Firenze Flower Show

Firenze Flower Show torna in Primavera: la quarta edizione della mostra mercato di  piante rare e inconsuete al Giardino Corsini dal 9 al 10 aprile 2022!

Nella splendida Firenze torna ad aprile la quarta edizione del Flower Show, mostra mercato dedicata ai migliori produttori e collezionisti di  piante rare e inconsuete, provenienti da tutto il territorio nazionale.

Circa 80 espositori coloreranno e daranno vita a questo spettacolo naturalistico presentando le più rare e inconsuete varietà di piante derivanti da tutto il mondo, e i prodotti artigianali più particolari vicini al tema “green”. Anche quest’anno con l’attiva partecipazione e collaborazione di tutte le istituzioni locali tra cui Comune di Firenze, Regione Toscana e numerosissime Associazioni e realtà fiorentine.

Il percorso naturalistico che i visitatori potranno trovare passerà infatti per tutte le varietà botaniche più particolari, introvabili e di qualità: si potrà passeggiare immersi in un’esposizione di imponenti bonsai da collezione, particolarissime specie di piante grasse, l’una più singolare dell’altra.

La spettacolarità dell’evento proseguirà poi all’interno di un vero e proprio museo degli agrumi, con esemplari tra i più rari e antichi e una ricchezza di profumi e colori che non passerà sicuramente inosservata. Non mancheranno ovviamente alberi da frutto, una vasta collezione di graminacee ornamentali, di piante perenni, ma anche di aceri giapponesi. Non mancheranno le poetiche piante acquatiche, le particolarissime piante carnivore, le rarissime e irreperibili tillandsie, una vasta collezione di rose antiche e moderne, e dei stravaganti kokedama.

Il pubblico sarà coinvolto anche in un percorso che sempre si intreccia con quello botanico: molti gli espositori che porteranno primizie culinarie come le tantissime tipologie di frutta essiccata, di spezie, miele e vino alla visciola. Numerosi  anche gli artigiani di nicchia provenienti da ogni parte d’Italia, ciascuno con la propria particolarità:  ai foulard di bamboo, dalla ceramica raku ai gioielli floreali , dalle lampade da giardino ai prodotti in vimini. 

Come ogni edizione, all’interno della manifestazione sarà allestito un angolo enogastronomico, dove, per il pubblico sarà possibile sostare e godere di deliziose primizie culinarie, durante tutta la giornata. E non mancherranno gustosi drink floreali!

Per il pubblico che parteciperà al Firenze Flower Show, poi, sarà impossibile annoiarsi grazie all’ampio ventaglio di attività collaterali gratuite che si succederanno per tutti i due giorni: gli esperti del settore metteranno al centro il giardinaggio di qualità e di conseguenza tutte le loro conoscenze in campo florovivaistico. Un’occasione sia per i più esperti e appassionati del settore, sia per i neofiti che non hanno ancora sviluppato il pollice verde. Anche per i più piccini ce n’è per tutti i gusti: dalle attività di giardinaggio agli appuntamenti sul mondo degli animali.

Ogni attività collaterale che si svolge all’interno della manifestazione è gratuita ed aperta a tutti, previa iscrizione online al sito ufficiale www.firenzeflowershow.com.

Un’edizione da non perdere per ammirare rare meraviglie e approfondire le proprie conoscenze sul giardinaggio, ma anche semplicemente per vivere un weekend “total green” in pieno relax in una delle location storiche più affascinanti della città di Firenze!

Firenze Flore Show

I colori d’autunno del FAI

Piante, fiori e idee per terrazzi e giardini a Villa Necchi Campiglio, Milano) sabato 6 e domenica 7 novembre 2021, dalle ore 10 alle 18. Per partecipare all’evento è consigliata la prenotazione su http://www.coloridautunno.it

Dal giallo arancio delle distese di larici in montagna al giallo oro dei ginkgo biloba nelle nostre città, passando per le inconfondibili tinte di zucche, melagrane e cachi, fino alle fioriture dei ciclamini nei boschi e alle bacche rosse delle rose selvatiche in campagna, i caldi e avvolgenti colori dell’autunno, con le loro mille sfumature, sono indiscutibilmente una delle più grandi meraviglie che la natura ci regala. Una magia che si ripete ogni anno davanti ai nostri occhi e che sempre riesce a sorprenderci e a trasmetterci positività ed energia, a cui il FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano  ha deciso di dedicare un evento speciale.

Dopo aver dovuto rinunciare lo scorso marzo all’organizzazione della manifestazione “Soffio di primavera” a causa dell’emergenza sanitaria, il FAI è felice di poter inaugurare, sabato 6 e domenica 7 novembre, una nuova mostra mercato dedicata a piante, fiori e tutto il necessario per il giardinaggio – dal titolo “Colori d’Autunno” – che vedrà negli spazi della splendida Villa Necchi Campiglio la presenza di circa trenta espositori accuratamente selezionati che porteranno nel cuore di Milano quanto di bello offre la natura in questa stagione. Per l’occasione i visitatori potranno ammirare e acquistare camelie autunnalipiante da fruttoarbusti da bacca e da fiore, roseerbacee perennipiante rampicanti, tipiche di questo periodo dell’anno, ma anche libri, vasi, attrezzi da lavorocasette per uccellicesti in castagno, arredi da giardino, acquerelli botanici e oggetti di brocantage. Inoltre, il vivaista Davide Chiaravalli, esperto di agrumi, porterà a Milano il profumo della Sicilia con le piantine da lui prodotte attraverso l’innesto del “Limone dolce” delGiardino della Kolymbethra, Bene del FAI nella Valle dei Templi di Agrigento. 

In più, il pubblico avrà la preziosa opportunità di chiedere consigli sugli acquisti da fare e di apprendere le migliori tecniche di coltivazione, grazie alle indicazioni dei giardinieri del FAI che condurranno visite speciali al giardino della Villa e agli stand, e potrà partecipare a interessanti laboratori di composizione floreale.

colori d'autunno

La manifestazione avrà un ospite d’eccezione: il noto giardiniere, musicologo compositore Walter Branchi, che ha insegnato Composizione Musicale Elettronica presso il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma e al Conservatorio “Gioacchino Rossini” di Pesaro ed è anche uno dei maggiori esperti nel mondo delle rose, specialmente nelle classi Tè, Cinesi e Noisette. Sabato 6 novembre alle ore 16 proporrà nel giardino della Villa una performance molto particolare che, armonizzando suoni della natura, colori d’autunno e note, stimolerà il pubblico a sviluppare un legame emotivo con l’ambiente, mentre domenica 7 alle ore 11.30 converserà sul mondo delle rose con la vivaista Anna Peyron, famosa per le sue rose antiche e botaniche e autrice del libro Il romanzo della rosa (ADD Editore).

