Due giorni per l’autunno

Mostra e mercato di fiori e piante insoliti, attrezzi e arredi per giardino

Castello e Parco di Masino – Caravino (TO) – venerdì 19 (ore 14-18), sabato 20 e domenica 21 ottobre 2018 (ore 10-18)

Nuovi esemplari di dalia gigante,particolari tipologie di melo, dal nano pom’zaia quello resistente alla malattia della ticchiolatura, fino a ineditecultivardi aceroe alle patate provenienti dalle colonie Walser, a nord del Monte Rosa. Sono alcuni dei protagonisti della quattordicesima edizione della Due giorni per l’autunno,da venerdì 19 a domenica 21 ottobre 2018al Castello e Parco di Masino a Caravino (TO), la mostra e mercato di fiori e piante insoliti, attrezzi e arredi per giardinoorganizzata dal FAI – Fondo Ambiente Italianocon la regia dell’Architetto Paolo Pejrone, fondatore e Presidente dell’Accademia Piemontese del Giardino.

Anche quest’anno la manifestazione,tra i più amati appuntamenti di florovivaismo autunnali, sarà caratterizzata dall’apertura speciale nel pomeriggio di venerdì, per permettere ancora di più al pubblico di appassionati e non solo di immergersi nei colori dell’autunno e fare acquisti tra le proposte di 150 vivaisti italiani ed europei, selezionati sulla base di criteri di eccellenza, innovazione e sostenibilità ambientale. Un’occasione unica per progettareil “giardino che verràscegliendo tra le collezioni di punta presentate dagli espositori e per raccogliere spunti e consigli sulla cura del verdegrazie a speciali incontri tematici.

Oltre alle novità botaniche, si potranno ammirare e acquistare innovative attrezzature per l’orto e il frutteto, come i vasi in ceramica smaltata fatti a mano e resistenti al gelo e quelli in terracotta per l’infusione di erbe spontanee con funzione antiparassitaria. E ancora, alberi e arbusti a colorazione autunnale;piante aromatiche e officinali,da frutta e da orto;piantecon bacche ornamentali ea fioritura invernale;bulbi,tuberi e rizomi a fioritura primaverile;frutti antichiezucche ornamentali;sementi rare. E infine, gli ospiti troveranno editoria specializzatae quadri con fiori pressati.

Nel corso della manifestazione verranno organizzate interessanti conferenze e presentazioni di libri sul tema dei giardini e della cura del verde, laboratori per bambini, passeggiate botanichetra rose, orchidee e piante succulente e lezioni di giardinaggio tenute da vivaistiincentrate sulla coltivazione di diverse specie (a seguire programma completo).

Sarà inoltre possibile assaggiarespecialità gastronomiche del territorioe varieprelibatezzee comprare prodotti dell’orto e del frutteto d’autunno, la maggior parte dei quali “presidi Slow Food” perchérispondono a specifici criteri di stagionalità, tipicità territoriale e filiera corta.

Con il Patrocinio di Regione Piemonte,Città metropolitana di Torino,Comune di Caravino e Città d’Ivrea.

Il calendario “Eventi nei beni del FAI 2018”, è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, e al prezioso contributo di PIRELLIche conferma per il sesto anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione. Si aggiunge quest’anno la prestigiosa presenza diRadio Monte Carloin qualità di Media Partner.

Orario:

Venerdì 19 dalle ore 14 alle 18,sabato 20 e domenica 21 ottobredalle ore10 alle 18 (ultimo ingresso ore 17)

Per gli Iscritti FAI (possibilità di iscriversi in loco) e i Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino venerdì 19

ottobre, dalle ore 11 alle 14, APERTURA IN ANTEPRIMA con ingresso gratuito alla manifestazione.

Gli eventi in programma:

Venerdì 19 ottobre 2018

*ore 14: Scambio dei semi a cura di Nadia Nicoletti e Clark Lawrence (Tendone Incontri)

*ore 14.15: Premiazione (Tendone Incontri)

*ore 14.45: Inizio del ciclo di lezioni Tardo autunno, inverno e albori della primavera: il giardino può essere bello quando meno ce lo si aspetta… con lalezioneRose attraenti anche se non in fiore: le bacche più belle,a cura del vivaio Anna Peyron (Tendone Incontri)

*ore 15.15: Presentazione de Il libro delle Ortensie e delle Idrangee,a cura di Eva Boasso, con Eva Boasso e Paolo Pejrone (Tendone Incontri)

*ore 15.30: Passeggiata botanica per orchidee, a cura di Davide Pacifico (partenza dal Tendone Incontri)

*ore 16: Lezione La lunga staffetta delle bulbose: proposte di fioriture scalari e durature, a cura del vivaio Raziel (Tendone Incontri)

*ore 16.30: Presentazione del libro di Daniele Zovi, Alberi sapienti, antiche foreste. Incontro con l’autore e passeggiata alla scoperta dei grandi alberi del parco (Tendone Incontri)

Sabato 20 ottobre

*ore 10.30: Lezione Un giardino possibile: l’autunno è il momento per piantare senza irrigazione,a cura del vivaio Giardino della Moscatella

*ore 11: Passeggiata botanica per bulbi, a cura di Davide Pacifico (partenza dal Tendone Incontri).

