Gli agrumi, aromi e sapori dal giardino

Domenica 8 ottobre ultimo appuntamento a Villa della Pergola ad Alassio con il laboratorio per bambini e famiglie “Una domenica in giardino”, dedicato a “Gli agrumi, aromi e sapori dal giardino”.

Sarà questa l’occasione per andare alla scoperta della collezione di agrumi di Villa della Pergola, profumati e ornamentali, ma anche originali e dalle forme bizzarre. Non solo arance e limoni dunque, ma anche chinotto, bergamotto e altri agrumi preziosi e rari. Lasciandosi conquistare dal loro profumo, si impareranno alcuni segreti sulla loro storia e sulla loro coltivazione e su come utilizzarli in cucina e non solo.

Giardini Villa della Pergola

Realizzato su un progetto di Nadia Nicoletti, esperta di didattica orticola, il laboratorio propone una visita guidata ai Giardini di Villa della Pergola che, partendo dal Poncirus trifoliata, illustrerà tutti gli agrumi della collezione, e attività sperimentali con le piante e la terra, affiancate a loro volta da percorsi di manipolazione e ricerca di profumi e sapori.

Tutte le attività saranno basate sull’osservazione, sull’apprendimento diretto, sulla manualità, sul saper fare e sulla sostenibilità. In particolare, si prepareranno un piatto a base di agrumi e un lip balm all’arancio (a base di olio d’oliva, cera d’api e arancia bio), si trapianterà una pianta aromatica al gusto di agrume e si parlerà di agrumi che si possono riprodurre da talea o da seme, di cura delle piante e di malattie e metodi naturali per avere piante sane sul terrazzo e in giardino.

INFORMAZIONI:

Orari laboratori: 9.30, 10.30, 11.30, 14.00, 15.00, 16.00, 17.00, 18.00.

Durata: 1 h.

Costo del laboratorio abbinato alla visita guidata: € 15 adulti, € 12 soci FAI, € 5 bambini, gratuito per bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto.

Prenotazione obbligatoria: info@giardinidivilladellapergola.com . www.giardinidivilladellapergola.com .  Tel:  +39 0182 646130.

LABORATORIO-AGRUMI-2017

Pubblicità

Bulbi in festa: giardinaggio per bambini

Per l’Ottobrata romana ed in vista della giornata internazionale dell’Habitat siamo lieti di invitarvi Domenica 1 ottobre alle attività autunnali all’aria aperta per grandi e piccini dell’Hortus Urbis, l’orto antico romano nel Parco dell’Appia Antica.

Alle ore 11 e alle ore 12 – BULBI IN FESTA, a cura di Hortus Urbis e Floriana Bulbose

Laboratorio per sporcarsi le mani dedicato al giardinaggio e in particolare ai anemoni, allium, zafferano e altri bulbi. I bambini potranno interrare insieme i bulbi e partecipare alla creazione delle nuove aiuole dell’orto e portare a casa un bulbo in vasetto da curare.

  • Tutte le età (3 anni in poi)
  • Durata: circa 45 minuti

ISCRIZIONE
E’ fortemente consigliata l’iscrizione con pagamento anticipato (8 euro a bambino o 6 euro con la Carta amici del Parco) all’indirizzo email hortus.zappataromana@gmail.com, (le iscrizioni dovranno pervenire entro le ore 12.00 del 29 settembre. Riceverete una email con le indicazioni per il pagamento). Sul posto l’iscrizione potrà avvenire solo per gli eventuali posti rimanenti, senza prenotazione, al costo di 10 euro a bambino (8 euro con la Carta amici del Parco).

Vedi la locandina e i dettagli del programma completo: www.hortusurbis.it

Si ricorda che l’area è dotata di zona pic nic per coloro che volessero trattenersi anche per il pranzo.

bulbi-in-festa

Le erbacce dell’Appia antica

Domenica 1 ottobre 2017

Riscopriamo il piacere di andare in cerca di erbe alimentari spontanee, stare in contatto con la natura, fare salutari passeggiate e variare la dieta scoprendo nuovi sapori e alimenti che spesso possiedono anche composti importanti per il nostro organismo e per la nostra salute.

