Per l’estate riempi la tua casa di fiori

I fiori mettono di buonumore. I fiori estivi fanno ancora di più, poiché regalano una piacevole sensazione di benessere riempiendo la casa di estate. Con i fiori estivi puoi dare libero sfogo alle tue idee di styling.

Accentuazione

I fiori estivi rendono ogni ambiente più attraente e più gradevole. Che lo stile della tua casa sia grintoso, pacato o disinvolto, i fiori lo accentuano ulteriormente. Ma cosa si intende esattamente per fiori estivi? Si tratta di fiori che raggiungono l’apice dello splendore nei mesi estivi. Tra questi vi sono, ad esempio, le dalie e i gladioli. Alcune varietà, come i gigli e le calle, sono talmente richieste da venire coltivate in serra. Grazie alla riproduzione delle condizioni di temperatura ideali, sono disponibili non solo in estate ma durante tutto l’anno.

Tranquillità

Se i tuoi interni sono caratterizzati da uno stile pacato, puoi accentuare l’atmosfera tranquilla della casa con fiori estivi in tinte pastello sobrie e delicate. Il soggiorno assorbe e attutisce le sollecitazioni provenienti dall’esterno, aiutandoti a ritrovare la pace dei sensi. I fiori dalle forme tonde, quali gigli, dalie e calle, emanano un senso di serenità, amplificato dal loro aspetto solenne. È consigliabile utilizzare vasi opachi o trasparenti, oppure vasi decorati con motivi a piccoli rombi, righe sottili o puntini, inframmezzati da accenti luccicanti. In tal modo i fiori risaltano al massimo aiutandoti a ritrovare la calma interiore.

fiori-estate-01
Da sinistra verso destra: Dahlia ´Café au Lait´, Lilium, Nerine – Lilium, Dahlia ´Café au Lait´ – Dahlia ´Café au Lait´

 

Stile urban

Prediligi la libertà alla perfezione? Non sei il solo! L’imperfezione è la nuova tendenza, caratterizzata dall’accostamento di elementi vintage e moderni, in cui gli influssi della scena “street”, come ad esempio i graffiti, hanno un ruolo centrale. I fiori estivi esaltano gli arredi di stampo industriale, ravvivando l’atmosfera della casa. Non esistono regole per la scelta dei fiori, ma meno perfetti sono meglio è. Per accentuare lo stile ruvido degli ambienti, colloca fiori dai colori intensi in vasi decorati con righe o pittogrammi appariscenti.

 

Folclore

Ti sembra di stare al centro del mondo e sei attratto da culture diverse? I tuoi interni sono sicuramente caratterizzati da un’atmosfera gioviale e rilassata, in cui oggetti “locali” si sposano con elementi “globali”. Accentua il tuo stile con i più svariati fiori estivi in una vistosa combinazione di colori vivaci. Abbina, ad esempio, gigli e gladioli. Vasi di fattura artigianale decorati con maschere o accessori divertenti completano la scena, conferendo all’insieme un carattere distintivo. I fiori estivi ti aiutano a creare un’atmosfera disinvolta e variopinta.
Per maggiori informazioni sui fiori da bulbo, visita il sito www.ilsysays.com.

fiori-estate-02
Da sinistra verso destra: Dahlia ´Babylon´, ´Orange Fox´, Eremurus – Polianthes tuberosa, Liatris spicata, Allium ´Globemaster´, Dahlia ´Jowey Mirella´, Amarine ´Belladiva Anastacia´ – Dahlia ´Café au Lait rosé´, ´Souvenir d’été´, ´Ivanetti´, Gloriosa ´Rothschildiana´
Pubblicità

Fiori gialli per un giardino festoso

Desideri godere appieno del tuo giardino? Sfrutta i benefici del colore giallo, portatore di allegria ed energia. Assapora gli effetti positivi della natura che ti circonda e pianta bulbi estivi dai fiori gialli.