Questo il programma delle attività previste nei due giorni di evento:

Sabato 6 novembre:

  • Ore 10.30 A zonzo per il giardino con i giardinieri del FAI Luca Dell’Acqua e Umberto Giolli;
  • Ore 11.30 Consigli per gli acquisti: visite ragionate agli stand con il giardiniere del FAI Umberto Giolli;
  • Ore 12 Laboratorio di composizioni autunnali con l’artista varesina Maura Milani;
  • Ore 15 Consigli per gli acquisti: visite ragionate agli stand con il giardiniere del FAI Umberto Giolli;
  • Ore 16 “Ascolto” musicale del compositore e rodologo Walter Branchi nel giardino di Villa Necchi dove i colori dell’autunno, i suoni della natura e le note dell’autore si coniugano per dar vita a una performance molto speciale.
colori d'autunno

Orto Giardino

Il Salone dedicato a floricoltura, vivaismo e orticoltura è stato riprogrammato dal 28 marzo al 5 aprile

ORTOGIARDINO, la fiera dell’orto-florovivaismo e della vita all’aria aperta, si terrà regolarmente nelle NUOVE DATE dal 28 Marzo al 5 Aprile, sempre nei padiglioni della Fiera di Pordenone.

PROMOZIONE SPECIALE PER I GRUPPI: ingresso a € 5,00/persona!

ORGANIZZA LA VISITA PER IL TUO GRUPPO
Tanti vantaggi per i gruppi con più di 10 persone:

  • Biglietto ridotto a € 5,00 anziché € 8,00
  • Ingresso gratuito per ragazzi fino a 12 anni compiuti, guida e autista
  • Ingresso veloce alla biglietteria SUD, cassa dedicata ai gruppi

Non solo stand commerciali! A Ortogiardino anche tanti eventi collaterali di rilievo:

FESTIVAL DEI GIARDINI
Selezione a livello nazionale che coinvolge architetti paesaggisti, agronomi e vivaisti nella progettazione e realizzazione di giardini ispirati da un tema comune, che per il 2020 sarà Da: Viaggio A: Realtà.
PORDENONE ORCHIDEA
La più ricca mostra mercato del Nordest dedicata a questo fiore raffinato, con allestimenti, esposizioni e incontri.
EMPORIO VERDE
Un’area espositiva interamente dedicata ad arredi e decori da esterno, con allestimenti a tema e comunicazione mirata.
Orari:
Da Lunedì a Venerdì: 14.00 – 19.00
Sabato e Domenica: 9.30 – 19.30
Per informazioni:
+39 0434 232 111
info@fierapordenone.it

Un soffio di primavera

I profumi dei primi boccioli della bella stagione daranno il benvenuto ai visitatori che si recheranno a Villa Necchi Campiglio, Bene del FAI – Fondo Ambiente Italiano a Milano, in occasione di Un soffio di primavera, sabato 7 e domenica 8 marzo 2020 dalle 10 alle 18: la mostra mercato tanto amata dagli appassionati di verde, giunta alla nona edizione e dedicata quest’anno agli arbusti fioriti, dall’hamamelis all’edgeworthiae, dalla magnolia soulangeana al prunus avium, dal viburnum al chimonanthus praecox, fino alla camelia japonica.

Non solo: in esposizione si troveranno anche piante annuali e perenni da fiore quali ellebori, bergenie, primule, viole e ciclamini; arbusti per giardino e terrazzo; piante aromatiche per le insalate di primavera; piante da orto freddo; piante rustiche da ingresso e da cortile quali aspidistre, liriopi, convallarie e felci; cactacee e bulbose in fioritura tra fine inverno e inizio primavera come galanthus e crocus. La “due giorni” vedrà impegnati circa 30 vivaisti e produttori, accuratamente selezionati e provenienti anche dall’estero. Tra questi, il Podere Restelli di Olgiate Olona (VA), azienda orticola e di floricoltura nata nel 1885 dalla passione di due fratelli aristocratici milanesi e conosciuta per la produzione di piante rare, arbusti perenni e fiori selvatici; il Vivaio Giardino Tara, piccola azienda sulle rive del lago di Bolsena (VT) le cui collezioni in produzione sono magnolie, hydrangea, punica granatum, styraxe calycanthus; e ancora, nel fine settimana della Festa della Donna non mancherà Pépinières Cavatore, vivaio del sud della Francia specializzato in mimose delle quali conserva e coltiva oltre 180 varietà provenienti da Australia, Sudafrica e America Latina.

Oltre alle numerose specie floreali, ci saranno arredi per la cura dell’orto; sementi; libri dedicati al verde e illustrazioni botaniche; e poi, gioielli realizzati con foglie e fili d’erba. Tra le novità, grembiuli, borse e accessori per la casa e il giardino realizzati dal laboratorio artigianale Viamartinella e orecchini, braccialetti e ciondoli creati da Federica Lovrecic con l’erba capim dourado tipica del Brasile, il sughero del Portogallo e i semi dell’Amazzonia.

soffio-primavera-2

Arricchiranno la mostra mercato interessanti incontri. Tra gli appuntamenti da non perdere: sabato 7 marzo alle ore 15 Anna Peyron racconterà in anteprima le curiosità del suo libro di prossima uscita Il romanzo della rosa (add editore) con storie di uomini, donne e artisti accomunati dalla passione per la “regina del giardino”; alle 16 Maria Mannone, laureata in Fisica teorica e Ph. D. in Composition, parlerà di Alberi e sinfonie: quando la matematica crea ponti e dà suono alle forme e spiegherà la corrispondenza tra una foglia e una melodia, tra strutture vegetali e partiture musicali attraverso la matematica, la geometria e la dinamica del movimento. Per illustrare tale legame la studiosa, servendosi di una tastiera, “tradurrà in note” lo sviluppo dell’antico platano di Villa Necchi; ancora, domenica 8 marzoalle 11 Beatrice Consonni, vivaista di lunga data, offrirà una panoramica sapiente degli arbusti a fioritura invernale nella straordinaria varietà delle loro cortecce, dall’acer griseum alla betula alba spider alley, dal cornus sanguinea al prunus serrula; alle 12.30 Umberto Castiello, professore ordinario di Psicobiologia e Psicologia fisiologica nel Dipartimento di Psicologia generale dell’Università di Padova, parlerà del suo saggio La mente delle piante – Introduzione alla psicologia vegetale (Il Mulino), uno sguardo inedito sull’attività cognitiva delle piante alla luce della loro capacità di ricordare, muoversi, decidere, orientarsi, interagire e comportarsi in modo opportunista, generoso o truffaldino.

soffio-primavera

Infine, in concomitanza con Un soffio di primavera Lilla Tabasso, biologa e designer milanese, presenterà la mostra Fragile melanconia con alcune sorprendenti composizioni in vetro che illustrano le fioriture come espressione della bellezza del mondo naturale e come metafora di caducità e fragilità esistenziale. Si ringrazia per l’iniziativa la Galleria di vetro contemporaneo di Caterina Tognon. Progetto realizzato grazie al contributo di Andrea Zegna.