Si propone un percorso didattico che consentirà ai partecipanti di imparare non solo a riconoscere le piante spontanee di interesse alimentare della Campagna romana, ma anche a raccoglierle nel modo e nel periodo giusto e a come utilizzarle in cucina.

La passeggiata terminerà con assaggi di pietanze preparate utilizzando proprio le piante spontanee osservate durante la passeggiata.

Lezione su campo tenuta da Giovanni Salerno, florista ed etnobotanico; assaggi a cura di EU’S il buono fatto bene.

  • Si consiglia di portare una bottiglietta di acqua e scarpe comode e adatte al clima.
  • Sede: Hortus Urbis, via Appia Antica 42/50, Roma
  • Posti limitati
  • Orario 9 – 13
  • INFO: hortus.zappataromana@gmail.com

ISCRIZIONE
E’ fortemente consigliata l’iscrizione con pagamento anticipato (35 euro a persona + 5 euro di Carta Amici del Parco) all’indirizzo email hortus.zappataromana@gmail.com, (le iscrizioni dovranno pervenire entro le ore 12.00 di venerdì 29 settembre. Riceverete una email con le indicazioni per il pagamento).

Vedi la locandina e i dettagli del programma completo: www.hortusurbis.it

Si ricorda che l’area è dotata di zona pic nic per coloro che volessero trattenersi anche per il pranzo.

erbacce

Green City Milano

A Milano dal 22 al 24 settembre, la natura entra in città.

Per tre giorni, cittadini, associazioni, comitati, aziende trasformano spazi aperti e aree verdi, giardini e parchi, conosciuti o nascosti, grandi o piccoli, pubblici o privati, per farne luoghi di condivisione, di progetti, di laboratori, di incontro, di festa. Naturalmente verdi.

green-city-milan

Siamo arrivati alla terza edizione di Green City Milano e non posso che ringraziare i cittadini e le associazioni che hanno organizzato oltre 500 eventi in tutta la città. Sarà un’occasione per raccontare la strada che Milano sta intraprendendo dal punto di vista del verde, e ci tengo a sottolineare alcuni aspetti importanti. Il verde a Milano sta crescendo. Lo sta facendo dal punto di vista quantitativo, perché oggi abbiamo 24 milioni di metri quadri di verde fruibile e nei prossimi mesi verranno completati gli interventi per la Biblioteca degli Alberi, il parco di City Life e quello al Quartiere Adriano. Grazie alla riqualificazione degli scali ferroviari dismessi avremo altri 700 mila mq di verde: nasceranno infatti 7 nuovi parchi, 3 dei quali tra i 15 più grandi della città. Si tratta del più grande cambiamento che ci accompagnerà verso la Milano del 2030, ed anche per questo abbiamo scelto di aprire Green City Milano 2017 con un evento di confronto con altre città europee. Il tema del verde va necessariamente integrato con il Piano Periferie: nel programma avranno grande rilevanza le iniziative di riqualificazione di Piazza Rimembranze di Lambrate, la pulizia e la festa al Boschetto di Rogoredo a cura di Italia Nostra e Legambiente, l’apertura del nuovo giardino condiviso al Giambellino. Sono tutti interventi che possono rappresentare un miglioramento qualitativo per la socialità e vivibilità dei quartieri in cui si contestualizzano. Sta via via cambiando, infine, anche il modo di gestire il verde grazie al coinvolgimento diretto dei cittadini. Dai condomini che adottano le aiuole davanti al loro portone, alle associazioni che si fanno carico dei giardini condivisi e degli orti, Milano oggi può contare sull’impegno civico di tanti che rende la nostra una città speciale.

Pierfrancesco Maran
Assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura del Comune di Milano

Greenbook e Parolario a Bergamo

Prima volta di GreenBook e Parolario a I Maestri del Paesaggio (imaestridelpaesaggio.it), la manifestazione che da sette anni porta a Bergamo i migliori progettisti del paesaggio e le espressioni più interessanti del landscaping internazionale. Dal 7 al 24 settembre, Bergamo sarà al centro della cultura del paesaggio, e la bellissima piazza-gioiello di Bergamo Alta diverrà ancora una volta emblema di una riflessione attraverso un esercizio e un allestimento temporaneo.