*ore 11.30: Presentazione del libro Ho un giardinodi Anna Porrati. Partecipano, con l’autrice, Maria Laura Beretta e Clark Lawrence (Tendone Incontri)

*ore 12: Lezione Inaspettate fioriture invernali: daphne, calicanti, sarcococche ed altre… a cura del vivaio Floricoltura Fessia (Tendone Incontri)

*ore 12.30: Lezione L’inverno nel mio vivaio: erbacee perenni e graminacee ornamentali ancor più belle quando sono secche, a cura del vivaio Millefoglie (Tendone Incontri)

*ore 12.30: Lezione Idrangee: potature invernali, a cura del vivaio Borgioli Taddei (Tendone Incontri)

*ore 14: Lezione Il frutteto attraente anche nei mesi più freddi: nespoli, sorbi, melograni mandorli ed altroa cura dei vivai Belfiore (Tendone Incontri)

*ore 14.30: Lezione La riscoperta delle piante da bacca nel giardino invernale, a cura del vivaio Feletig (Tendone Incontri)

*ore 15: Lezione Per un giardino di soli ellebori,a cura del vivaio La Montà (Tendone Incontri)

*ore 15.30: Lezione Cornus, stachyurus, edgeworthia e hamamelis: per colorare i mesi più grigi,a cura del vivaio Fiorella Gilli (Tendone Incontri)

*ore 16: Passeggiata botanica per rose, a cura di Nadia Nicoletti (partenza dal Tendone Incontri)

*ore 16: Presentazione del libro Se l’Italia è il mio giardinodi Giancarlo Marconi. Partecipano, con l’autore, Guido Giubbini e Daniele Mongera (Tendone Incontri)

*ore 16.30: LezioneLa lunga staffetta delle bulbose: proposte di fioriture scalari e durature,a cura del vivaio Floriana Bulbose (Tendone Incontri)

Domenica 21 ottobre

*ore 10.30: Lezione Le camelie a fioritura invernale e proposte di rododendri tropicali,a cura del vivaio Rhododendron (Tendone Incontri)

*ore 11: Passeggiata botanica per rose, a cura di Nadia Nicoletti (partenza dal Tendone Incontri)

*ore 11.30: Lezione Le erbe sempreverdi: bambù, ciperacee e graminacee per il giardino invernale,a cura del vivaio Central Park (Tendone Incontri)

*ore 12: Lezione Per un bell’orto invernale, a cura del vivaio Fratelli Gramaglia (Tendone Incontri)

*ore 14: Lezione Produrre ed utilizzare il cippato di ramaglie fresche in giardino,a cura di Ramaglie (Tendone Incontri)

*ore 14.30: Lezione Ultime e prime erbacee perenni a fiorire durante l’anno,a cura del vivaio L’erbaio della Gorra (Tendone Incontri)

*ore 15: Lezione Le edere sono tantissime: impariamo a conoscerle, a cura del vivaio Giani (Tendone Incontri)

*ore 15.30: Lavorazione al tornio, dimostrazione a cura di Vasco Venturi

Sabato e domenica, per tutta la giornata, saranno attivi i laboratori per bambinia cura dell’esperta di didattica orticola Nadia Nicoletti.

Ingresso:

Intero:€ 11; Ridotto (bambini 4-14 anni): 5; Iscritti FAI e Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino: € 5; Residenti a Caravino e Cossano Canavese: gratuito.

Parcheggi:

Disponibilità di ampi parcheggi nelle vicinanze della mostra (oltre 3000 posti auto). Parcheggio interno manifestazione€ 5 (400 posti auto)

Aree di ristoro:

Area attrezzata per ristorazione, adiacente alla mostra, con piatti caldi, menu tipici della tradizione canavesana.

Ampia Area Bar FAI in manifestazione

Caffè Masino sulle terrazze panoramiche del Castello

– “Ristorante del Castello” presso il Salone Marchesa Vittoria, con menu stagionale (prenotazioni 335.5204114).

Per informazioni: FAI – Castello di Masinotel. 0125.778100; faimasino@fondoambiente.it

www.castellodimasino.it;www.fondoambiente.it

Annunci

GaLaBau 2018 – Norimberga 12/15 settembre

gardening. landscaping. greendesign.

Torna l’appuntamento, dal 12 al 15 settembre 2018, per il settore europeo del verde che si incontra nuovamente a Norimberga al salone specializzato GaLaBau. Avrà luogo la 23a edizione di questo evento leader per la paesaggistica, la manutenzione e costruzione di spazi urbani e verdi e campi sportivi, campi da golf e campi da gioco, e per la prima volta la manifestazione si svolgerà su ben 14 padiglioni, uno in più rispetto all’ultima edizione a seguito dell’enorme domanda, specialmente dal segmento delle macchine per la manutenzione.