Con il Patrocinio del Comune di Milano.

Il calendario “Eventi nei Beni del FAI 2020” è reso possibile grazie al fondamentale sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, e al prezioso contributo di PIRELLI che conferma per l’ottavo anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione.Grazie a Golia Herbs che rinnova nel 2020 il suo sostegno agli eventi verdi.

Villa Necchi Campiglio è museo riconosciuto da Regione Lombardia.

Giorni e orari: sabato 7 e domenica 8 marzo 2020 dalle 10 alle 18

Biglietti: manifestazione: intero 7 €; iscritti FAI, ridotto 6-18 anni e studenti fino a 25 anni 4 €

Villa e manifestazione: intero 18 €; iscritti FAI 4 €; ridotto 6-18 anni 6 €; studenti fino a 25 anni 8 €

Per informazioni: Villa Necchi Campiglio, via Mozart 14, Milano; tel. 02.76340121; fainecchi@fondoambiente.it

www.fondoambiente.it – www.villanecchicampiglio.it

Tre giorni per il giardino

Il giardino è sapere e saper fare. Dietro la sua bellezza, la sua armonia e i suoi colori si nascondono, infatti, la cultura e l’abilità pratica del suo artefice, la manualità guidata dal ricco patrimonio immateriale di chi conosce la terra e sa come curarla e renderla fertile. Per questo la “Tre giorni per il giardino ed. Autunno”, in programma da venerdì 18 a domenica 20 ottobre 2019 dalle ore 10 alle 18 al Castello e Parco di Masino a Caravino (TO), diventa officina, oltre che vetrina: non solo mostra e mercato di pregevoli collezioni botaniche, ma luogo in cui vivaisti ed esperti condividono con il pubblico la propria esperienza, saggezza e tecnica, così come i maestri trasmettevano il mestiere nelle antiche botteghe artigiane.

Fulcro della manifestazione – organizzata dal FAI sotto l’accurata regia dell’architetto Paolo Pejrone, fondatore e Presidente dell’Accademia Piemontese del Giardino – sarà il corso intensivo tenuto da Luca Riccati, capo giardiniere del Parco Pallavicino e della Rocca di Angera, che fanno parte del complesso dei giardini Borromeo sul Lago Maggiore. Un seminario applicativo, in programma sabato 19 dalle ore 14 alle 17 nella “scuola a cielo aperto” al centro del pratone di Masino, nel quale il pubblico imparerà a prendersi cura delle piante durante il tardo autunno, l’inverno e gli albori della primavera: dalla pratica di talee e potature alle pulizie e ai diserbi, dalle tecniche di rinvasi e trapianti alle semine e alle messe a dimora, dall’uso di terricci, concimi e pacciamature alle protezioni contro il freddo, fino alle irrigazioni (su prenotazione, al termine del corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione).

Oltre a questi fondamentali strumenti, l’officina verde della “Tre giorni” offrirà preziose conoscenze su un tema che chi ha e fa il giardino affronta quotidianamente: la convivenza con gli animali, filo conduttore dell’edizione 2019. Lezioni, incontri pratici, laboratori e consigli di lettura, a cura della Libreria della Natura, riguarderanno, da una parte, gli animali domestici(cani, gatti, asini, capre, galline, anatre, oche…), l’organizzazione attenta degli spazi affinché il giardino possa essere loro habitat senza perciò essere distrutto, la selezione di piante resistenti, l’uso di repellenti naturali e le scelte botaniche per “mimetizzare” cucce e capannine. D’altra parte, gli animali selvatici, una miriade di piccoli abitanti del giardino da accogliere o da cui difendersi: piante mellifere, ad esempio, possono fornire ristoro alle api, i preziosi impollinatori in via d’estinzione. Foglie, rami e terriccio danno riparo agli insetti alleati del giardiniere, così come una mangiatoia, un nido per gli uccellini, una casetta per i pipistrelli, mentre qualche “varco” può consentire l’ingresso di ricci, rospi e ranocchi. Per proteggersi, invece, da lepidotteri, lumache e cinghiali il giardiniere deve agire con astuzia, imparando a utilizzare rimedi efficaci e sostenibili, dai nematodi alle barriere di siepi spinosissime. Anche le passeggiate botaniche tra gli espositori in mostra, a cura di Davide Pacifico, verteranno sul tema Animali utili ai giardini, giardini utili agli animali.

Infine, prestigiosi premi verranno assegnati da piccole commissioni qualificate: la migliore novità botanica sarà eletta dall’autorevolissima Società Botanica Italiana, mentre una giuria di giornalisti del settore sceglierà il contributo più significativo alla diffusione della cultura giardiniera. Il premio per l’attenzione ecologica e la sostenibilità ambientalesarà attribuito dal FAI, quello per la proposta più rara, per la collezione più significativa e per il giovane vivaista più meritevole da due commissioni scientifiche. All’espositore che meglio rappresenta la giardineria di qualità, in termini di storicità, capacità di innovazione, raffinatezza e sobrietà, una giuria composta dal Consiglio Scientifico dell’Accademia Piemontese del Giardino assegnerà invece il premio Marella Agnelli, mentre i visitatori avranno l’onore di eleggere lo stand più bello.

Per gli iscritti FAI (possibilità di iscriversi in loco) e i soci dell’Accademia Piemontese del Giardino

venerdì 18 ottobre, dalle ore 10 alle 14, APERTURA con ingresso GRATUITO alla manifestazione

Con il Patrocinio di Regione Piemonte, Città metropolitana di Torino, Comune di Caravino e Comune di Ivrea.