 La manifestazione è organizzata dall’Associazione Arketipos insieme al Comune di Bergamo con il sostegno di Regione Lombardia, Camera di Commercio, Fondazione Lombardia per l’Ambiente, Università degli Studi di Bergamo, Parco dei Colli di Bergamo e quest’anno del Consolato Paesi Bassi in Italia.

 

Obiettivo di GreenBook è quello di porre l’accento sui temi del verde, del giardino, della sostenibilità, del paesaggio dando voce ai libri e ai suoi autori. Quindi, focus sulle novità dell’editoria italiana di settore e avvicinamento alla lettura attraverso gli incontri con gli scrittori come è nella mission dell’Associazione Parolario che da diciassette anni organizza con grande attenzione di pubblico l’omonimo festival letterario a Como.

 

Gli incontri organizzati sono undici e tra gli ospiti ci saranno il neurobiologo Stefano Mancuso, il professor Renato Bruni dell’università di Parma, il filosofo Massimo Venturi Feriolo, Simonetta Chiarugi e Camilla Zanarotti, Giordano Giannini, autore di numerosi libri sul tema cinema e arte, il fotografo Dario Fusaro, il giornalista Maurizio Dematteis, Laura Sabrina Pelissetti, presidente ReGiS – Rete dei Giardini Storici e Lionella Scazzosi del Politecnico di Milano, Guido Giubbini, storico dei giardini, Francesco Ferrini professore di Scienze Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente dell’Università di Firenze, Laura Pirovano, filosofa, paesaggista e autrice del blog Giardini in Viaggio. Alcuni incontri saranno condotti da Alfredo Tomasetta, il responsabile della sezione filosofica di Parolario.

 In collaborazione con la Libreria della Natura (Milano).  

Ingresso libero

 

Programma

 

9 settembre ore 11.30

Laura Sabrina Pelissetti con Lionella Scazzosi                                                   

Il GIOCO nel GIARDINO e nel PAESAGGIO (edizioni Regis, 2017)

La pubblicazione, curata da Laura Sabrina Pelissetti, presidente ReGiS – Rete dei Giardini Storici – e da Lionella Scazzosi, Politecnico di Milano, Dip. ABC, Laboratorio PaRID tratta sia l’evoluzione storica dell’intrattenimento e del loisir nei giardini delle ville nobiliari sia le aree-gioco in siti storici, o contemporanei, con riflessioni e analisi delle problematiche di gestione e conservazione.

 

9 settembre ore 17.30

Renato Bruni

Le piante son brutte bestie. La scienza in giardino (Codice Edizioni, 2017)

Dopo aver ereditato un giardino di città, un botanico da laboratorio inizia a osservare aiuole, prati e vasi con lo sguardo della biologia, della chimica, dell’ecologia e della ­fisica e imparando sul campo che le piante non sono le creature semplici e angelicate che crediamo.

Renato Bruni è professore associato in Botanica/Biologia farmaceutica al dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’Università di Parma.

bruni-renato
Renato Bruni

10 settembre ore 11.30

Massimo Venturi Ferriolo dialoga con Alfredo Tomasetta

Paesaggi in movimento. Per un’estetica della trasformazione (Derive&Approdi, 2017)

Una domanda ritorna con regolarità: cos’è il paesaggio? Il nome e la cosa appartengono a una realtà in movimento: i luoghi perdono man mano la loro leggibilità e noi non governiamo più i nostri paesaggi, omologati dal mercato e dalla globalizzazione. La speculazione edilizia li degrada. Il paesaggio sarebbe dunque perduto?

Venturi Feriolo, filosofo, è membro del comitato scientifico della Fondazione Benetton Studi Ricerche.

 

10 settembre ore 17.30

Simonetta Chiarugi e Camilla Zanarotti

Più orto che giardino. Come coltivare verdure felici e fiori gentili (Mondadori Electa, 2016)

Basta essere curiosi, dotati di un po’ di manualità e seguire buoni consigli e istruzioni precise. Ecco come coltivare un orto bello, utile ed ecologico in sintonia con la natura, dove fiori, insetti e altri animali utili collaborano a far crescere sane le piante.

Simonetta Chiarugi e Camilla Zanarotti si occupano di garden design.

