coltivazione. Simile alla rosa antica ‘Gruss an Tepliz’ (Ungheria, 1897), se ne discosta però per alcuni caratteri e per il profumo decisamente più intenso.
A seguire degustazione di prodotti a base di rose. Zona ingresso Giardinity.
Ore 17,45
Giardinitybimbo. La merenda consapevole.
Pane e marmellata per fare merenda come si faceva sino a una generazione fa. Per riscoprire sapori, contare quante piante mangiamo e imparare giocando qualche regola di eduzazione alimentare. A cura di Mimma Pallavicini. Barchessa est.
Chi vuole lasciare un piccolo contributo, lo può fare nel salvadanaio a favore della scuola materna di Vescovana.
Ore 21,00
Musica per un giorno di fiori.
Divertissement musicale con il mezzosoprano Ornella Florio, la violinista Laura di Marzio e al pianoforte Davide Squarcina. Appuntamento nel teatro di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin.

Domenica 23 ottobre
Ore 10,00
Partenza per la visita guidata “Storia di un giardino eclettico”. Ritrovo alla fontana centrale del giardino.
Dalle ore 10,30 alle 13,00
Giardinitybimbo. Scoperte, attività creative e gioco a misura di bambini.
-“Castello in gioco circo e giocoleria con la guida di un maestro dell’arte. Appuntamento sul prato alle ore 10,30 e alle ore 12 (massimo 20 bambini per turno). Gradita una piccola offerta a favore della scuola materna di Vescovana, che non gode di alcuna sovvenzione pubblica.
– Laboratori di manualità per i bambini: fiori di carta, mosaico, collane, disegni… A cura dell’insegnante Rosetta Menarello. Barchessa est.
– Costruiamo un hotel per insetti “per dare alle coccinelle e alle crisope un posto comodo dove passare l’inverno”. Laboratorio di falegnameria con Paolo Parlamento Tosco in collaborazione con Eugea. Barchessa est.
Ore 10,30 – 12,30
In cucina con lo chef. Tema di quest’anno: “Con erbe e fiori risotti con i fiocchi”. I partecipanti al corso impareranno a distinguere le varietà di riso (comprese le varietà di riso nero, rosso e rosa) e abbinarle a erbe selvatiche e di campo, ortaggi e fiori per risotti speciali. Quanto realizzato ai fornelli verrà servito in degustazione al termine della conferenza “Il riso dal campo alla tavola”.
Ore 11,15
Partenza per la visita guidata “Storia di un giardino eclettico”. Ritrovo alla fontana centrale del giardino.
Ore 11,30
Conferenza illustrata “Il riso dal campo alla tavola. Piccoli chicchi, grandi virtù” di Natalia Bobba, presidente dell’Associazione Femminile Agricola “Donne e riso”.
A seguire aperitivo con degustazione di risi diversi cucinati con erbe e fiori dai partecipanti al corso di cucina.
Ore 14,00
Partenza per la visita guidata “Storia di un giardino eclettico”. Ritrovo alla fontana centrale del giardino.
Dalle ore 14,00 alle 17,30
Giardinitybimbo. Scoperte, attività creative e gioco a misura di bambini.
– Castello in gioco circo e giocoleria con la guida di un maestro dell’arte. Appuntamento sul prato alle ore 14,00 e alle ore 16 (massimo 20 bambini per turno). Gradita una piccola offerta a favore della scuola materna di Vescovana, che non gode di alcuna sovvenzione pubblica.
– Laboratori di manualità per i bambini: fiori di carta, mosaico, collane, disegni… A cura dell’insegnante Rosetta Menarello.
– Costruiamo un hotel per insetti “per dare alle coccinelle e alle crisope un posto comodo dove passare l’inverno”. Laboratorio di falegnameria con Paolo Parlamento Tosco in collaborazione con Eugea.
Ore 14,30
Conferenza: “Le razze avicole venete, un tesoro di biodiversità tra tradizioni e cultura del mondo agricolo veneto” di Andrea Mangoni, naturalista e esperto di recupero di antiche razze avicole (www.oryctes.com).
Ore 15,30
Partenza per la visita guidata “Storia di un giardino eclettico”. Ritrovo alla fontana centrale del giardino.
Ore 16,00
Nel giardino dei libri. Talk show con scrittori, giardinieri e estimatori della “letture green” e presentazione di novità librarie del settore.
Ore 17,30
La più bella sei tu. Proclamazione di Miss Giardinity 2016, la gallina più votata dai visitatori. Per lei la fascia di miss, per il suo allevatore un premio e la pubblicazione della foto ricordo su una testata giornalistica nazionale.
Con il patrocinio di: Grandi Giardini Italiani, Istituto Regionale delle Ville Venete, A.Di.P.A., Società Botanica Italiana, Provincia di Padova, Comune di Vescovana
Media Partner: Gardenia