Il calendario “Eventi nei Beni del FAI 2019” è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI; al fondamentale contributo di FinecoBank, già Corporate Golden Donor, che ha scelto di essere a fianco del FAI anche in questa occasione e di PIRELLI che conferma per il settimo anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione. Grazie a Sojasun, importante brand di prodotti vegetali, nuovo sponsor della manifestazione che in questa edizione distribuirà una selezione delle sue alternative vegetali allo yogurt. Grazie a Golia Herbs, sponsor degli eventi verdi in calendario. Per il secondo anno si conferma la prestigiosa presenza di Radio Monte Carlo in qualità di Media Partner.

fai-giardino
Photo Courtesy: Dario Fusaro

Giorni e orari:

Venerdì 18, sabato 19 e domenica 20 ottobre 2019, dalle ore 10 alle 18. Ultimo ingresso ore 17

Biglietti:

Manifestazione: Intero € 11; iscritti FAI € 5; ridotto (6-18 anni) € 5; minori di 5 anni e residenti gratuito.

Eccezionalmente venerdì 18 ottobre dalle ore 10 alle 14 agli iscritti FAI (possibilità di iscriversi in loco) e ai soci dell’Accademia Piemontese del Giardino è riservata l’apertura con ingresso gratuito.

Sabato 19 ingresso gratuito tramite accreditamento online per i giardinieri e per gli studenti di: Architettura del Paesaggio; Agraria; Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura; Scienze forestali e ambientali

Corso intensivo di giardinaggio a cura di Luca Riccati: Intero € 25; iscritti FAI € 15

Manifestazione e castello:

Intero € 16; iscritti FAI 5, ridotto (6-18 anni) € 7; minori di 5 anni e residenti gratuito.

Visita al castello e alla Manica di Ponente:

Intero € 5; ridotto (6-18 anni) € 2; iscritti FAI e soci Accademia gratuito.

Parcheggi:

Nelle vicinanze della mostra (oltre 3000 posti) € 1; all’interno della manifestazione (400 posti) € 5

Aree di ristoro:

Area attrezzata per ristorazione, adiacente alla mostra, con piatti caldi, menu tipici della tradizione canavesana

Area Caffè FAI in manifestazione

Caffè Masino sulle terrazze panoramiche del castello

– “Ristorante del Castello” presso il Salone Marchesa Vittoria, con menu stagionale (prenotazioni 335 5204114)

Per informazioni sugli espositori e sul corso di giardinaggio e per l’elenco degli incontri, delle passeggiate botaniche, dei workshop e delle lezioni: http://www.tregiorniperilgiardino.it

tre-giorni-giardino
Photo Courtesy: Dario Fusaro

IberFlora 2019

FIERA INTERNAZIONALE DI FIORI E PIANTE, PAESAGGIO,  TECNOLOGIA E GIARDINAGGIO. Valencia, 1-3 Ottobre 2019

Quasi 350 espositori hanno confermato la loro partecipazione a Iberflora 2019, che si svolgerà dal 1 al 3 ottobre alla Feria Valencia. I visitatori provenienti da diciotto paesi avranno modo di scoprire gli oltre 35.000 metri quadrati di Iberflora 2019, distribuita su tre padiglioni.

Meno di un mese prima della sua apertura, Iberflora, Fiera internazionale delle piante e dei fiori, Paesaggistica, Tecnologia e Bricojardín, presenta dati che prevedono un’edizione promettente del 2019. Iberflora ha già il 47,95% in più di espositori rispetto allo stesso periodo nel 2018, con il 23,82% in più di aree espositive che si traducono in oltre 35.000 metri quadrati. Tre padiglioni che saranno completati da una sala in cui si terranno le fiere ambientali Ecofira ed Efiaqua, con le quali Iberflora celebra quest’anno una chiamata congiunta dal 1 al 3 ottobre a Feria Valencia.

Questa 48a edizione evidenzia anche il successo del panorama degli ospiti, sia a livello nazionale che internazionale. Si prevedono inoltre visitatori da 18 paesi diversi, tra cui Paesi Bassi, Francia, Germania, Giappone, Portogallo, Marocco o Italia. Con queste cifre, Iberflora si colloca anche quest’anno tra le fiere più  importanti del settore, in un evento da non perdere per tutti i professionisti, che possono visitare 346 espositori e scoprire le ultime tendenze delle infrastrutture verdi urbane pubbliche e private, gli sviluppi degli impianti, della tecnologia verde, dei macchinari e della logistica. Inoltre, il pubblico potrà scoprire tutte le novità del settore BIO e partecipare alle diverse conferenze tecniche previste, le dimostrazioni e seminari che si terranno a Iberflora per tre giorni di durata della fiera.

iberflora

Come and Grow

L’intero mondo del gardening: questo e altro attende gli operatori internazionali di tutto il mondo dal 1 al 3 settembre 2019 a Colonia alla spoga+gafa.

Circa 2.100 aziende da 60 paesi presenteranno tutto quello che ha attualmente da offrire il mondo del verde su una superficie di 230.000 metri quadrati. Quasi il 98% della superficie prevista è già occupata (dati aggiornati a maggio). La spoga+gafa è la più grande fiera di gardening al mondo, senza pari per internazionalità (si prevede l’85% di espositori internazionali), offerta espositiva e specificità tematica. La spoga+gafa propone innovazioni, ispirazioni e impulsi non solo grazie alla varietà e specificità dell’offerta, ma anche alle numerose isole tematiche e aree speciali in continua evoluzione.

Presentare i trend del mondo del verde in piccoli spazi e con una forte carica ispirazionale. Le POS Green Solution Islands mostreranno per il terzo anno come farlo e affronteranno anche il tema trend in vetta alla classifica: al City Gardening sarà dedicata una POS Green Solution Island specifica. Con esempi pratici per le grandi superfici e la rivendita specializzata volti a incrementare domanda e fatturato offriranno un reale valore aggiunto per la comunicazione verso i clienti finali. Oltre al tema chiave City Gardening, le POS Green Solution Islands di quest’anno saranno dedicate a ‘Wellness in Nature’, ‘Kids Garden’, ‘Flower Power’ e ‘Living with plants – My Tiny Coffee Shop’.

spogafa_colonia-1

Smart Gardening e attrezzi a batteria

Le isole tematiche lanciate con successo alla ultima spota+gafa saranno replicate nel 2019 con qualche novità: nel padiglione 6 saranno riproposte IVG Power Place Akku e Power Place Smart Gardening. Qui saranno esposte tecnologie innovative e soluzioni smart per illuminazione da esterni, cura del prato e irrigazione. Dopo la fortunata prima edizione dello scorso anno inoltre le aziende dei segmenti terre, torba, concimi, substrati, piante e protezione delle piante si proporranno al pubblico nel passaggio 4/5 sotto l’egida di IVG Power Places Green.