Particolarmente positivo in questo contesto è lo sviluppo internazionale, che segna un aumento di superficie proprio da parte degli espositori stranieri.

Gli organizzatori prevedono la presenza di circa 1.400 aziende nazionali ed estere e di approssimativamente 70.000 operatori in visita.
Obiettivo degli organizzatori è promuovere ulteriormente l’internazionalizzazione, dal lato espositori e da quello del pubblico, nonché confermare e potenziare la reputazione della GaLaBau come salone leader in Europa per il settore del verde.
Già da diversi anni la manifestazione rappresenta il polo d’incontro più importante, nell’area di lingua tedesca, per il comparto verde.

Per maggiori informazioni visitate il sito (in inglese e tedesco) di GaLaBau.

galabau01A

 

100 sfumature di viole

Viola, lilla, porpora… e poi giallo-viola, viola occhio bianco, blu lavanda, terracotta cangiante, ma anche miele, pesca melba, giallo oro, arancio violetto, rosa fragola, sole di mezzanotte, denim…

Sono solo alcuni dei colori della Viola, uno dei fiori più amati e apprezzati per la sua bellezza, la sua delicata profumazione e la facilità di coltivazione.

Le “100 sfumature di Viole” torneranno in mostra dal 22 settembre al 21 ottobre: un’occasione unica per ammirare più di cento varietà di viole di ogni colore, differenti e originali, tutte fiorite contemporaneamente.

Giunta alla seconda edizione, la mostra itinerantesi terrà in diversi Centri di Giardinaggio del nord e centro Italia.

Viole, violette, miniviole e viole del pensierofioriscono in primavera, nei colori più svariati, ma è trapiantandole in autunno che si ottengono le migliori fioriture. Grazie a loro è possibile avere balconi rigogliosamente fioriti anche in inverno.

La mostra ha quindi un duplice obiettivo, divulgativo e culturale: raccontare le possibilità che la viola offre anche in autunno e far scoprire tante curiosità su questo fiore apparentemente semplice, oltre alle informazioni sulla sua coltivazione.

Importante novità di questa edizioneè la presenza della “Viola odorosa”, una specie recuperata dal passato e dalla tradizione popolare. Da molti conosciuta come Violetta di Parma, è una specie dai cui fiori si ottengono le essenze fondamentali per creare profumi a base di violetta.

Si tratta di una pianta perenne, che fiorisce in primavera. In mostra se ne troveranno di diversi colori, dal bianco al porpora passando per diversi gradi di blu e rosa.

Oltre alla Viola odorosa, saranno quattro le principali famiglie in esposizione:

– Miniviole ricadenti, straordinarie nella fioritura (una pianta può arrivare a portare 250 fiori contemporaneamente a pieno sviluppo), ottime nella capacità di fiorire anche in inverno, resistenti al gelo, sono perfette per i balconi che vogliono rimanere fioriti anche in autunno-inverno.

Le varietà si potranno trovare in più di 20 colori: quattro saranno quelli nuovi presenti in mostra, tra i quali lo Strawberry (Fragola). Si troveranno sia in vaso sia in cestino e sacche da appendere, queste ultime sono perfette per decorare pilastri, colonne, pareti o anche balconi e porte d’ingresso.

– Minivioleche, insieme alle miniviole ricadenti, sono le uniche viole capaci di fiorire anche in inverno. Sono perfette per chi vuole godere della vista delle proprie aiuole anche nella stagione fredda: non temono il gelo e resistono fino a -30C°!

L’origine di queste varietà è in buona parte frutto del lavoro di aziende italiane e in mostra queste piante saranno riconoscibili grazie al vaso di colore rosa.

– Viole cornute: è il comparto con il più grande assortimento di colori e disegni del fiore. Bellissime le faccette, ovvero quelle viole che hanno una macchia centrale di colore che sembra guardare l’osservatore. Una curiosità: tutte le viole tendono a orientare la maggior parte dei fiori verso sud, verso il sole, perciò un’aiuola guardata da sud avrà un effetto estetico notevole e sicuramente più fiorito che se osservata da un altro lato. Anche questa varietà resiste al gelo.

Viola del pensiero, la famiglia più importante e più diffusa di viole. Bellissime in autunno, straordinarie in primavera. Resistono al gelo e, grazie alla gamma di colori disponibili, permettono di realizzare le aiuole quasi come se fossero dipinte, uscite dalla mano di un pittore allegro ed elegante. Bellissime le classiche giallo o giallo con occhio, incredibilmente luminoso il bianco puro, ma elegantissimo anche il colore blu, blu con occhio, porpora e, novità di quest’anno, il nero. La varietà si chiama Halloween ed è magnifica da abbinare con il bianco o con il giallo, interessante per decorare spazi dove il nero può risaltare, per esempio vialetti di pietrisco bianco o grigio.

Tutte le viole in mostra potranno essere acquistate.

Sul sito www.100sfumaturediviole.itè disponibile il catalogo completo delle viole.