La Villa – Nel luogo di una rocca estense medioevale, sorge la villa palladiana commissionata dal cardinale Francesco Pisani, patrizio veneziano e vescovo di Padova. Il palazzo rinascimentale, con affreschi del Veronese, dello Zelotti, del Varotari e del fiammingo Toeput, nasce come sede amministrativa delle proprietà fondiarie acquisite nel 1478 nella Bassa Padovana.
Evelina van Millingen, l’ultima contessa Pisani, nata nel 1830 a Costantinopoli e cresciuta a Londra da una famiglia inglese e fiamminga, in pieno Ottocento crea il giardino e il parco nello stile gardenesque del tempo, con influssi islamici, riferimenti olandesi e un’ironia tutta sua. Così come li ha voluti Evelina, ammiriamo oggi villa e giardino, restaurati e amorevolmente curati dall’attuale proprietaria, Mariella Bolognesi Scalabrin.

Dove
Villa Pisani – Bolognesi Scalabrin, via Roma 25, 35040 Vescovana PD
Come arrivare
dalla A13 BO-PD: uscita Boara – Rovigo nord, dal casello proseguire a sinistra, girare dopo 800 mt nuovamente a sinistra verso Vescovana. Passare due rotonde continuando dritti, alla terza girare a destra, al secondo semaforo girare a sinistra sulla piazza alberata, l’ingresso della villa è sulla sinistra.
Parcheggio
gratuito nelle vicinanze della Villa
Giorni e orari
sabato 22 e 23 ottobre dalle 9,00 alle 19,00
Biglietteria
intero euro 7,00; bambini euro 5,00; famiglia (due adulti e due bambini) euro 20,00 – bambini sotto i 6 anni gratuito, Con il biglietto un tagliando sconto del 10% (fino al valore massimo del biglietto stesso) per un acquisto di piante
Contatti
Villa Pisani – Bolognesi Scalabrin, via Roma 25, 35040 Vescovana PD – tel/fax 0425.920016 – info@villapisani.itwww.giardinity.it

Giardinity-2015_1

Orticolario… apre la biglietteria online!

È aperta la biglietteria online di Orticolario, dove è possibile acquistare entro la mezzanotte del 25 settembre 2016 il biglietto di ingresso alla tariffa scontata di 15,00 euro. Successivamente il costo del biglietto alle casse e online sarà di 17,00 euro.

Qui la prevendita online dei biglietti

orticolario-2

L’ottava edizione di Orticolario, l’evento dedicato alla passione per il giardino e alle sue capacità di …trasmettere emozioni… esprimendo bellezza ed eleganza si terrà dal 30 settembre al 2 ottobre 2016. A Villa Erba (Cernobbio, Lago di Como), ci si farà guidare dal sesto senso. Titolo di quest’anno: “Il risveglio”.

Il fiore di questa ottava edizione è l’Anemone, il fiore del vento.

Quest’anno il Premio “Per un giardinaggio evoluto” verrà consegnato al paesaggista spagnolo Fernando Caruncho “Per l’armonia che sa infondere ai suoi progetti di paesaggio, nei contesti più diversi, trovando sempre stimolanti punti di contatto fra filosofia e arte dei giardini, storia e botanica, cultura e natura”.

orticolario-3

Come sempre Orticolario si aprirà alle contaminazioni tra arte, design, spazi creativi, moda e molto altro…

Orticolario dedica una speciale attenzione alla solidarietà. Da sempre, i contributi raccolti nel corso della manifestazione sono destinati a finalità benefiche a favore di associazioni del territorio che si occupano di persone disagiate.