Sonderfläche IVG Power Place Akku 2018, Halle 6

Ticket Shop

Ottieni il tuo biglietto ora e risparmia il 40% in anticipo sulle vendite

Firenze Flower Show

Firenze Flower Show – 25/26 maggio 2019, Giardino Corsini


Due giorni immersi nel verde con la possibilità di iscriversi gratuitamente a tantissimi corsi e incontri tematici

Una grande novità per l’edizione 2019 del circuito Flower Show: ad aggiungersi alle fiere del circuito sarà la città di Firenze con la prima edizione di Firenze Flower Show. L’appuntamento florovivaistico, arriva per la prima volta nel capoluogo toscano dopo le cinque edizioni ad Arezzo, dove ha riscosso molto successo e raccolto molti consensi.

A fare da cornice alla manifestazione sarà una delle più belle location del centro storico fiorentino: il Giardino Corsini ospiterà la prima edizione, inaugurando nel migliore dei modi l’arrivo del Flower Show a Firenze!

La bellezza di questa location sarà condita anche dalla presenza di circa 50 espositori, provenienti da tutta Italia e tra i migliori collezionisti di piante rare e inconsuete ma non solo. Il parco espositori vedrà anche la presenza del miglior artigianato.

La prima edizione di questa manifestazione porterà a Firenze molteplici varietà di delizie botaniche, dalle migliori collezioni di Pelargoni alle Tillandsie, dai Frutti Antichi alle Bouganvillea, Carnivore, Grasse, Perenni, Rose, Ulivi, Agrumi, Aromatiche e molto altro per offrire anche in questa edizione il meglio nel settore. Il pubblico sarà coinvolto anche in un percorso che sempre si intreccia con quello botanico: molti gli espositori che porteranno primizie culinarie e artigianali: dalla birra al miele e i suoi derivati, tutte le declinazioni della visciola, le spezie ma anche i cesti intrecciati, i prodotti per la cura della persona e degli animali, i kokedama, l’abbigliamento artigianale realizzato con tinture naturali.

Come ogni edizione, all’interno della fiera ci sarà un angolo enogastronomico, dove sarà possibile sostare e gustare delle autentiche chicche culinarie.

firenze-flowers01
Photo Courtesy: Carolina Scopetta

Firenze Flower Show sarà arricchita da tantissimi attività collaterali gratuite: gli esperti del settore metteranno al centro il giardinaggio di qualità e di conseguenza tutte le loro conoscenze in campo florovivaistico per insegnare ai partecipanti le basi e i trucchi del mestiere per sviluppare il famoso pollice verde. Tanti i corsi anche per i più piccini, dove sarà dedicato un programma del tutto speciale: dalle piccole curiosità sul verde e il mondo vegetale ai laboratori per l’intreccio dei cesti, un programma ricco e per tutti i gusti.

Ogni attività collaterale che si svolge all’interno della mostra mercato è gratuita ed aperta a tutti, previa iscrizione online al sito www.firenzeflowershow.com.

Divertimento e cultura del verde sono le parole d’ordine per l’edizione 2019 di Firenze Flower Show, il cui scopo sarà l’intrattenimento dei visitatori attraverso un’offerta vastissima di rarità botaniche e di appuntamenti con esperti del settore.

Un’edizione da non perdere insomma per ammirare rare meraviglie e approfondire le proprie conoscenze sul giardinaggio, ma anche semplicemente per vivere due giornate “total green” in pieno relax in una delle location storiche più affascinanti della città di Firenze. L’ingresso alla fiera avverrà da via della Scala, 115.

firenze-flowers02
Photo Courtesy: Carolina Scopetta

Giardini d’agrumi

L’associazione di promozione sociale Terre&Sapori d’alto Garda organizza anche questo anno, con la collaborazione del Comune di Gargnano, della Parrocchia di San Martino di Gargnano e della Regione Lombardia, la quinta edizione di Giardini d’Agrumi dal 26 al 28 aprile 2019, manifestazione dedicata alla promozione e valorizzazione delle straordinarie limonaie alto gardesane e degli agrumi che in esse ancora vengono coltivati, a scopo produttivo o decorativo.

Come è noto la redditizia coltivazione degli agrumi lungo la Riviera dell’alto Garda bresciano, documentata fin dal XV secolo, era altamente caratterizzante il paesaggio, dato che per difendere le piante dai rigori invernali si costruirono monumentali serre in muratura, le limonaie. Terre & Sapori d’Alto Garda vuole far conoscere e promuovere questa antica tradizione colturale che prosegue ancor oggi, grazie al grande lavoro di alcuni appassionati e che ci si augura possa aumentare, perché gli agrumi tornino ad essere i veri protagonisti del paesaggio alto gardesano e le limonaie siano sempre più valorizzate in quanto patrimonio unico al mondo.

La manifestazione, organizzata per la prima volta nell’aprile 2015, ha riscosso nelle edizioni passate un crescente interesse e un sempre maggiore successo di pubblico, risultando molto apprezzata sia da turisti di passaggio che dai tanti gargnanesi che negli anni scorsi l’hanno visitata.

Dal 26 al 28 aprile presso il Chiostro di San Francesco, sarà allestita una tavola pomologica delle varietà di agrumi coltivati nell’alto Garda, oltre ad una esposizione degli attrezzi un tempo utilizzati per l’agrumicoltura gardesana.
Il chiostro anche questo anno sarà arricchito da nuovi scenografici allestimenti floreali con agrumi realizzati dagli studenti della Scuola agraria di Fondazione Minoprio (CO), scuola di eccellenza della Regione Lombardia, coordinati dal noto flower designer Rodolfo Casati.

agrumi-01

Seguendo i percorsi storici delle vie Crocefisso e San Giacomo e nel nucleo di Villa, arrivando fino a Bogliaco e salendo fino alle località Quarcina e Tesolo, i visitatori potranno accedere ai luoghi dove venivano e vengono tutt’oggi coltivati gli agrumi, talvolta ancora secondo le tecniche storiche, grazie ad una ventina di proprietari che renderanno visitabili i propri siti. Il percorso si arricchisce questo anno di due nuovi luoghi da visitare:
lo straordinario Giardino Bettoni-Cazzago e la limonaia Quarcina.
Nel percorso di visita sarà anche coinvolta la limonaia ecomuseo del Prato della Fame a Tignale, eccezionalmente ad ingresso gratuito.