 

10 settembre ore 18.15

Francesco Ferrini

Amico Albero. Ruoli e benefici del verde nelle nostre città (e non solo) (Edizioni ETS, 2017)

Negli ultimi anni è cresciuta notevolmente la percezione degli spazi verdi come mezzo per sostenere una vita sana nelle aree urbane. Il libro presenta i dati più recenti sugli effetti benefici del verde urbano, come il miglioramento della salute mentale, la ridotta morbilità e mortalità cardiovascolare, e gli effetti positivi riguardo all’inquinamento atmosferico, a cambiamenti climatici, al rumore e al calore in eccesso.

Francesco Ferrini è Professore ordinario del Dipartimento di Scienze Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente dell’Università di Firenze.

 

****

22 settembre ore 11.30

Giordano Giannini

Cinema e Giardini (Angelo Pontecorboli Editore, 2017)

Avvicinarsi al cinema attraverso il percorso alternativo dell’Arte, della Letteratura e del Mito e focalizzandosi su tre pellicole corrispondenti ad altrettante epoche e concezioni del giardino: “Addio, fratello crudele” (1971) di Giuseppe Patroni Griffi, “Angeli e insetti” (1995) di Philip Haas e l’incantevole “La maschera” (1988) di Fiorella Infascelli.

Giordano Giannini collabora a progetti cinematografici ed è autore di numerosi libri sul tema cinema ed arte.

giannini-giordano
Giordano Giannini

22 settembre ore 17.30

Dario Fusaro (fotografia) dialoga con Camilla Zanarotti (testi)

Pietro Porcinai e il paesaggio (edizioni Libreria della Natura 2017)

“La nostra sopravvivenza” sosteneva Pietro Porcinai “è legata al paesaggio. Dobbiamo fare in modo che i nuovi paesaggi tornino a essere formati come furono quelli di Firenze antica, di Siena antica, di Venezia antica. Il paesaggio riflette sempre, infatti, la qualità di un ordinamento sociale e la società che non ha rispetto per la Natura terrestre non ha rispetto nemmeno per la natura umana.”

 

22 settembre ore 18.30

Laura Pirovano dialoga con Silvia Ghirelli

Disegnare il giardino con le piante (Biblion edizioni – collana Dendron 2017)

 

Il volume è un agile strumento per affrontare la progettazione del giardino utilizzando al meglio le piante attraverso i criteri di base del plant design, passando in rassegna in primo luogo le caratteristiche e le modalità di utilizzo di diverse tipologie di piante: piccoli alberi, arbusti, rampicanti, tappezzanti, erbacee perenni ed erbe ornamentali. Inoltre 4 tavole botaniche (arbusti, rampicanti, tappezzanti ed erbacee perenni) dove per ogni pianta vengono individuate: esposizione, persistenza delle foglie, portamento, utilizzo, colore e stagione di fiori, frutti, foglie e rami. Per i fiori viene segnalato il profumo e la capacità di attrarre le farfalle.

 

****

23 settembre ore 11.30

Guido Giubbini dialoga con Alfredo Tomasetta

Il giardino degli equivoci. Per una controstoria del giardino da Babilonia alla Land Art. (Derive&Approdi, 2017)

Da Versailles all’Isola Bella sul Lago Maggiore, da Villa d’Este ai paesaggi di Piemonte e Liguria, dall’Uzbekistan all’Inghilterra, questo libro è un viaggio sulle forme storiche e architettoniche di quello spazio fatto di verde, acqua, luce, inserito in un ambiente e chiamato «giardino». Guido Giubbini è ispettore della Direzione Belle Arti del Comune di Genova e fondatore del Museo d’Arte Contemporanea di Genova.

 

23 settembre ore 17.30

Stefano Mancuso dialoga con Alfredo Tomasetta

Plant Revolution. Le piante hanno già inventato il nostro futuro (Giunti Editore, 2017)

Vere e proprie reti viventi, capaci di sopravvivere a eventi catastrofici senza perdere di funzionalità, le piante sono organismi molto più resistenti e moderni degli animali. Se vogliamo migliorare la nostra vita non possiamo fare a meno di ispirarci al mondo vegetale.

Stefano Mancuso, Scienziato e professore all’Università di Firenze, dirige il Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (LINV).