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO
Venerdì 30 settembre e sabato 1 ottobre: 9.00 – 19.30
Domenica 2 ottobre: 9.00 – 19.00

INGRESSO
Alle biglietterie: Euro 17,00 intero – ridotto Euro 14
Online: Euro 15 (entro il 25 settembre)
Ridotto speciale Euro 12,00 (tutti i giorni a partire dalle ore 17.00)
Gratuito fino a 14 anni

Per informazioni: www.orticolario.it

Rose di Maggio – Mostra mercato

ROSE-DI-MAGGIO-03

Sabato 28 dalle 13 alle 19 e domenica 29 maggio 2016, dalle ore 10 alle 18, Villa Della Porta Bozzolo, bene del FAI – Fondo Ambiente Italiano a Casalzuigno (VA), ospiterà per il quinto anno consecutivo “Rose di maggio”, mostra-mercato dedicata alla “regina dei fiori”, simbolo al contempo di sensualità e purezza, di bellezza ed eleganza. I due giorni di festa offriranno anche l’occasione di ammirare lo splendore del roseto della Villa, dove sono presenti oltre un migliaio di varietà di rose galliche e botaniche.

Alcuni tra i migliori vivaisti italiani di rose esporranno una vasta collezione di rose sia antiche che moderne, che riempiranno di profumi inebrianti e colori soavi gli spazi della Villa. A fianco delle rose, sarà anche presente un’ampia proposta di “compagne” considerate ideali per la regina di maggio da Vita Sackville West: clematis, piante erbacee perenni, piante aromatiche, rosacee.

I visitatori avranno quindi la possibilità non solo di acquistare piante di qualità certificata e di conoscere le caratteristiche che differenziano le diverse specie botaniche, ma anche di chiedere a esperti del settore consigli e indicazioni sulla coltivazione e la cura delle diverse varietà.

Oltre alle rose, la mostra-mercato propone editoria specializzata, piccoli attrezzi da giardinaggio, alimenti al sapore di rosa.

ROSE-DI-MAGGIO-01

Durante la manifestazione, verrà dato ampio spazio al roseto di Villa Della Porta Bozzolo, con speciali visite guidate alla scoperta delle diverse caratteristiche e peculiarità delle rose galliche e botaniche collezionate dal FAI, mentre per i più piccoli saranno organizzati laboratori a tema. Le sale della villa saranno inoltre allestite con un migliaio di fiori recisi da collezione provenienti dal roseto suddivisi per famiglie e varietà.

La manifestazione si svolgerà anche in caso di maltempo.

Con il Patrocinio della Provincia di Varese.
Il calendario “Eventi nei beni del FAI 2016”, è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, al prezioso contributo di PIRELLI che conferma per il quarto anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione e Cedral Tassoni, azienda amica dal 2012 e importante marchio italiano che per il quinto anno ha deciso di abbinare la tradizione, la storia e la naturalità del suo prodotto al FAI.
Villa Della Porta Bozzolo è museo riconosciuto da Regione Lombardia.

Ingressi: Intero € 8.50; Ridotto (Ragazzi 4-14 anni): € 4; Iscritti FAI € 3.

Giorni e orari: sabato 28 dalle ore 13 alle 19, domenica 29 maggio, dalle ore 10 alle 18.

Per informazioni: Villa Della Porta Bozzolo – tel. 0332/624136; e-mail; www.villadellaportabozzolo.it

Photo Courtesy: Paolo Barcucci. Tutti i diritti riservati.

ROSE-DI-MAGGIO-02

Ninfeamus 2016

Dal 23 al 25 aprile porte aperte a Villa Visconti Borromeo Litta di Lainate per la quinta edizione di Ninfeamus, l’annuale appuntamento dedicato alla promozione della cultura del verde e alla natura, organizzata dall’Associazione ‘Amici di Villa Litta’ in collaborazione con il Comune di Lainate e il Museo comunale ‘Il Ninfeo di Lainate’, sostenuta da ‘I Grandi Giardini Italiani’, ‘ReGis – Rete dei Giardini Storici’, ‘EGHN – European Gardening Heritage Network’, ‘Il Parco più bello d’Italia – Network Nazionale di Parchi e Giardini’.

Ninfeamus 2016

Verde dentro
È il filo conduttore dell’edizione 2016, ispirato dalla riapertura delle Serre Liberty di Villa Litta, che il pubblico potrà visitare per la prima volta proprio in occasione di Ninfeamus, al termine dei lavori di restauro e dopo l’inaugurazione ufficiale di metà aprile. ‘Verde dentro’ è il verde all’interno degli spazi abitati, in un ribaltamento di prospettiva che mantiene però costante il dialogo con lo spazio aperto, ma è anche la persona che consapevolmente vive in equilibrio con la Natura e nel rispetto delle risorse. La presenza ‘verde’ all’interno dei luoghi di lavoro, di studio e privati risponde non solo a una ricerca estetica, ma anche ad esigenze terapeutiche: come confermano numerosi studi scientifici, infatti, gli effetti positivi delle piante si manifestano non solo sull’ambiente che ci circonda, ma anche sul nostro benessere fisico e mentale. E agli spazi di benessere è dedicata la conferenza di domenica 24 aprile (ore 11.30) dal titolo ‘Vivere una casa sana’: Marco Nieri, bio-researcher ed esperto in salute dell’habitat (www.archibio.it), spiegherà al pubblico come eliminare dal proprio ambiente domestico gli elementi di disturbo (materiali, tecnologie, finiture con cui si entra in contatto), aumentandone la salubrità e influenzando positivamente lo stato di salute.