100-sfumature-viole

La fiera del gardening a Colonia

Il settore del verde si ritrova alla spoga+gafa: dal 2 al 4 settembre 2018 il massimo evento del gardening svelerà ancora una volta una serie trend entusiasmanti e interessanti innovazioni per il mondo outdoor.

Oltre 2.000 espositori da circa 60 paesi faranno della spoga+gafa l’evento centrale della stagione del gardening!

Sapevate che la spoga+gafa è anche la più grande fiera al mondo per grill & BBQ, mobili e decorazioni per esterni? Quest’anno l’offerta sarà più completa che mai: venite a scoprire cucine outdoor alla moda, mobili da giardino all’ultimo grido e idee creative per le decorazioni. Fatevi ispirare dai nuovi trendshow di mobili per esterni, scoprite le proposte innovative per il POS e informatevi nelle interessanti mostre speciali sulle ultime novità in tema di smart gardening, articoli innovativi a batteria, trend del verde e crescita delle piante.

Approfittate anche dell’offerta di un tour esclusivo alla spoga+gafa: iscrivetevi subito a un guided tour su www.spogagafa.com/guidedtours.

cologna-gardening

The largest garden fair in the world

Experience the garden in all its diversity: This is the possible at spoga+gafa better than in any other place in the world! Over 2,000 exhibitors show everything new, all technical innovations, the fresh designs and trends that are impressing worldwide – everything at a glance and in one location!

For example, the Outdoor Furniture Trend Show will be taking place for the first time this year: Here, selected industry experts from the design, trade, high school and trend research sections will demonstrate the design innovations and concepts from spoga+gafa exhibtors which will determine the coming garden season.

And also the Smart Gardening World and the IVG Power Place Akku will take a unique look at the future. Finally, plants and their assistants are the focus of the IVG Power Place Green

Experience the garden in all its diversity! Let yourself be impressed and inspired for the coming season by the exciting, fresh ideas of the complete garden industry – and discover the garden of the future live at spoga+gafa 2018!

Cologne-Exhibition-Spogafa-Show

Verdealmare: piante, fiori e idee per il giardino

Due giorni dedicati a chi è curioso, ama il verde e il giardinaggio e vuole stare all’aria aperta, a chi vuole scoprire alberi e arbusti, fiori, piante, ortaggi e frutti di antiche cultivar locali, piante spontanee, aromatiche e medicinali, collezioni botaniche, ma anche singolari arredi da esterno, attrezzi per la cura del verde, cesterie, artigianato di qualità.

E poi ancora: le dimostrazioni d’arte floreale di Mara Verbena, maestra fiorista che crea i bouquet per il festival di Sanremo, le escursioni a Punta Manara, le visite a giardini storici, le presentazioni di libri, i laboratori del gusto e i laboratori del verde.

Tutto questo avverrà a Sestri Levante, la “città dei due mari” affacciata sulle Baie delle Favole e del Silenzio a pochi passi dalle Cinque Terre, il 26 e 27 maggio con Verdealmare.

A un mese e mezzo dalla sua inaugurazione approda al Parco Mandela la prima edizione di Verdealmare, una manifestazione importante, nata e pensata proprio guardando al nostro parco e alle sue potenzialità e allo spirito con cui lo abbiamo concepito: una nuova opportunità di sviluppo e sostenibilità per Sestri Levante. È quindi quasi inutile sottolineare quanto questa iniziativa ci renda orgogliosi: il parco è stato voluto e pensato proprio guardando alla creazione di un valore aggiunto per tutta la nostra comunità. Sestri si arricchisce quindi di una manifestazione nuova e attrattiva, pensata per un luogo ricco di opportunità”, commenta Valentina Ghio, Sindaco di Sestri Levante.

Verdealmare sarà una piccola e specializzata mostra e mercato con vivaistiche porteranno le collezioni e le numerose varietà di piante da loro prodotte, artigianicon i loro manufatti ed espositori legati alle produzioni bio del territorioe alle comunità del cibo che fanno parte di Slow Food Liguria, Genova e della Val di Vara.

GLI ESPOSITORI

Saranno una quarantina gli espositori, prevalentemente vivaisti, tutti specializzati in differenti e specifiche produzioni.

Tra le particolarità che si potranno trovare: l’importantecollezione di Guido Agnelli che raccoglie soprattutto piante tropicali di origine sudamericana provenienti da diversi ambienti, come le felci arboreedel genere Cyathea per esempio, che caratterizzano le pendici andine umide. Oppure gli alberi e arbusti della famiglia delle Bignoniaceae, tipici degli ambienti aridi e ben adattabili ai climi mediterranei,

come Handroanthus (Tabebuia) e Tecoma, dalle spettacolari fioriture gialle e viola.

Non mancheranno poi alcuni alberi da frutto tipicamente tropicali, comeil Cacaoo Inga edulis.Tra le specie ornamentali saranno presenti anche gli alberi delle orchidee, le Bauhinie, o la prorompente Delonix regiacon la sua fioritura rosso fuoco.Anche il Mediterraneosarà rappresentato da alcune specie particolari, come la Genista aetnensis, endemismo italiano, in particolare etneo, una delle ginestre più grandi, longeve e dal portamento più elegante.