Ambiente paradisiaco

A poco a poco la pavimentazione del giardino lascia spazio al verde. Questo accade perché percepiamo gli effetti benefici della natura che ci circonda. Ma anche perché il verde consente all’acqua in eccesso di defluire più velocemente e contribuisce a migliorare la biodiversità. Con i bulbi estivi dai fiori gialli puoi conferire un’atmosfera radiosa al giardino e trasformarlo in un paradiso naturale.

Varietà

Il giallo è sinonimo di energia, crescita e allegria. È il colore perfetto per dare una svolta al giardino. I bulbi estivi sono particolarmente indicati per realizzare una vera e propria trasformazione. I più conosciuti sono la dalia, la calla, il gladiolo (Gladiolus) e il giglio (Lilium), ma l’elenco non finisce qui. Altri bulbi molto attraenti sono, ad esempio, la begonia, il fior di tigre (Tigridia) e la canna indica (Canna).

Begonia e Calla
A sinistra: Begonia ‘Nonstop Yellow’ – A destra: Calla ‘Summer Sun’

 

Dahlia
A sinistra: Canna ‘Indica’ – A destra: Dahlia ‘Honka’

 

Dahlia e Gladiolo
A sinistra: Dahlia – A destra: Gladiolus ‘Nova Lux’

Come piantare i bulbi

Mescolando sapientemente diverse varietà di bulbi estivi dai fiori gialli è possibile conferire al giardino un’atmosfera naturale. Esistono bulbi che producono fiori raccolti in magnifiche spighe lunghe, mentre altri sviluppano grandi fiori tondi. I fiori possono essere profumati o persino bicolori. I bulbi estivi vanno piantati in primavera, quando è passato il rischio di gelate. Non appena percepiscono il calore del sole, i primi germogli spuntano dal terreno e ha inizio uno spettacolo meraviglioso.

Suggerimenti riguardo ai fiori gialli

  • Eliminare i fiori di dalia appassiti per favorire lo sviluppo di nuovi germogli. In questo modo le dalie fioriscono incessantemente fino alle prime gelate.
  • Oltre ai fiori, anche le grandi foglie della canna indica (Canna) sono imponenti; infatti assomigliano alle foglie di banano.
  • Le begonie sono ideali per le persone che soffrono di raffreddore da fieno. I granelli di polline delle begonie sono talmente pesanti che non vengono aerotrasportati ma cadono direttamente sul terreno.
  • Sapevi che il fiore della calla è in realtà una brattea colorata? I veri fiori minuscoli si trovano sulla spiga nascosta all’interno della brattea.
  • I gladioli (Gladiolus) richiedono pochissime cure, al massimo un po’ d’acqua in caso di clima estremamente secco.

Per maggiori informazioni sui bulbi di fiore, visita il sito www.bulbidifiore.it.

Lilium e Tigridia
A sinistra: Lilium ‘Citronella’ – A destra: Tigridia pavonia ‘Canariensis’

Visite virtuali a Villa Carlotta

In questo periodo Villa Carlotta (Tremezzina, sul Lago di Como), come tutti i musei italiani, è chiusa per preservare la salute dei cittadini. Abitualmente, con l’arrivo della primavera, la Villa riapre al pubblico.

Per permettere di godere comunque delle splendide fioriture dei giardini e del suo ricco patrimonio artistico, è stato messo a punto un ampio programma di appuntamenti sul sito e sui social che, attraverso visite virtuali al parco botanico e alle sale museali, seguirà il risveglio della natura e porterà alla scoperta delle collezioni conservate all’interno della Villa.

