Api operose in città

Siamo lieti di invitarvi Domenica 22 aprile alle attività primaverili all’aria aperta per grandi e piccini dell’Hortus Urbis, l’orto antico romano nel Parco dell’Appia Antica.

Alle ore 10 – LE API AMICHE DEI BAMBINI
a cura di Emanuela Marchini e Juri Eugeni – Azienda Agricola Mamma Lù
Un percorso didattico-pedagogico volto ad avvicinare i bambini all’affascinante mondo delle api e della produzione del miele. Il laboratorio è stato concepito con lo scopo di presentare, in forma giocosa, un mondo animale ricco di suggestioni e sempre poco conosciuto e di stimolare le capacità percettive, manipolative e descrittive nei confronti della natura.

  • Da 0 a 3 anni
  • Durata: circa 50 minuti
  • Iscrizione vedi sotto

Alle ore 10 e alle ore 11 IL GIARDINO PER LE API E LE LORO AMICHE (in inglese e in italiano) a cura di Hortus Urbis
Un piccolo giardino per le api, le farfalle o le coccinelle da portare via con se. Laboratorio per sporcarsi le mani, riceverai tutto l’occorrente per seminare e per realizzare un vasetto da personalizzare con le tue mani.

  • Età 4/12 anni
  • Durata: circa 50 minuti
  • Iscrizione vedi sotto

Dalle 10 alle 12 – LETTURE all’OMBRA dell’ORTO
Letture di storie per bambini dai libri scelti a cura della scrittrice per bambini Cristiana Pezzetta

  • Tutte le età
  • A donazione (minimo 2 euro)
  • Registrazione sul posto

ISCRIZIONE
E’ fortemente consigliata l’iscrizione con pagamento anticipato. Per iscriversi mandare una email all’indirizzo hortus.zappataromana@gmail.com, entro le ore 12.00 di venerdì 20 aprile. . Indica ora e laboratorio. Riceverete una email con le indicazioni per il pagamento. Sul posto l’iscrizione potrà avvenire solo per gli eventuali posti rimanenti al costo di 10 euro a bambino.

Vedi la locandina e i dettagli del programma completo: www.hortusurbis.it

Si ricorda che l’area è dotato di zona pic nic per coloro che volessero trattenersi anche per il pranzo.

In caso di pioggia il laboratorio sarà spostato.

api-operose

Annunci

Giardini d’Agrumi

L’associazione di promozione sociale Terre&Sapori d’alto Garda organizza anche questo anno, con la collaborazione del Comune di Gargnano e della Parrocchia di San Martino di Gargnano, la quarta edizione di Giardini d’Agrumi il 14 e 15 aprile 2018, manifestazione dedicata alla promozione e valorizzazione delle straordinarie limonaie alto gardesane e degli agrumi che in esse ancora vengono coltivati, a scopo produttivo o decorativo.

Come è noto la redditizia coltivazione degli agrumi lungo la Riviera dell’alto Garda bresciano, documentata fin dal XV secolo, era altamente caratterizzante il paesaggio, dato che per difendere le piante dai rigori invernali si costruirono monumentali serre in muratura, le limonaie.

Terre & Sapori d’Alto Garda vuole far conoscere e promuovere questa antica tradizione

colturale che prosegue ancor oggi, grazie al grande lavoro di alcuni appassionati e che ci si augura possa aumentare, perché gli agrumi tornino ad essere i veri protagonisti del paesaggio alto gardesano e le limonaie siano sempre più valorizzate in quanto patrimonio unico al mondo.

La manifestazione, organizzata per la prima volta nell’aprile 2015, ha riscosso nelle edizioni passate un crescente interesse e un sempre maggiore successo di pubblico, risultando molto apprezzata sia da turisti di passaggio che dai tanti gargnanesi che negli anni scorsi l’hanno visitata.

Il 14 e 15 aprile presso il Chiostro di San Francesco, sarà allestita una tavola pomologica delle varietà di agrumi coltivati nell’alto Garda, oltre ad una esposizione degli attrezzi un tempo utilizzati per l’agrumicoltura gardesana e da Agrumi, dal fiore al frutto, mostra fotografica di Teodora Avramova e Camilla Pasini (Circolo Fotografico CannerObiettivo).