E ancora: Giulio Celandronie le sue orchidee rare e botaniche, in particolare Cattleya e Vanda e ibridi fioriti; le rose antiche, botaniche, da collezione e le clematidi di Le rose di Firenze di Stefano Magi; erbacee perenni, piante officinali, tintorie, alpine a foglia glauca, acquatiche rustiche e alchimurgiche (piante spontanee commestibili) di Plantula; Aster, Aquilegie, Fucsia, Geranium, Centaurea, Calceolaria, Digitalis e altre perenni di Vivaio Papini.

Particolarmente interessanti gli arbusti da fiore “dimenticati” portati daPollici Rosa (associazione di donne vivaiste e produttrici di piante rare), che hanno caratteristiche di rusticità e sono adatti a qualsiasi giardino, come Ibischi, Buddleje, Spiraeae, Deutzie, Weigele e Ortensie, con le novità Deutzia Yuki Snowflake e Cherry Blossom e Weigela florida My Monet.

E poi le decine e decine di rose che si troveranno da Rose Barni, tra cui levarietà moderne come la novità 2018, MissTango®, rosaio a cespuglio con fiori arancio intenso, la LakeComo®, cespuglio con fiori a coppia color avorio orlati di rosa, la Wanda Ferragamo® – dedicata alla moglie del grande stilista Salvatore Ferragamo – che ha corolle doppie di un intenso rosa brillante con venature violacee e profumo forte e persistente, fruttato, la Vivienne Westwood®, dedicata a una delle più famose stiliste di moda, che ha fiori doppi, bicolori arancio-albicocca e rosa-salmone.

Non mancheranno le piante carnivore come Mimosa pudica, Proboscidea, Nephentes, Drosera, Urticularia, Ibicella lutea di Un Angolo di Deserto; le collezioni di Alstroemerie, Salvie, Papaveri islandesi, Papaveri orientali, Echinacea, Dianthus e una sorprendente novità tra le petunie, la Surfinia Night Sky, di Checchi Roi; le piante grasse, succulente e cactacee di Carnosa&Spinosa; Canne da fiore, Hedychium, piante esotiche di Canne da Fiore vivai; le varietà di ortaggi e piccoli frutti antichi e rari di Ort Antighche propone semi e varietà di piante edibili dimenticate e antiche, provenienti da terre lontane.

E ancora: Piante Innovativeporterà Canapa e piante officinali come Acanto, Erba Luigia, Okra, Hosta montana;IGiardini e le Fronde proporrannovaste collezioni di Ortensie, erbacee perenni, graminacee e arbusti, Cosmea e altre annuali comprese antiche varietà di pomodoro; Vivai Belfioreavrà antiche e rare varietà di fruttifere, come le collezioni di uve e di fichi e tante cultivar ormai in via di estinzione; Hortus vivairose da sciroppo (Rosa muscosa centifolia), Aceri giapponesi, Hydrangee.

Tra i manufatti, i cesti del maestro cestaio Rino Mariani, pezzi unici fatti a mano utilizzando rami di salice, olivo, sanguinello e castagno; gioielli di foglie, fiori, semi naturali placcati in oro/argento e oro rosa di Ester Bijoux; gli oggetti d’arte realizzati con materiali di riciclo di Da lux recycle design;telerie e abiti realizzati in tessuti artigianali in canapa e lino daChiantiShine;i mobili antichi e gli oggetti vintage per l’arredo del giardino diAmbaradan.

In occasione di Verdealmare 100% Naturale Gelateria Artigiana di Sestri Levante preparerà un gusto specialeal sapore di fiori. Chi presenterà il biglietto di Verdealmare potrà gustare gratuitamente questo nuovo gusto e riceverà uno sconto sull’acquisto dei prodotti.

COSA FARE

In programma incontri a tema, dimostrazioni floreali, dimostrazioni di cucina con i fiori e le erbe spontanee e aromatiche, visite a giardini privati, passeggiate botaniche e laboratori per bambini. Questi ultimi saranno organizzati dalla libreria Mondadori di Sestri Levanteche sarà presente a Verdealmare anche con una scelta selezionata di libri per grandi e bambini sui temi del verde: giardini, ambiente, garden design, botanica, orto, cucina con le erbe e i fiori e sostenibilità.

Ecco gli appuntamenti nel dettaglio.

Sabato 26 maggio

Inmattinata apertura straordinaria al pubblicoper una visita al parco e alla Villa Durazzo L’Esedra di Sestri Levante(www.lesedradisantostefano.it), antica tenuta nobiliare del ‘700 costruita dalla famiglia patrizia e dogale dei Durazzo.

Sono previste duevisite guidate, una alle 10 e una alle 11.30,per gruppi di massimo 15 persone e solo su
prenotazione al numero 333.1639705, accompagnati da Raffaella Rimassa– proprietaria di Villa Durazzo L’Esedra insieme alla sorella Orietta – che racconterà la villa e il giardino.