Si conferma – visto il notevole successo del 2018 – Giardini d’Agrumi in barca per godere del paesaggio delle limonaie da lago con partenza dal porto di Gargnano (a pagamento, informazioni dettagliate in loco).

Oltre ai volontari, anche questo anno una trentina di studenti del liceo Fermi di Salò accoglieranno e guideranno i visitatori durante la manifestazione.

Nell’ex Palazzo Municipale di Gargnano sarà allestita: Agrumi e limonaie dell’alto Garda, mostra collettiva di fotografi gardesani.

Giardini d’Agrumi sarà anche corredata da laboratori didattici, momenti musicali e culturali, visite guidate, e da un mercato dedicato agli agrumi e ai prodotti gastronomici e artigianali locali.

Ristoranti e bar locali proporranno menu a tema e gli alberghi offriranno pacchetti turistici per i visitatori.

Tra gli eventi particolari di quest’anno si evidenziano: venerdì 26 aprile dalle ore 16 alle ore 18 all’ex Palazzo Municipale di Gargnano: Agrumi creativi, dimostrazione di composizioni floreali e con agrumi a cura del flower designer Rodolfo Casati e degli studenti della Scuola di Minoprio.

agrumi-02

Sabato 27 aprile dalle ore 17.00 alle ore 19,00 all’ex Palazzo Municipale di Gargnano l’Associazione Italiana Architetti Paesaggisti (AIAPP TER) organizza un workshop dedicato ai paesaggi terrazzati, coinvolgendo studiosi ed esperti del settore.
Giardini d’Agrumi 2019 infatti è parte dell’iniziativa Giardini e paesaggi aperti, organizzata a livello nazionale da AIAPP per il mese di aprile sul tema MEDITERRANEA.

Sempre sabato 27 aprile alle ore 21 al Chiostro di San Francesco: lettura recitata della nota attrice Francesca Garioni di un racconto di Carlo Simoni dedicato alle limonaie con accompagnamento musicale del gruppo Prosdocimus.

Domenica 28 aprile dalle 10 alle 13 il famoso maestro Madonnaro Andrea Mariano Bottoli (vincitore del 42° concorso nazionale dei Madonnari a Curtatone – MN nel 2014) creerà nella piazza del porto a Gargnano una sua opera con soggetto ideato per la circostanza, riferito agli agrumi.

Domenica 28 aprile dalle 11 alle 18 all’ex Palazzo Municipale di Gargnano: show cooking a cura de “La Brigata di Goa” dedicato agli agrumi e ai prodotti tradizionali alto gardesani, con il convolgimento di cuochi professionisti.

Giardini d’Agrumi 2019 si arricchisce inoltre con Limonaie Spring, una esclusiva installazione di CRACKING ART© che vuole simboleggiare una nuova primavera per le limonaie gardesane (al porto di Gargnano dal 25 aprile al 1 maggio).

Tutti gli eventi in programma sono a ingresso libero e si potranno realizzare grazie al contributo di diversi enti e associazioni; grazie alla generosa disponibilità dei proprietari delle limonaie e all’aiuto dei tanti volontari e di tutti quelli che collaboreranno all’iniziativa.

agrumi03

Tre giorni per conoscere il Verde

Appuntamento 6, 7 e 8 aprile 2019 al Brixia Forum di Brescia con la fiera dedicata a giardinaggio dentro e fuori casa. Durante i tre giorni convegni e incontri con i maggiori esperti del settore.

Dal 6 all’8 aprile il Brixia Forum di Brescia si prepara ad ospitare Cosmogarden, la nuova fiera di giardinaggio dentro e fuori casa, con più di 200 espositori provenienti da tutta Italia. Tre giorni interamente dedicati al verde, con oltre 15.000 metri quadrati di esposizione e oltre 75 eventi tra corsi e laboratori, per un evento pensato per appassionati e professionisti addetti ai lavori.

Per tutta la durata di Cosmogarden saranno in programma seminari, workshop e incontri tecnici tenuti dai maggiori esperti del settore, durante i quali si parlerà di riqualificazione ambientale di siti industriali, del rapporto tra società e ambiente e di Green City, i servizi ecosistemici del verde in ambiente urbano.

Cosmogarden ha un concept totalmente innovativo e nasce per presentare i trend del momento nel settore del giardinaggio, radunando i maggiori esperti del settore e i produttori più importanti.

In fiera potrà acquistare piante e fiori di ogni genere, confrontarsi con i migliori costruttori di giardini e terrazze, conoscere nuove sementi per l’orto, scoprire attrezzature e tecniche per migliorare e semplificare il proprio lavoro all’aperto o trovare i migliori arredi da giardino sia per abitazioni che per locali, non tralasciando una sezione importante dedicata all’interior garden, entrando direttamente in contatto con le più importanti aziende produttrici.

La numerosa serie di eventi che si svolgeranno a Cosmogarden sono consultabili sul sito www.cosmogarden.it, e alcuni permetteranno di ottenere agli Agronomi e agli Architetti che parteciperanno crediti formativi.

Festival del verde e del paesaggio

BREATHE – RESPIRO è il tema della IX edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, la green expo più famosa in Italia in calendario dal 10 al 12 Maggio 2019  nell’affascinante cornice del Giardino Pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, ideata e organizzata da Altri Paesaggi in collaborazione con l’Auditorium Parco della Musica .

Respirare, l’azione meccanica e inconsapevole cui affidiamo la sopravvivenza, è il filo conduttore, e gli alberi e le piante per  il loro ruolo fondamentale nella vita dell’uomo sono il tema principale attorno al quale ruota tutto il festival: attraverso i suoi concorsi, giardini temporanei, piante, design, architettura, conferenze e workshop si intende esplorare la relazione tra  Uomo, Natura e Città, il trinomio lungo il quale si declinerà il futuro della vita umana.

Gli aggregati urbani, infatti, sono destinati a crescere a dismisura, aumentando di conseguenza le emissioni di gas inquinanti e il riscaldamento climatico nel cosiddetto clima urbano, caratterizzato da alte temperature sia diurne che notturne.

Sfida cruciale sarà, quindi, la realizzazione di aree verdi urbane sempre più vaste e folte, vere e proprie “foreste urbane”, in grado di ridurre la temperatura dell’aria, regolare i flussi dell’acqua, purificare l’aria dai gas tossici e mitigare il cambiamento climatico.