Il chiostro anche questo anno sarà arricchito da nuovi scenografici allestimenti floreali con agrumi realizzati dagli studenti della Scuola agraria di Fondazione Minoprio (CO), scuola di eccellenza della Regione Lombardia, coordinati dal noto flower designer Rodolfo Casati.

Seguendo i percorsi storici delle vie Crocefisso e San Giacomo e nel nucleo di Villa, i visitatori potranno accedere ai luoghi dove venivano e vengono tutt’oggi coltivati gli agrumi, talvolta ancora secondo le tecniche storiche, grazie ad una ventina di proprietari che renderanno visitabili i propri siti. In particolare questo anno il percorso – grazie alla gentile disponibilità di

altri proprietari – si è arricchito di 3 nuovi luoghi da visitare: Villa Igea e le ex limonaie della Villa de Paoli, dove si potranno scoprire i luoghi descritti da D.H. Lawrence durante il suo soggiorno a Gargnano nel 1912, limonaia in località Tesolo in straordinaria posizione panoramica, strutturalmente ancora ben conservata e con numerose piante di agrumi in varietà e oliveto e limonaie in località Crocefisso dove si può osservare un oliveto tradizionale terrazzato con piante di olivo secolari, connesso – come storicamente spesso avveniva – a due limonaie ora destinate a orto e a prato.

Per il primo anno si propone Giardini d’Agrumi in barca per godere del paesaggio delle limonaie da lago con partenza dal porto di Gargnano (a pagamento, informazioni dettagliate in loco).

Nel percorso di visita saranno anche coinvolte la limonaia/giardino della Villa Bulgheroni, già dimora gonzaghesca nel centro storico di Maderno e la limonaia ecomuseo del Prato della Fame a Tignale, riaperta al pubblico dopo gli interventi di valorizzazione e allestimento museale eseguiti nel 2017.

Oltre ai volontari, questo anno anche alcuni studenti del liceo Fermi di Salò accoglieranno e guideranno i visitatori durante la manifestazione.

Nell’ex Palazzo Municipale di Gargnano saranno allestite: Agrumi e limonaie dell’alto Garda, mostra collettiva di artisti gardesani, Gli agrumi nell’arte alto gardesana, esposizione a cura di Silvia Merigo e AgruMail 2018 una rassegna di creazioni “mail art” di artisti da tutto il mondo che si sono ispirati al tema degli agrumi (da Cannero Riviera – VB).

Giardini d’Agrumi sarà anche corredata da laboratori didattici, momenti musicali, visite guidate, e da un mercato dedicato agli agrumi e ai prodotti gastronomici e artigianali locali che ogni anno si arricchisce di nuovi espositori, anche provenienti da altre zone agrumicole.

Tra gli eventi particolari di quest’anno si evidenziano: sabato 14 aprile dalle ore 15 alle ore 17 all’ex Palazzo Municipale di Gargnano: Agrumi creativi, dimostrazione di composizioni floreali e con agrumi a cura del flower designer Rodolfo Casati e degli studenti della Scuola di Minoprio.

Ancora sabato pomeriggio dalle 15 alle 18 e domenica mattina dalle 9,30 alle 12 il famoso maestro Madonnaro Andrea Mariano Bottoli (vincitore del 42° concorso nazionale dei Madonnari a Curtatone – MN nel 2014) creerà nella piazza del porto a Gargnano una sua opera (un anamorfismo, immagine curiosamente deformata) con soggetto ideato per la circostanza, riferito agli agrumi. Sabato dalle ore 19,30 nel Chiostro di San Francesco: aperitivo in musica con il racconto: La rinascita della bellezza del giardino della Kolymbethra nel parco della Valle dei Templi di Agrigento, ora bene gestito dal FAI, a cura di Giuseppe Lo Pilato (agronomo paesaggista, direttore del giardino della Kolymbethra).

Ristoranti e bar locali proporranno menu a tema e gli alberghi offriranno pacchetti turistici per i visitatori.