Laboratori, mostre e spettacoli
Secondo un format ormai consolidato, la classica esposizione dedicata al mondo naturale si arricchisce di numerosi eventi e attività a tema che porteranno i visitatori a vivere in prima persona la manifestazione. Tra i laboratori in programma segnaliamo quello per genitori e bambini sulla produzione di creme cosmetiche con prodotti naturali a cura di Inganni Cremosi; e il laboratorio per bambini ‘Mandala di profumi e colori’ sull’antica arte dei mandala, per creare con erbe e fiori un disegno simbolico e armonico. Le sale di Villa Litta ospiteranno la mostra di acquerelli botanici ‘Piante dentro’, una selezione dei raffinati lavori della pittrice Silvana Rava che portano il verde all’interno degli ambienti abitati; ‘La foresta di Mele’, personale dell’artista Vito Mele con una proposta di sculture prossime al mondo naturale; e ‘Leal Art Aid 2.0’, selezione di quadri e sculture della collettiva Leal Art Aid 2.0, vendita benefica online di opere d’arte contemporanea. Ci saranno anche degli spettacoli per bambini di tutte le età, come ‘È l’ora’ della compagnia teatrale San Giorgio e il Drago, un viaggio immaginario alla scoperta di quello che ci circonda e del buon uso delle risorse, tra protagonisti buoni e antagonisti diabolici; e ‘Il conciorto’, un concerto di ‘verdure suonate’ proposto Biagio Bagini e Luigi Carlone, una raccolta di musiche e canzoni originali che raccontano di ortaggi e coltivatori.

Concorso per progettisti e per le scuole
Il tema dell’armonia e dell’integrazione tra spazi interni ed esterni ha guidato anche gli elaborati della III edizione del Concorso “Progettare inside-out” rivolto a progettisti del verde e studenti di agraria o scuole di paesaggio. Gli allestimenti saranno inseriti armonicamente tra gli stand, visitabili dal pubblico e dalla giuria di esperti, e il progettista/gruppo vincitore verrà proclamato ufficialmente nella cerimonia di domenica 24 alla presenza delle autorità. In esposizione ci saranno anche gli elaborati realizzati dagli studenti lainatesi che hanno partecipato al concorso ‘Verde dentro.. la scuola’.

Sport all’aria aperta e momenti benessere
Ninfeamus regala anche momenti di relax nel Parco, con lezioni di Kung Fu e Thai Chi Chuan a cura dell’associazione Circolo Lainatese, e ‘pause’ olistiche a cura dell’associazione Rosa per la Vita (tra le discipline in programma ci saranno yoga della risata, giocayoga per bambini, biodanza e psicomotricità). Sempre legati al tema del benessere fisico e spirituale, segnaliamo le lezioni di meditazione e stretching antico dei monasteri indiani a cura dell’associazione Sai Vidya, due momenti per rilassarsi e raggiungere un effetto distensivo psicofisico; e il workshop di danza consapevole ‘Corpo d’acqua’, a cura di Lucylab.evoluzioni e condotto da Rosita Mariani, per muoversi consapevolmente focalizzando l’attenzione sull’ascolto della componente liquida del corpo.

Visite guidate al Ninfeo e alle Serre Liberty
Nella tre giorni dedicata alla natura ci sarà come sempre un’anteprima di stagione delle visite guidate al Ninfeo di Villa Litta con i suoi irriverenti giochi d’acqua, organizzate dall’associazione Amici di Villa Litta, e le prime visite libere (con ingressi regolati per evitare l’affollamento) alle restaurate Serre Liberty, serre calde realizzate tra la seconda metà dell’800 e il primo ‘900 e usate per ospitare una magnifica collezione di piante tropicali, rare e misteriose per i tempi, tra cui orchidee, palme da dattero e caffè.

I ricavi della manifestazione saranno destinati come sempre al verde di Villa Litta, alla conservazione e al proseguimento dei restauri dei Giardini, dei parterres e del Parco storico. Grazie ai proventi dell’edizione 2015 è stato possibile ampliare la collezione di acidofile, piantumando nuove ortensie quercifolia e azalee rifiorenti.