La direttrice Maria Angela Previtera parla di

una finestra aperta a disposizione del pubblico per dare vita e voce alle collezioni, alle opere pregiate e a quelle più nascoste, alle fioriture più spettacolari e agli esemplari meno conosciuti, alle modalità di lavoro del nostro personale in un momento di grande difficoltà. Così attraverso video di approfondimento sulla casa museo entreremo nelle stanze abitate dai marchesi Clerici, primi proprietari, del conte Sommariva grande collezionista e amico di Napoleone che abitò la dimora dall’inizio dell’Ottocento ai primi decenni, della principessa Carlotta e il duca Giorgio II Meiningen, teatro di prestigiose presenze, feste e ricevimenti nonché scrigno di opere d’arte di grande valore. Una iniziativa per scoprire, attraverso una doppia corsia, le opere d’arte del museo e quelle del parco, dove la bellezza delle fioriture che colorano i viali e le radure aspettano di mostrarsi ai visitatori.

Cosa succede dunque quando i cancelli e le porte sono chiuse? Questo sarà tutto da scoprire con gli appuntamenti settimanali che abbiamo preparato per tutti quanti vorranno venirci a trovare sul nostro sito e i social.”

Villa Carlotta
Facciata di Villa Carlotta, a Tremezzina, sul Lago di Como

I prossimi post e approfondimenti che verranno pubblicati sul sito di Villa Carlotta e sulle piattaforme social Instagram e Facebook riguardano le prime sale del percorso espositivo con una lente d’ingrandimento su opere e curiosità, alternati a vedute delle splendide fioriture che in questo periodo colorano il parco.

 

È possibile seguire l’attività di Villa Carlotta sul sito https://www.villacarlotta.it/it/mostre/il-racconto-delle-collezioni/

Azalee a Villa Carlotta
Azalee in fiore a nel parco di Villa Carlotta

Gladiolo: il bulbo estivo dell’anno

Il gladiolo, uno dei bulbi estivi più amati, è stato nominato bulbo estivo dell’anno dagli esperti di bulbi di fiore. Questi fiori dai colori meravigliosi, raccolti in lunghe spighe protette da foglie affusolate, offrono uno spettacolo incredibilmente gratificante.

Giglio della spada

Secondo i botanici esistono circa trecento diverse varietà di gladioli. Queste piante sono originarie dell’Africa, dove crescono spontaneamente in natura. Dal 1941 vengono coltivate, cosicché tutti possono godere della loro bellezza in giardino. Il nome botanico è Gladiolus, diminutivo della parola latina “gladius”, che significa spada. Per via delle foglie dalla forma affusolata e del significato del termine Gladiolus, questo fiore è chiamato anche giglio della spada.

Tubero

I gladioli si distinguono per i lunghi e robusti steli eretti. Su entrambi i lati dello stelo sbocciano numerosi fiori nei più svariati colori, dalle delicate tinte pastello alle tonalità intense e vivaci. In realtà il gladiolo non si sviluppa da un bulbo, ma da un tubero. La differenza consiste nel modo in cui vengono immagazzinate le sostanze nutritive. I bulbi conservano tali sostanze nelle tuniche o scaglie, i tuberi invece nelle radici carnose.

Gruppi

Essendo molto numerosi, i gladioli sono suddivisi in due gruppi: gladioli a fiori grandi e gladioli a fiori piccoli.

Il gruppo dei gladioli a fiori grandi è quello più numeroso. Comprende centinaia di varietà in molti colori e combinazioni diversi. In generale raggiungono oltre un metro di altezza. A questo gruppo appartengono:

  • Gladioli Butterfly: i fiori dall’aspetto delicato e dai colori sgargianti, che contrastano con il resto della pianta, assomigliano a farfalle. Si distinguono per i petali sovrapposti e piegati in avanti. Spesso i petali interni presentano un colore diverso dai petali esterni.
  • Gladioli Primulinus: le varietà appartenenti a questo gruppo derivano dal gladiolo Primulinus giallo. La spiga è esile e la lacinia superiore dei fiori forma un piccolo cappuccio che avvolge e protegge gli stami.