Tutti gli eventi in programma sono a ingresso libero e si potranno realizzare grazie al contributo di diversi enti e associazioni; grazie alla generosa disponibilità dei proprietari delle limonaie e all’aiuto dei tanti volontari e di tutti quelli che collaboreranno all’iniziativa. Per maggiori dettagli sul programma visitate il sito: www.terresapori.it

giardini-agrumi

 

Il profumo dei glicini in fiore

Un “weekend in giardino” circondati dal profumo e dai colori dei glicini dei Giardini di Villa della Pergola ad Alassio, sulla Riviera Ligure di Ponente (aperti al pubblico per visite guidate su prenotazione tutti i weekend fino a fine ottobre).

Sabato 14 e domenica 15 aprile si terrà infatti il laboratorio di giardinaggio per adulti, bambini e famiglieProfumo di glicine!” che abbina alla visita guidata del Parco, un rigoglioso giardino inglese di 22.000 metri quadrati con un’impareggiabile vista sul mare, attività pratiche e manuali.

Sarà l’occasione per scoprire la storia, i metodi di coltivazione e le caratteristiche dei glicini di Villa della Pergola una collezione 35 varietà diverse per forma e colore tra le quali Wisteria Sinensis, Wisteria Floribunda, Wisteria Bachybotrys, Wisteria Frutescens, Wisteria ‘issai, Wisteria macrostachya ‘Clara Mack’, Wisteria ‘Nana’ – nel momento di massimo splendore della loro fioritura.

Non solo, durante il laboratorio si affronterà anche un progetto utilizzando i suoi fiori colorati che sfumano dal bianco al rosa, dal viola al blu.

Locandina-laboratorio-glicini-2018

Il laboratorio “Profumo di glicine!” si inserisce nell’ambito delle attività per famiglie, bambini e adulti legate al giardino organizzate da Villa della Pergola, riproposte quest’anno con una formula rinnovata dal titolo “Un weekend in giardino. Sperimentare, ricercare, scoprire”: i laboratori si amplieranno su due giorni, non solo la domenica come nelle scorse edizioni, ma anche il sabato. Un intero weekend, quindi, da trascorrere in modo diverso, visitando il Parco e partecipando alle attività pratiche e manuali realizzate dall’esperta di didattica orticola Nadia Nicoletti.

Il secondo appuntamento con “Un weekend in giardino. Sperimentare, ricercare, scoprire” sarà sabato 16 e domenica 17 giugno con il laboratorio “Un mare di Agapanti!”.

 

Info utili:

Costo del laboratorio abbinato alla visita guidata: € 15 adulti, € 12 soci FAI, € 5 bambini, gratuito per bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto. Durata: due ore: 1 ora di visita e 1 ora di laboratorio.

Prenotazione obbligatoria (Tel. +39 0182 646130 – +39 0182 646140).

www.giardinidivilladellapergola.com

VilladellaPergola_ph-Matteo-Carassale
Photo Courtesy: Matteo Carassale

Matrimonio in primavera

La primavera, si sa, è la stagione dei matrimoni. E proprio al mondo del wedding è dedicata l’edizione primaverile di FioreColore, manifestazione dedicata al fiore a 360 gradi che si svolgerà domenica 15 e lunedì 16 aprile al Mercato dei Fiori di Pescia.

 

L’evento prenderà avvio domenica 15 aprile alle 15 con uno show-dimostrazione della floral designer Maya de Roo (ingresso libero).

Per le sue creazioni Maya utilizzerà prodotti locali e italiani di stagione quali calle, fresie, narcisi, violaciocche, bocche di leone, garofani, iris, statice, peonie, alstroemerie, ruscus e verdi, rametti di pesco e prunus, campanule, solidago, rose, mughetti e cymbidium.

Con grandissima passione Maya de Roo – olandese, di origine indonesiana e italiana d’adozione – disegna e realizza allestimenti floreali per eventi di ogni genere, crea opere d’arte durante dimostrazioni floreali e diffonde il mestiere attraverso corsi e workshop. Cura nei più piccoli dettagli e con la medesima passione sia un semplice bouquet di fiori che un allestimento complesso.

bouquet-1

Lunedì 16 aprile sarà invece una giornata dedicata alla Wedding Revolution, evento formativo di marketing strategico per il matrimonio, riservato agli operatori del settore.