LaVilla, che fa parte dell’Associazione Dimore Storiche Italiane, è una tenuta secolare dove l’aspetto agricolo si fonde ancora oggi con quello nobiliare. Oltre alla villa d’epoca e al grande parco da cui si
ammira lo splendido mare del Tigullio, la tenuta è composta dalle case coloniche abitate, dall’antico frantoio, da terreni coltivati (14 ettari con migliaia di ulivi, vigneti, orti oltre a un piccolo esempio di giardino all’Italiana) e dalla vicina chiesa, che la rendono un esempio unico in Liguria.

I partecipanti alla visita guidata usufruiranno del biglietto di ingresso a Verdealmare al prezzo ridotto di 5 euro a persona.

Alle ore 11.00,nello spazio incontri di Verdealmare, si terrà un incontro dipresentazione del libro “Il favoloso mondo del picnic”(Gribaudo, 2018)diAntonella Guzzardi, dedicato all’arte dell’allestimento del Picnic nella natura. Nel libro, l’autrice pone l’accento anche sui luoghi poco conosciuti e incontaminati che rappresentano l’eccellenza e la varietà del paesaggio naturalistico italiano. Luoghi con fioriture spettacolari, come la valle dei narcisi in Piemonte, oasi e riserve naturali, spiagge di particolare suggestione, pittoresche campagne e radure fluviali. Tra le curiosità, le sezioni “Wedding Picnic” e il capitolo “Wanderlust Picnic”, che racconta delle esperienze di Picnic della Guzzardi in giro per il mondo; una guida fuori dagli schemi con annotazioni di luoghi nei quali vale la pena fare un picnic almeno una volta nella vita.

Alle 17.00dimostrazione floreale tenuta dalle insegnanti di Floratigula, scuola di arte floreale aderente alla S.I.A.F. (Scuola Italiana Arte Floreale “Camilla Malvasia”).

Alle 18.00, partendo da Piazza Matteotti, davanti al Palazzo Comunale, passeggiataalla scoperta del promontorio di Punta Manara, in un’ora in cui la luce del sole al tramonto fa risaltare i colori della vegetazione. Uliveti, coltivi, macchia mediterranea, lecceta e lembi di sughereta: in meno di un’ora di cammino si incontra un’incredibile biodiversità vegetale sospesa sul mare.

L’escursione è gratuitaed è riservata ai visitatori di Verdealmare. Prenotazione obbligatoria al numero 333.1639705. La passeggiata è organizzata in collaborazione con LabTer Tigullio.

Domenica 27 maggio

Alle 10.30 e alle 11.30 visita all’antico Frantoio Oleario del 1700– uno degli ultimi rimasti intatti nella provincia – dell’Agriturismo Casa Olivieri, a cui verrà abbinata una degustazione di olio extravergine.

La visita è su prenotazione al numero 333.1639705per piccoli gruppi di 10 persone e riservata a chi ha il biglietto di Vederdealmare.

Sempre al mattino, tra le 11.00 e le 13.00, e poi nel pomeriggio alle 16,dimostrazioni floreali a cura di Mara Verbena (prenotazioni alnumero 333.1639705)fiorista sanmarinese che ritorna a Sestri Levante, città dove ha trascorso la sua infanzia, proprio in occasione di Verdealmare.

Maestra fiorista molto nota in Italia, Mara Verbena ha un’esperienza professionale vastissima maturata in 35 anni di attività. Fa parte della squadra di fioristi che da tre anni realizza composizioni e bouquet per il Festival di Sanremo. A Verdealmare Maracreerà bouquet e composizioni d’arte floreale con fiori di stagione e con tema “Estate al mare…”. Saranno creazionidi alto livello qualitativo ma alla portata di tutti, che regaleranno al pubblico spunti e suggerimenti per la loro realizzazione.

Alle 16.00 escursione guidata a tema “Prebuggiun”, un misto tipico di erbe selvatiche utilizzate nella cucina ligure tradizionale in svariati modi.

Una Guida Ambientale Escursionisticaabilitata accompagnerà grandi e piccoli in un percorso che attraversa gli ambienti mediterranei e i coltivi del promontorio di Punta Manara alla ricerca di erbe “buone da mangiare”. Il ritrovo è a Palazzo Fascie Rossiin corso Colombo 50. Per partecipare è necessario prenotarsi alnumero 333.1639705(posti limitati); è prevista una quota di partecipazione(adulto intero: 8 euro, bambini fino a 12 anni: 5 euro, bambini fino a 6 anni gratis. Pacchetto passeggiata + mostra Verdealmare: adulto: 12 euro -7 passeggiata +5 biglietto – bambini fino a 12 anni: 5 euro – costo passeggiata e gratis ingresso alla mostra).

L’evento è organizzato in collaborazione con la cooperativa TerraMare di Sestri Levante, soggetto gestore del Laboratorio Territoriale Tigullio, centro di riferimento per l’educazione ambientale nel Tigullio Orientale.

L’escursione terminerà a Verdealmare (l’arrivo è previsto per le 17.30) dove si parlerà ancora di prebuggiun e delle altre erbe con i produttori del biodistretto della Val di Varache racconteranno storie, curiosità e spiegheranno le antiche ricette per cucinare il Prebuggiun.