La foresta urbana diventa così fonte d’ispirazione, modello e strumento per designer e architetti che sempre di più incorporano, negli interni e negli esterni degli edifici, quantità importanti di vegetazione, non più a scopo meramente decorativo,  ma dando loro il ruolo di sistema vivente che respira.

il visitatore è accompagnato lungo un percorso libero da schemi e convenzioni sul bisogno di una cultura del Verde nel dibattito contemporaneo, partecipe del dialogo tra architettura e natura, tra la città lasciata alle spalle e il Verde.

Attraverso il linguaggio dell’architettura del paesaggio, il Festival stimola a riflettere sulla necessità di un cambiamento radicale del nostro rapporto con il Verde, che coinvolga le comunità e chi le amministra, le scelte quotidiane e quelle a lungo termine. Osservare e ascoltare la Natura per comprendere come risolvere i problemi che mettono sempre più a dura prova il suo equilibrio.

 

Esempio concreto è  Airship.03 – Fontana d’aria”, l’installazione climatico-paesaggistica a cura di Austria Turismo e  firmata dal collettivo breathe.earth.collective, che dà il benvenuto agli ospiti del Festival. Un invito ad un vero “bagno nella foresta“, un’esortazione al rimboschimento delle città,  una delle tendenze virtuose che definiscono l’urbanistica del ventunesimo secolo.

respiro02

Il Festival sarà dunque un’imperdibile occasione per esaminare l’inclinazione umana a dialogare con la Natura e un invito a  considerare il Verde non come un lusso, ma come bisogno primario e strumento di progettazione essenziale per la nostra vita e quella delle generazioni future

Un’occasione rara, in grado di regalare al visitatore un’esperienza coinvolgente e divertente che al tempo stesso inviti a riflettere sul contributo che ognuno di noi è in grado di dare alla qualità dell’aria e alla temperatura del pianeta

 

respiro03

 

Roma, 10. 11. 12 maggio 2019

Giardino pensile Auditorium Parco della Musica

Orario 10.00 – 20.30

 

respiro01

Soffio di primavera

Saràdedicata agli elleboril’ottava edizione di Soffio di primavera, la mostra mercato che celebra i primi fiori della bella stagione organizzata sabato 2dalle ore 10 alle 19 e domenica 3 marzo 2019dalle ore 10 alle 18 aVilla Necchi Campiglio, Bene delFAI – Fondo Ambiente Italianonel cuore di Milano. Un’occasione unica per gli appassionati di giardinaggio che potranno acquistare e conoscere alcune specie botaniche di queste erbacee perenni e rustiche, note anche con il nome di “rose di Natale”, che possiedono unfascino unico dovuto alla loro fioritura precoce. I loro fiori di ineguagliabile e delicata bellezza– dipinti da Botticellisotto i piedi di Venere ne La Primavera– vanno dal bianco, al rosa, al giallo, al viola fino al verde e sbocciano in un periodo dell’anno in cui la maggior parte delle piante è a riposo.

E non solo: i visitatori potranno passeggiare nel giardino e nel padiglione vetrato della villa, curiosando tra piante a fioritura tardo invernale e primaverile precocee arredi proposti da ventivivaistiitaliani ed europei, selezionati con cura dal FAI in base alla specializzazione e alla qualità della loro produzione. In mostrapiante annuali, biennali e perenni da fiorecome primule, viole e ciclamini; piante aromaticheper insaporire le insalate di primavera; piante da orto freddo;pianterustiche da ingresso e da cortile. Non mancheranno poi camelie,mimose,gelsomini,magnoliee ciliegi da fioree ancora sementi e volumicon illustrazioni botaniche.

Soffio di Primavera-foto-Gabriele-Basilico
Photo Courtesy: Gabriele Basilico

Nei due giorni di manifestazione ci sarà anche spazio per interessanti incontri, lezioni di giardinaggio tenute dai vivaisti e presentazioni di libri, con un’attenzione particolare al tema dell’utilizzo di prodotti biocompatibili, e sarà possibile chiedere a esperti del settore preziosi consigli sulla progettazione di giardini e terrazzi dopo il “letargo” invernale e sulle modalità di messa a dimora delle piante più indicate.

Tra queste,sabato 2 marzoalleore 15conferenza sull’elleborotenuta da Susanna Tavallini del Vivaio La Montà – specializzato in ellebori ibridati – e Roberto Gamoletti, collezionista di ellebori botanici, e alle ore 16.30presentazione del volume“Mirabilia. La botanica nascosta nell’arte”(Ed. Codice) con l’autore Renato Brunie Susanna Magistretti.

Domenica 3 marzoalleore 12 l’Architetto Paolo Pejrone dialogherà con gli studenti della Scuola di Agraria Fondazione Minoprio (CO) e dell’Istituto Agrario G. Bonfantini di Lesa (NO) in occasione di unincontro moderato daEmanuela Rosa-Clot, Direttore del mensile Gardenia, in cui si parlerà di giardini storici e di paesaggio; alle ore 15.30si approfondirà il tema delle Colture e trattamenti bio nei giardini e terrazzi insieme all’agronomo bio Gianni Bignotti;e ancora alle ore 16.30workshop di composizioni floreali con ellebori tenuto daBetti Calani, esperta di addobbi floreali (su prenotazione, tel. 02.76340121)

I più piccoli potranno invece partecipare alla “Caccia al fiore”, speciali visite in villa alla scoperta dei motivi floreali presenti elaboratori creativi.

Inoltre,sabato 2dalle ore 18 alle 21 presso lacaffetteria della villasarà possibile assaggiare originali cocktail a tema florealee votare il migliore nell’ambito di un Concorso per giovani Barmenin collaborazione con A.I.B.E.S. – Associazione Italiana Barmen e Sostenitori.

Il calendario “Eventi nei Beni del FAI 2019” è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI; al fondamentale contributo di FinecoBank, già Corporate Golden Donor, che ha scelto di essere a fianco del FAI anche in questa occasione e di PIRELLIche conferma per il settimo anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione.

Per il secondo anno si conferma la prestigiosa presenza di Radio Monte Carloin qualità di Media Partner. Grazie a Golia Herbsper il rinnovato sostegno al FAI che nel 2019 sarà dedicato agli  eventi verdi.

Con il Patrocinio del Comune di Milano. Villa Necchi Campiglio è museo riconosciuto da Regione Lombardia.

Soffio di primaveraa Villa Necchi Campiglio

Giorni e orari: sabato 2,dalle ore 10 alle 19, e domenica 3 marzo 2019, dalle ore 10 alle 18.

Ingresso alla manifestazioneIntero 7 €; Ridotto (bambini 4-14 anni) e iscritti FAI 4€.

Ingresso alla manifestazione+visita alla villaIntero 15 €; Ridotto (bambini 4-14 anni) 5 e iscritti FAI: 4 .