I gladioli a fiori piccoli, che raggiungono un’altezza inferiore rispetto a quelli a fiori grandi, si suddividono in:

  • Gladiolus colvillii Alba: una delle varietà più antiche di gladioli a fiori piccoli, è il risultato di un incrocio tra il tristis botanico e il cardinalis.
  • Gladiolus nanus: questo gladiolo è famoso per la sua eleganza. Gli steli non superano i 60-70 centimetri di altezza, per tale motivo è chiamato anche “gladiolo nano”.
  • Gladiolus tubergenii: questa è una tra le varietà dalla fioritura più precoce e prende il nome dal celebre coltivatore olandese Van Tubergen.
Gladiolo
A sinistra: Gladiolus ´Rose Supreme´ – A destra: Gladiolus

Piantagione e cura

I gladioli hanno bisogno di molta luce, quindi vanno collocati in posizione soleggiata in giardino. Si accostano perfettamente ad altri bulbi a fioritura estiva, come le dalie e la candela del deserto (Eremurus), ma anche alle erbe ornamentali e alle piante perenni. Possono essere piantati da metà aprile a fine maggio. È consigliabile sistemarli in piccoli gruppi di 3-5 tuberi a una profondità di circa 10 centimetri. La punta deve essere rivolta verso l’alto. Annaffiare abbondantemente i tuberi dopo averli piantati per favorirne la crescita; in caso di clima secco, continuare ad annaffiare regolarmente.

Gladiolo
A sinistra: Gladiolus ´Chinon´ – A destra: Gladiolus ´Bananarama´

Notizie interessanti

  • Vuoi godere della bellezza dei gladioli anche in casa? I gladioli si prestano molto bene come fiori recisi. Dopo che un paio di fiori sono sbocciati, puoi recidere alcuni steli e sistemarli in un vaso.
  • I gladioli possono raggiungere un’altezza di 90-120 centimetri. È consigliabile legarli per evitare che vengano danneggiati da un violento temporale o da forti raffiche di vento.
  • I gladioli, soprattutto le varietà più basse, crescono bene anche in vaso.
  • È importante acquistare tuberi sodi e carnosi, non tuberi morbidi al tatto o che presentano già dei germogli, poiché si tratta di tuberi malati.
  • Per maggiori informazioni sui bulbi di fiore visita www.bulbidifiore.it.
Gladiolo
A sinistra: Gladiolus ‘Charming Beauty’ – A destra: Gladiolus ‘Alba’

Momenti di svago in giardino

In questo periodo molti di noi lavorano da casa o sono costretti a restare a casa. Quale momento migliore per dedicarsi al giardino? Approfitta di questa opportunità per piantare bulbi e godere, in estate, di un giardino meravigliosamente in fiore.

Bulbi a fioritura estiva

In questo periodo che ci costringe a rimanere a casa, regalati momenti di svago piantando i bulbi a fioritura estiva. Puoi piantare i bulbi nella bordura e in vaso. I bulbi e i tuberi estivi vanno piantati a una profondità doppia rispetto alla loro altezza. Fanno eccezione le begonie e le dalie, che devono essere piantate poco sotto la superficie. Piantando i bulbi adesso potrai godere, in estate, dello spettacolo incantevole creato in giardino da dalie, gigli, calle e gladioli. Per maggiori informazioni sui bulbi di fiore, visita il sito www.bulbidifiore.it

athome-01

 

athome-02

I racconti in giardino

Nell’ambito dell’iniziativa #italiamimanchi per scoprire anche da casa le storie più belle del FAI – Fondo Ambiente Italiano…

 

APPUNTAMENTO CON I “RACCONTI IN GIARDINO”

 

I giardini del FAI e i loro tesori presentati direttamente dalla voce dei giardinieri o dei Property Manager

Questa settimana: Villa Della Porta Bozzolo, un teatro in giallo – con Daniele Zorzi, giardiniere del Bene.

La scorsa settimana: Giardino della Kolymbethra, l’arancio “ingannaladri” – con Peppe Lopilato, Property Manager.