IL PARCO MANDELA

Verdealmare sarà anche un’opportunità per il pubblico per scoprire la nuova area delParco Nelson Mandela, appena inaugurata dopo importanti lavori di recupero e ampliamento.

Aperto al pubblico dal 2014, con l’inaugurazione della prima porzione, il Parco Nelson Mandela di Sestri Levante è stato completato nel 2018. Nel suo complesso, si tratta di un parco urbano di 5 ettari, il secondo più grande della Liguria.Il parco si raccorda naturalmente alla partenza dei sentieri che portano al SIC di Punta Manara: l’offerta sentieristica a Sestri Levante è ricca e offre molte opportunità di tipo escursionistico diverse per difficoltà e tipologia di panorami incontrati.

Verdealmare ha il patrocinio e la collaborazione del Comune di Sestri Levante e di Mediaterraneo.

Inoltre gode del patrocinio di ADSI– Associazione Dimore Storiche Italiane – Sezione Liguria, AIAPP– Sezione Liguria, AGI Garden Club di Genova,APGIAssociazione Parchi e Giardini d’Italia, SIASocietà italiana di Arboricoltura, Slow Food Liguria,Slow Food Genova,Slow Food Golfo dei Poeti, Cinque Terre, Val di Vara, Riviera spezzina eMyplant & Garden.

Media partner: Il Secolo XIX e Vita in Campagna.

La fotografia utilizzata in tutta la comunicazione è di Dario Fusaro.

La progettazione degli spazi e degli allestimenti della mostra sono a cura di Licia Zazzi Architetto.

Gli interventi tecnici sono di Marco Chiappari.

La collaborazione scientifica è di Elisabetta Pozzetti.

L’organizzazione degli espositori bio sono a cura di Andrea Motto di Slow Food, responsabile Comunità del Cibo della Condotta Golfo dei Poeti, Cinque Terre, Val di Vara, Riviera Spezzina.

Si ringraziano per la collabozione: Roberto Montanari, Elisa Raffo, Danila Stagnaro, Marcello Massucco e tutto lo staff di Mediaterraneo.

Biglietti ingresso:

Biglietto intero 7 euro – Biglietto ridotto 5 euro (over 65 anni e per gruppi di minimo 10 persone)

Bambini fino a 12 anni gratuito

Soci Touring Club e possessori della Carta Verde di Vita in Campagna: 5 euro

Informazioni

segreteria@verdealmare.it

www.verdealmare.it

Locandina-sestrilevante

Il mercato dei fiori di Pescia a Euroflora 2018

Il Mercato dei Fiori di Pescia, che proprio quest’anno festeggia il 90° anniversario della sua istituzione (1928), parteciperà dal 21 aprile al 6 maggio a Euroflora ai Parchi di Nervi a Genova.

Insieme al Mefit, che rappresenterà tutta la Toscana, ci saranno anche due importanti partner: il Comune di Pescia e la Fondazione Nazionale Carlo Collodi.

Oltre all’allestimento dello spazio espositivo all’aperto nei Giardini di Nervi (spazio D22) che si estenderà su una superficie di 171 m2, il Mercato realizzerà anche – all’interno della galleria d’arte Wolfsoniana negli spazi all’ingresso, nella sala Liberty e nella sala Antonio Rubino, con il supporto di maestri fioristi – cinque importanti composizioni di fiori e fronde recise tipiche di Pescia, che parteciperanno ai concorsi di Euroflora, così come le piante nello spazio all’aperto.

L’allestimento esterno, firmato dall’Architetto Sergio Martinelli, avrà come elemento principale una serie di curve concentriche, formate da olivi inframmezzati da piante fiorite, racchiuse da uno sfondo costituito da una serie di totem. Le immagini e alcuni arredi, come il tavolo ‘Quadripalo’ e la poltrona ‘Pluviale’ vanno a richiamare molti degli elementi architettonici dell’attuale Mercato dei Fiori, la cui costruzione avvenne a partire dal 1975 e che viene considerato uno dei principali edifici italiani in stile ‘High-Tech’, tipico di quegli anni.

Euroflora-Mercato-Fiori-di-Pescia_planimetria

In particolare, il tavolo ‘Quadripalo’ è costituito da quattro cilindri cavi collegati da un profilo ad H centrale, da cui si dipartono 4 sostegni per la lastra in vetro. La poltrona ‘Pluviale’ è un mobile outdoor con una sinuosa struttura in tubo rosso che ricorda quella dei pluviali del Mercato.

Quindi nello spazio si potranno trovare elementi caratterizzanti il territorio di Pescia, come i vivai d’olivo da trapiantare nelle varietà tipiche pesciatine leccino, frantoio, pendolino, agrumi lavorati a spalliera e ad arco, rose ad alberello e cespuglio, ecc., accanto alla produzione e al commercio di piante fiorite stagionali, per arrivare alla zona centrale in cui l’arte floreale diventa ‘mise en scène’ dei maestri fioristi.