Il programma di Ninfeamus sarà disponibile a breve su: www.ninfeamus.it

Ninfeamus 2016

Manifestazione Giardini d’Agrumi

Il 2 e il 3 aprile 2016 l’Associazione di Promozione Sociale Terre & Sapori d’Alto Garda organizza la II edizione di Giardini d’Agrumi, una manifestazione dedicata alla riscoperta e
valorizzazione degli agrumi e delle limonaie di Gargnano.

Considerata la tradizione storica circa la coltivazione di agrumi che, lungo la Riviera dell’alto Garda bresciano, necessitava di strutture di copertura per difendere le piante dai rigori invernali attraverso le monumentali limonaie, la nostra Associazione vuole dare nuovo risalto a questa antica pratica per farla meglio conoscere, invitando i residenti ad aprire al pubblico i propri giardini d’agrumi.

Seguendo i percorsi storici delle vie Crocefisso e San Giacomo, il visitatore potrà accedere a luoghi dove venivano e vengono tutt’oggi coltivati gli agrumi, talvolta ancora seguendo le tecniche tradizionali – grazie ad una quindicina di proprietari che renderanno visitabili i propri siti – ed apprezzare il paesaggio delle limonaie.

Nello splendido scenario dell’antico chiostro di San Francesco verrà inoltre allestita una mostra delle varietà di agrumi coltivate sull’alto Garda anche di particolari e antiche varietà e degli attrezzi un tempo utilizzati per l’agrumicoltura gardesana. Alcuni pannelli illustreranno il paesaggio e i caratteri costruttivi delle limonaie gardesane.
Un mercato dedicato ai prodotti locali e tradizionali completerà l’iniziativa.

Per informazioni:
www.terresapori.it
www.facebook.com/terresaporialtogarda

Giardino Agrumi

L’eredità botanica dell’antica Roma

Mami Azuma apre una finestra temporale sulla conoscenza botanica dall’antica Roma ai giorni nostri, a partire dalla riflessione sulle specie arboree riprodotte nelle opere in mostra a Mito e Natura. Dalla Grecia a Pompei (Milano, Palazzo Reale, fino al 10 gennaio 2016) come nelle pitture di giardino della sala Il giardino incantato.

Il giardino delle ville romane, riparato dai venti a dalla curiosità dei vicini, era oggetto di una cura meticolosa. Crescevano con simmetria erbe e fiori: predominavano le rose, le viole, i gigli. Ovunque erano disseminate piccole opere d’arte, statue, colonne, lastre con rilievi. Il terreno intorno alla villa era adibito a hortus e si alternavano boschetti di piante di lusso, lauri, platani, pini, con aiuole e siepi tagliate geometricamente.

Attraverso l’osservazione del paesaggio, lo studio dei ritrovamenti negli scavi archeologici, l’esame delle opere d’arte, la fonti letterarie, la storia di popoli e di culture è stato possibile riconoscere i materiali botanici, forestali e agricoli conosciuti tra Roma e Pompei. Una particolare attenzione è dedicata alla storia delle specie vegetali: il pesco, il castagno e l’esemplare caso del cipresso, con un’indagine sui metodi di utilizzo dei boschi e del legno.

Il FuoriMostra di Mito e Natura è organizzato dall’Università degli Studi di Milano, in collaborazione con il Comune di Milano ‐ Cultura, Palazzo Reale ed Electa. Inaugurato il 22 settembre propone 13 incontri dal titolo Dalla mostra alla città fino a dicembre 2015 aperti gratuitamente al pubblico.
Specialisti ed esperti archeologi, con il coordinamento di Gemma Sena Chiesa, dialogano con il pubblico sui temi dell’arte tra mito e natura nel mondo greco e romano e dell’eredità botanica dell’antica Roma nella natura che ci circonda.

Il progetto FuoriMostra si avvale anche di un canale di comunicazione web interamente animato da specializzandi in archeologia dell’Università Statale con la guida di Federica Giacobello: all’iniziativa collaborano sette archeo‐blogger che partendo dal loro lavoro e dalla passione che li motiva studiano con tenacia il passato guardando verso il futuro, divisi tra scavi archeologici e smartphone e tablet con cui raccontano la loro esperienza e la loro conoscenza professionale attraverso il blog (www.mostramitonatura.it/it/blog.html).

Eredità botanica dell'antica Roma