La Wedding Revolution è un percorso che aiuta i professionisti e gli operatori del settore matrimoni a capire come vincere nel nuovo mercato grazie a una strategia integrata di marketing, comunicazione e vendita.

La Wedding Revolution trasforma tutti gli operatori in imprenditori: entrare nella Wedding Revolution significa intraprendere un percorso differente, specializzato nel marketing e nella comunicazione del matrimonio, per creare un nuovo mercato dove si possa vendere vera qualità.

Il costo di partecipazione è di 40 euro + iva.

Per informazioni e adesioni: ufficio@mercatodeifioridellatoscana.it – 0572/453108

Il Mercato dei Fiori di Pescia registra 620 aziende ufficialmente iscritte, suddivise tra produttori (250), commercianti (300), trasportatori (14) e attività correlate (56).

Per quanto riguarda i produttori, il 98% circa arriva dalla Toscana, circa il 70,5% dalla provincia di Pistoia e quasi il 25% da quella di Lucca. Le aziende che hanno la sede nel comune di Pescia costituiscono circa il 53% del totale.

Con il recente cambio di gestione e il passaggio al Comune di Pescia, il MEFIT di Pescia (Mercato Fiori Piante Toscana, ora Azienda Speciale del Comune di Pescia) ha avviato un percorso di rinnovamento e valorizzazione.

Fiorecolore-primavera

Eventi a Villa Carlotta

E’ stata presentata questa mattina la nuova stagione ricca di eventi di Villa Carlotta, il gioiello della Tremezzina e del Lago di Como che da oggi riapre al pubblico per le visite allo storico parco e al museo, dopo il record di visite dello scorso anno (più di 225mila visitatori!).

Il primo appuntamento è con la mostra “Urpflanze” di Giovanni Frangi che il pubblico potrà vedere nei saloni della villa e nel parco botanico da sabato 24 marzo al 17 giugno.  Urpflanze rimanda al concetto di natura primordiale elaborato da Goethe durante il suo viaggio in Italia, affascinato dalla rigogliosa vitalità della natura a sud delle Alpi. Rapporto con la natura che ha sempre costituito il nucleo portante del percorso creativo di Giovanni Frangi (Milano, 1959), figura tra le più importanti del panorama artistico italiano contemporaneo.

Giovanni-Frangi-Urpflanze-Villa-Carlotta-in-Tremezzina

La stagione 2018 prosegue fino a dicembre con altre due grandi rassegne espositive – le fotografie di Mario Carrieri e i manufatti in vetro della collezione di Enrico Bersellini -, esposizioni temporanee, una serie di giornate speciali e tematiche che seguiranno le fioriture del giardino, attività e laboratori per famiglie, eventi musicali e un viaggio nelle collezioni della villa, come quella degli argenti e delle camelie.

Villa-Carlotta-Orto-Botanico

Villa Carlotta e i suoi giardini affacciati sul lago sono una meta imperdibile anche per le fioriture coloratissime delle camelie, delle azalee e dei rododendri del parco botanico, uno spettacolo che si rinnova di anno in anno.

 

Per informazioni, orari e biglietti

www.villacarlotta.it

segreteria@villacarlotta.it

Villa-Carlotta-in-Tremezzina

Tecniche di moltiplicazione delle piante

Talee, margotta, moltiplicazione, produzione di semi. Il 7 aprile 2018 all’Hortus Urbis, Roma. Vi aspettiamo!

Ma per avere delle belle piante nei nostri giardini, terrazzi, orti dobbiamo per forza comprarle nei vivai?

Scopriamo come (auto)produrre nuove piantine imparando le tecniche della talea, della margotta, della divisione dei cespi e dell’autoproduzione dei semi. E – giacchè ci siamo – che ne dite se dopo la pratica facciamo anche un po’ di teoria su riproduzione sessuale e agamica delle piante?