I “Racconti in giardino” si possono vedere e condividere su https://fondoambiente.it/insieme-sentiamo-la-italia-piu-vicina 

Come piantare le Dalie

Le dalie vanno molto di moda. Se le pianti in giardino in primavera potrai godere di una cascata di fiori variopinti da agosto fino ad autunno inoltrato. Ma come si piantano esattamente i tuberi di dalia?

Trendy

La dalia è tornata di moda e sta riscuotendo un successo enorme. La popolarità della dalia è attribuibile ai fiori affascinanti e alla grande quantità di boccioli. Per ogni pianta se ne contano a decine, talvolta persino più di cento. Per stimolare la pianta a produrre una maggiore quantità di boccioli, basta eliminare con costanza i fiori appassiti.

Come piantare le dalie in quattro passaggi

Piantare le dalie è semplicissimo. Il periodo ideale è la primavera, quando è passato il rischio di gelate. Bastano quattro semplici passaggi.

Fase 1

Scegliere un luogo soleggiato del giardino in cui le dalie possano emanare tutto il loro splendore.

Alcune dalie raggiungono 2 metri di altezza, altre solo 30 cm. È dunque importante tenere conto dell’altezza e assegnare alle dalie una posizione che consenta loro di risaltare adeguatamente tra le altre piante.

Fase 2

Allentare il terreno con un rastrello in modo da renderlo soffice.

Eliminare le erbacce e le piccole pietre, per offrire alle dalie una sistemazione ottimale. 

Fase 3

Scavare una buca sufficientemente grande da ospitare il tubero di dalia. Collocare la dalia nella buca con il pezzo di stelo vecchio rivolto verso l’alto. Ricoprire il tubero con la terra precedentemente rimossa.

Accertarsi che la buca non sia troppo profonda poiché le dalie gradiscono percepire il calore del sole. È sufficiente piantarle pochi centimetri al di sotto della superficie; la corona sotto il vecchio stelo può anche rimanere visibile.

Fase 4

Annaffiare abbondantemente i tuberi di dalia per favorire il rapido sviluppo delle radici.

Come piantare le Dalie
A sinistra: Dahlia ´Bright Eyes´ – A destra: Dahlia ´Totally Tangerine´

Cura

Il tubero di dalia inizia a crescere non appena percepisce il calore del sole. I primi getti compaiono dopo un paio di settimane. Trascorso un periodo compreso tra quattro e sei settimane, a seconda del tipo di tubero, sbocciano i primi fiori. Annaffiare le piante in caso di clima estremamente secco. Eliminare i fiori appassiti per favorire lo sviluppo di nuovi germogli. Per evitare che i fiori si pieghino a causa della pioggia o del vento, è consigliabile sostenerli con una canna, un cordino o appositi anelli per dalie alte.

Come piantare le Dalie
A sinistra: Dahlia ´Jan van Schaffelaar´ – A destra: Dahlia ´Honka´

Curiosità:

  • Esistono diverse varietà di dalie, alcune piccole e deliziosamente semplici, altre grandi e dai colori esuberanti. Le dalie Dinner Plate possiedono i fiori più grandi in assoluto, che possono raggiungere anche 30 centimetri di diametro.
  • Le farfalle sono particolarmente attratte dalle dalie, soprattutto da quelle a fiore singolo il cui nettare è facilmente accessibile.
  • Il tubero, le foglie e i fiori delle dalie sono commestibili. Può essere carino decorare una pietanza con petali di fiore.
  • Esistono anche dalie nere. Il colore nero deriva da una maggiore concentrazione di antocianine.
  • Le dalie trovano una collocazione ottimale anche in tini, vasi e piatti da portata. In questo caso è preferibile optare per varietà di dalie nane, che rimangono basse.

Per maggiori informazioni sui bulbi di fiore, visita il sito www.bulbidifiore.it.

Come piantare le Dalie
A sinistra: Dahlia ´Jaxon´ – A destra: Dahlia ´Feline Yvonne´

 

Dalie
A sinistra: Dahlia ´My Love´ – A destra: Dahlia Thomas A. Edison (Dinnerplate)