Per informazioni e prenotazioni:

Villa Necchi Campiglio, Via Mozart 14 – Milano: tel. 02.76340121; fainecchi@fondoambiente.itwww.villanecchicampiglio.it

www.fondoambiente.it

SoffiodiPrimavera-Foto-Maurizio-Maniscalco
Photo Courtesy: Maurizio Maniscalco

AgruMI – VIII edizione

Un agrume non è solo succo, polpa, buccia. Un agrume è anche amore, tradizione, cultura.Tre caratteristiche che accomunano appassionati vivaisti, dediti da generazioni a collezionare esemplari da tutto il mondo, conservare e tramandare antiche varietà e coltivarne di nuove, con la stessa cura che un artista riserverebbe al suo capolavoro. Alcuni di questi coltivatori e le loro piante saranno al centro dell’ottava edizione di AgruMI, la grande fiera dedicata ai frutti simbolo del Mediterraneo e ai prodotti legati alla loro lavorazione, curata da Giuseppe Barbera, Professore di Colture Arboree dell’Università di Palermo, in programma sabato 16dalle ore 12 alle 19e domenica 17 febbraio 2019 dalle ore 10 alle 18 a Villa Necchi Campiglio. Il Bene del FAI – Fondo Ambiente Italiano nel centro di Milano ospiterà trenta espositori che presenteranno, oltre a numerose varietà di piante, anche marmellatemielimostarde, profumicosmetici e splendide ceramiche. I visitatori, passeggiando tra il giardino e il campo da tennis coperto della dimora, potranno conoscere e acquistare manufatti selezionati e rare prelibatezze.

Dai limoni di Amalfi alfinger lime, fino alle antiche varietà di agrumi del Giardino della Kolymbethra, Bene del FAI nella Valle dei Templi di Agrigento, gli ospiti potranno viaggiare con l’immaginazione dalla Sicilia alla Liguria, dalla Sardegna al Lago di Garda, con le sue tipiche “limonaie”, accompagnati dai tesori della tradizione agricola italiana e dai loro profumi. Arricchiranno la fiera le collezioni di due vivai di Pescia (PT), entrambi a gestione familiare e tramandati di generazione in generazione: il vivaio Oscar Tintori, nato negli anni Sessanta dalla passione del fondatore Oscar di fare margotte dalla pianta di limone toscano che ricopriva il podere di famiglia, e Agrumi Lenzi, che dal 1985 produce piante in vaso e ha raggiunto oltre 300 varietà coltivate. Ancora, parteciperanno Piante Faro, avviato 45 anni fa all’ombra dell’Etna, e Davide Chiaravalliche, in 18 anni di attività, ha dato vita a una collezione con 140 varietà, tra cui il Citrus limonimedica florentina, il limone cedrato fiorentino, riconosciuto già dai naturalisti del Seicento come il “limone più odoroso e soave”.

agrumi

E ancora, durante i due giorni si svolgeranno degustazioni guidate di spremute e presentazioni di ricette a base di agrumi proposte dall’Associazione Gusto di Campagna di Catania, laboratori di canditura di agrumi a cura dell’antica Confetteria Pietro Romanengo di Genova, speciali percorsi didattici “Dal seme al frutto”tenuti dall’Azienda OPAC Campisi di Siracusa e percorsi sensoriali a cura della consulente d’arredo olfattivo Francesca Giuffrida, oltre a divertenti laboratori creativi per bambini.

Saranno organizzati anche interessanti incontrisabato 16alleore 16.30 Giuseppe Barberapresenterà il suo libro Tuttifrutti: viaggio tra gli alberi da frutto mediterranei, tra scienza e letteratura (ed. Aboca); domenica 17alle ore 12 è in programma una tavola rotonda su “Le buone pratiche della tenuta di un agrumeto” –moderata da Giuseppe Barbera a cui presenzieranno alcuni dei piùvirtuosi vivaisti, coltivatori e agronomi italiani; alle ore 15incontro con Vicente Todolì, Direttore Artistico della Fondazione Pirelli Hangar Bicocca e “padre” della Todolì Citrus Foundationdi Palmera, il più grande vivaio di agrumi di Spagna. Il curatore descriverà il progetto, nato dall’idea che gli agrumi sono come opere d’arte, che si è concretizzato in una collezione di 400mila piante tra cui molte varietà di incroci come il limquat(lime e kumquat, il mandarino cinese) e il ku-cle(kumquat e clementino). Infine alle ore 16.30 conferenza su “Il Giardino Donnafugata di Pantelleria”con Salvatore Gabriele, Presidente del Parco Nazionale “Isola di Pantelleria”, e Josè Rallo, proprietaria dell’Azienda Vinicola Donnafugata. Modererà Giuseppe Barbera.

Inoltre, sabato 16dalle ore 18 alle 21 presso la caffetteria della villa sarà possibile assaggiare originali cocktail a base di agrumi e votare il migliore nell’ambito di un Concorso per giovani Barmen in collaborazione con AIBES – Associazione Italiana Barmen e Sostenitori.

AgruMI è realizzato in collaborazione con Gusto di Campagna.

Il calendario “Eventi nei Beni del FAI 2019” è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI e al prezioso contributo di PIRELLI che conferma per il settimo anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione; Golia Herbs sponsor degli eventi verdi in calendario.

Per il secondo anno si conferma la prestigiosa presenza di Radio Monte Carloin qualità di Media Partner. 

Con il Patrocinio del Comune di Milano.Villa Necchi Campiglio è museo riconosciuto da Regione Lombardia.

* * * * *

Giorni e orari: sabato 16, dalle ore 12 alle 19, e domenica 17 febbraio 2019, dalle ore 10 alle 18.

Ingresso alla manifestazione AgruMIIntero 7 €; Ridotto (bambini 4-14 anni) e iscritti FAI 4€.

Ingresso alla manifestazione AgruMI + visita alla villaIntero 15 €; Ridotto (bambini 4-14 anni) 5€ e iscritti FAI: 4.

Speciale promozione online sul sito http://www.faiagrumi.it: fino al 15 febbraio sarà possibile acquistare a un prezzo agevolato il biglietto combinato per l’ingresso alle manifestazioni AgruMI e Soffio di primavera (in programma a Villa Necchi il 2 e 3 marzo).

Per informazioni: Villa Necchi Campiglio, via Mozart 14, Milano

Tel. 02.76340121; fainecchi@fondoambiente.itwww.faiagrumi.it

villa-necchi-campiglio-agrumi