Il corso è tenuto da Giovanni Salerno, botanico, florista amico dell’Hortus Urbis esperto in etnobotanica.

  • Sede: Hortus Urbis, via Appia Antica 42/50, Roma
  • Costo: donazione suggerita di 35,00 euro a persona + 5,00 euro Carta Amici del Parco dell’Appia Antica
  • Durata: dalle 15 alle 18
  • Iscrizioni: entro le ore 12 di venerdì 6 aprile o in loco fino ad esaurimento posti: hortus.zappataromana@gmail.com

Poiché il corso si svolge all’aperto le attività potranno subire variazioni in relazione alle condizioni climatiche.

moltiplicazione-piante

PER ARRIVARE:
Hortus Urbis presso l’ex Cartiera Latina, via Appia Antica, 42/50 (accanto alla fontanella)

In bici: ciclabile Cristoforo Colombo e percorrere il sentiero Circonvallazione Ardeatina fino a via Appia Antica, sulla sinistra dopo 10 metri (accanto alla fontanella) c’è il civico 50, ingresso alla ex Cartiera Latina.

In Bus: 118 sull’Appia Antica (Fermata Domine Quo Vadis) o 30express, 218, 714 e 715 (Fermata Cristoforo Colombo/Bavastro o Cristoforo Colombo/Circonvallazione Ostiense) e percorrere il sentiero Circonvallazione Ardeatina nel parco Scott fino a via Appia Antica, sulla sinistra dopo 10 metri (accanto alla fontanella) c’è il civico 50, ingresso alla ex Cartiera Latina.

In macchina: parcheggiare a via Carlo Conti Rossini, Largo Gavaligi, via Omboni, via Scott e dintorni e percorrere il sentiero Circonvallazione Ardeatina nel parco Scott fino a via Appia Antica, sulla sinistra dopo 10 metri (accanto alla fontanella) c’è il civico 50, ingresso alla ex Cartiera Latina.

Disegni e acquerelli nell’orto

24 marzo, 7 e 21 aprile, 12 e 26 maggio

“I miei corsi di disegno e acquerello si svolgono presso l’Hortus Urbis, un luogo bellissimo nel centro di Roma. Si tratta di un orto didattico in cui vengono coltivate esclusivamente piante di origine antica, di quelle che si coltivavano nei giardini dell’antica Roma.

Gli incontri si svolgono en plein air, immersi nel verde, tra i profumi delle erbe aromatiche e i colori di fiori e foglie di ogni stagione. Dipingere nella natura è una forma di meditazione per bambini e adulti, un modo per ritrovare pace e armonia con se stessi.

Mi piace condividere le mie conoscenze tecniche ma soprattutto incoraggiare ad un uso libero e personale del disegno e della pittura.”

Gioia Marchegiani

Info: 3383027794 – gioia@marchegiani.comwww.marchegiani.com

disegni-in-orto

PER ARRIVARE:
Hortus Urbis presso l’ex Cartiera Latina, via Appia Antica, 42/50 (accanto alla fontanella)

In bici: ciclabile Cristoforo Colombo e percorrere il sentiero Circonvallazione Ardeatina fino a via Appia Antica, sulla sinistra dopo 10 metri (accanto alla fontanella) c’è il civico 50, ingresso alla ex Cartiera Latina.

In Bus: 118 sull’Appia Antica (Fermata Domine Quo Vadis) o 30express, 218, 714 e 715 (Fermata Cristoforo Colombo/Bavastro o Cristoforo Colombo/Circonvallazione Ostiense) e percorrere il sentiero Circonvallazione Ardeatina nel parco Scott fino a via Appia Antica, sulla sinistra dopo 10 metri (accanto alla fontanella) c’è il civico 50, ingresso alla ex Cartiera Latina.

In macchina: parcheggiare a via Carlo Conti Rossini, Largo Gavaligi, via Omboni, via Scott e dintorni e percorrere il sentiero Circonvallazione Ardeatina nel parco Scott fino a via Appia Antica, sulla sinistra dopo 10 metri (accanto alla fontanella) c’è il civico 50, ingresso alla ex Cartiera Latina.