Ma un’altra importante collaborazione andrà a caratterizzare l’area: quella con i magnifici giardini di Villa Garzoni, un gioiello del ’500, un vero e proprio monumento al gusto artistico e al ben vivere, alla sapienza nell’uso dell’acqua e nella scelta delle piante, a un’architettura del paesaggio capace di sfruttare gli apparenti svantaggi del terreno ripido per trasformarli in elementi di meraviglia e unicità.

Per Euroflora 2018 i Giardinieri del Garzoni, assieme al curatore botanico Stefano Mengoli, realizzeranno un mosaico a scudo con richiamo alla sigla del Garzoni (di circa 3 x 2 m) con fiori di Begonia x hybrida ‘Dragon Wing’, Cuphea hyssopifolia, Petunia x hybrida, Gazania nivea arancio e Arctotheca calendula.

Tutto questo a racchiudere ciò che è il Mercato dei Fiori di Pescia: la casa dei fiori, ma non solo, visto che vi si rispecchiano il lavoro, il territorio, l’architettura del territorio.

Mondi diversi che qui si intrecciano e che ci suggeriscono di promuovere ogni potenziale sviluppo; dalla promozione dell’organismo architettonico conosciuto a livello internazionale, alla nuova vocazione del mercato come polo logistico transnazionale, alla messa in vetrina di un territorio unico che ha generato questo mondo.

Insomma, per dirla con un termine ormai poco usato, promuovere un genius loci, che come tale ha valore se conosciuto nella sua totalità.

Nelle diverse giornate della manifestazione, nello spazio del Mercato si terranno diversi momenti di animazione. In particolare, nei giorni festivi saranno presenti fioristi Marco Alessandroni, David Giovani e Antonio Russello, che hanno fatto parte della Squadra dei Fioristi dei Bouquet Festival di Sanremo nelle ultime edizioni, che realizzeranno diverse composizioni utilizzando le produzioni tipiche dei fiori e delle fronde del territorio pesciatino.

In alcune giornate saranno presenti maschere della Fondazione Nazionale Carlo Collodi che, vestite da Pinocchio e Fatina, giocheranno con i bambini presenti, con il celeberrimo Naso di Pinocchio. Inoltre, il 25 e 26 aprile un abile intrecciatore pesciatino di rami naturali e canne realizzerà sul posto cesti e corbelli.

Matrimonio in primavera

La primavera, si sa, è la stagione dei matrimoni. E proprio al mondo del wedding è dedicata l’edizione primaverile di FioreColore, manifestazione dedicata al fiore a 360 gradi che si svolgerà domenica 15 e lunedì 16 aprile al Mercato dei Fiori di Pescia.

 

L’evento prenderà avvio domenica 15 aprile alle 15 con uno show-dimostrazione della floral designer Maya de Roo (ingresso libero).

Per le sue creazioni Maya utilizzerà prodotti locali e italiani di stagione quali calle, fresie, narcisi, violaciocche, bocche di leone, garofani, iris, statice, peonie, alstroemerie, ruscus e verdi, rametti di pesco e prunus, campanule, solidago, rose, mughetti e cymbidium.

Con grandissima passione Maya de Roo – olandese, di origine indonesiana e italiana d’adozione – disegna e realizza allestimenti floreali per eventi di ogni genere, crea opere d’arte durante dimostrazioni floreali e diffonde il mestiere attraverso corsi e workshop. Cura nei più piccoli dettagli e con la medesima passione sia un semplice bouquet di fiori che un allestimento complesso.

bouquet-1

Lunedì 16 aprile sarà invece una giornata dedicata alla Wedding Revolution, evento formativo di marketing strategico per il matrimonio, riservato agli operatori del settore.

La Wedding Revolution è un percorso che aiuta i professionisti e gli operatori del settore matrimoni a capire come vincere nel nuovo mercato grazie a una strategia integrata di marketing, comunicazione e vendita.

La Wedding Revolution trasforma tutti gli operatori in imprenditori: entrare nella Wedding Revolution significa intraprendere un percorso differente, specializzato nel marketing e nella comunicazione del matrimonio, per creare un nuovo mercato dove si possa vendere vera qualità.

Il costo di partecipazione è di 40 euro + iva.

Per informazioni e adesioni: ufficio@mercatodeifioridellatoscana.it – 0572/453108

Il Mercato dei Fiori di Pescia registra 620 aziende ufficialmente iscritte, suddivise tra produttori (250), commercianti (300), trasportatori (14) e attività correlate (56).

Per quanto riguarda i produttori, il 98% circa arriva dalla Toscana, circa il 70,5% dalla provincia di Pistoia e quasi il 25% da quella di Lucca. Le aziende che hanno la sede nel comune di Pescia costituiscono circa il 53% del totale.

Con il recente cambio di gestione e il passaggio al Comune di Pescia, il MEFIT di Pescia (Mercato Fiori Piante Toscana, ora Azienda Speciale del Comune di Pescia) ha avviato un percorso di rinnovamento e valorizzazione.

Fiorecolore-primavera