****

 

24 settembre ore 11.30

Maurizio Dematteis

Via dalla città. La rivincita della montagna. (Derive & Approdi, 2017)

Il libro affronta e tratta il fenomeno del «ritorno alla montagna» dove sono nati progetti di vita innovativi, basati su modelli alternativi di sviluppo nel campo della green economy e progetti che seguono i concetti della soft economy basata sulla conoscenza e sull’innovazione, ma anche sull’identità, la storia, la creatività, la qualità.

Maurizio Dematteis, giornalista, dirige l’Associazione Dislivelli ed è direttore responsabile della rivista web mensile Dilsivelli.eu.

 

 

 

 

Per informazioni

Paola Carlotti/Chiara Lupano

Associazione Culturale Parolario

Tel +39.031301037 – +39.3357059871 – +39.3357835403

www.parolario.it

Garden Festival d’autunno

Dal 23 settembre al 15 ottobre torna il Garden Festival d’Autunno promosso da AICG (Associazione Italiana Centri Giardinaggio), con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole.

Un’iniziativa nazionale che coinvolgerà più di 100 Centri di Giardinaggio in tutta Italia e che avrà il suo clou nei weekend del 23-24 settembre e del 14-15 ottobre, durante i quali i Garden Center proporranno le iniziative e gli eventi più importanti.

Tra gli obiettivi dell’iniziativa: presentare la magia della natura in autunno, far comprendere a curiosi e appassionati di giardinaggio come i mesi autunnali siano ideali per mettere a dimora le piante e i bulbi, per la cura e la bellezza dei propri spazi verdi – piccoli o grandi che siano -, svelare i segreti delle piante di questa stagione e far conoscere la bellezza di nuove varietà di piante, concentrando l’interesse su graminacee, frutti minori e frutti antichi, piante da bacca, erbacee perenni, far comprendere il fascino di un giardino in continuo mutamento di forme e colori, non solo durante la bella stagione.

Questa seconda edizione del Garden Festival d’Autunno sarà dedicata in particolare alla piantumazione tutta autunnale dei bulbi a fioritura primaverile, da quelli più tradizionali come tulipani – nani, a stelo lungo, a fiore doppio o multiplo -, narcisi, giacinti, crocus, allium… a quelli più originali come anemoni, muscari, freesie, iris, nerine, zantedeschia, scille, frittilarie…

Garden Festival d'autunno

Ma sono molte le piante che garantiscono effetti straordinari anche in autunno e che verranno promosse durante il Garden Festival d’Autunno: tra di esse, l’Hydrangea quercifolia, un’insolita ortensia con foglie che ricordano quelle della quercia; il Melograno wonderful, con una fioritura stupenda e prolungata che regala bellissimi frutti in autunno; l’uva, che non ha bisogno di presentazioni; il Parthenocissus, splendidi rampicanti le cui foglie in autunno assumono colorazioni accese e spettacolari; il Loropetalum chinensis, arbusto che fino ad autunno inoltrato ha foglie e fiori colorati; la Muhlenbergia capillaris, graminacea che produce spighe di colore rosa, soffici e vaporose; l’Anemone hybrida, che regala fiori bianchi o rosa tra agosto e ottobre; l’Heuchera, erbacea perenne tappezzante con foglie di diversi colori; il Carpinus betulus, le cui foglie in autunno divengono di un appariscente colore rosso scuro-aranciato.

Il Garden Festival d’Autunno proporrà anche laboratori e aiuole dimostrative, con suggerimenti di composizioni originali per ottenere anche in autunno effetti sorprendenti abbinando piante differenti per colori, forme, fioriture e fogliame.

AICG ha inoltre realizzato un nuovo video tutorial con il contributo di Tiziana Sanna, blogger esperta di giardinaggio (http://furigheddagardening.blogspot.it), che spiega cosa bisogna fare per avere un bel balcone fiorito in autunno (il video sarà disponibile online sul canale Youtube dell’Associazione in occasione dell’inizio del Garden Festival d’Autunno).

Il Garden Festival d’Autunno non si rivolge solo ai grandi ma intende coinvolgere in maniera attiva anche i bambini, i futuri appassionati di giardinaggio! Proprio a loro sarà rivolto il rinnovato laboratorio “Pianta un bulbo”. I bimbi saranno invitati a decorare un vasetto di terracotta, piantare all’interno il bulbo, nell’attesa a mettere a dimora sulla superficie qualche piantina di viole del pensiero…. Potranno così godere della fioritura invernale delle viole e a primavera gioire della sorprendente esplosione dei bulbi che si staglierà all’interno di un cuscino fiorito.

Inoltre, dopo i risultati positivi dell’iniziativa “Margherita per AIRC” che ha consentito di finanziare un’annualità di una borsa di studio per una giovane ricercatrice, AICG ha scelto di sostenere nell’ambito del Garden Festival d’Autunno la Campagna “Nastro Rosa AIRC”: per tutto il mese di ottobre e per ogni bulbo di colore rosa a fioritura primaverile, i Centri Giardinaggio aderenti devolveranno 1 euro a sostegno della ricerca contro il cancro al seno dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.  Anche i clienti potranno sostenere la campagna con una donazione di 2 euro, per la quale riceveranno la spilletta del nastro rosa, simbolo universale della lotta al tumore al seno.

Per l’elenco di tutti i Centri Giardinaggio aderenti all’iniziativa Garden Festival d’Autunno 2017 consultare il sito www.aicg.it

 

Laboratorio-bimbiB

AICG

E’ un ente senza scopo di lucro – con sede a Verona – costituito nel 2012 per sviluppare una identità professionale e un processo virtuoso di sviluppo delle aziende che operano nel settore specializzato del giardinaggio e florovivaismo (centri di giardinaggio o Garden Center).

L’Associazione ha lo scopo di tutelare, qualificare, promuovere e sviluppare la cultura del verde all’interno dei centri giardinaggio.

Ad oggi i Centri di Giardinaggio aderenti all’AICG sono 113.

Per informazioni:

AICG Associazione Italiana Centri Giardinaggio

www.aicg.itsegreteria@aicg.it – tel. 0458241903 oppure 0458241907

100 sfumature di viole

La mostra itinerante nei centri di giardinaggio del Centro-Nord Italia

Un’occasione unica per scoprire viole in più di 100 colori tutte fiorite contemporaneamente

 

Viola, viola del pensiero, violetta… sono molti i modi con cui ci riferiamo a questo fiore, uno dei più conosciuti e amati, fonte di ispirazione per poeti, scrittori, pittori grazie alla sua bellezza e delicatezza.

Il significato che la viola ha assunto nel corso degli anni in tutto il mondo è quello di un invito a pensare alla persona da cui è stata ricevuta: donare una viola significa “pensa a me”.

Quindi chi non vorrebbe avere un balcone o un prato fiorito  di viole anche in pieno inverno?

Lemon-Swirl_m

La bella mostra itinerante “100 sfumature di viole, che si terrà in diversi centri di giardinaggio del Centro-Nord Italia nei weekend a partire dal 23 settembre fino al  5 novembre, propone tantissime idee per un inverno fiorito e un’esplosione di colori in primavera!

 

La mostra, alla sua prima edizione, sarà l’occasione unica per ammirare insieme viole in più di cento colori differenti e originali – porpora, giallo-viola, viola occhio bianco, blu lavanda, terracotta cangiante, miele, pesca melba, giallo oro, arancio violetto, rosa fragola, sole di mezzanotte, denim… solo per citarne alcuni – , tutte fiorite contemporaneamente.

 

L’obiettivo della mostra, oltre che culturale,  è divulgativo: il pubblico verrà condotto alla scoperta di nuove varietà di viole, con l’aggiunta di suggerimenti ed esempi per la composizione di vasi o aree fiorite, e con curiosità e informazioni sulla loro coltivazione.

Ad esempio: sapevate che le viole resistono al gelo dell’inverno?

 

In mostra, quattro famiglie differenti di viole:

–          Miniviole (Viola x wittrockiana): sono Viole del pensiero a fiore medio-piccolo (3-4 cm) a portamento strisciante tappezzante. Sono la migliore varietà di viole per aiuole e prati, fioriscono anche col gelo e resistono molto bene sotto la neve. Ogni pianta porta una grande quantità di fiori che, anche se bagnati, non si piegano e dunque rimangono belli anche dopo la pioggia.

–          Miniviole ricadenti ® (Viola x wittrockiana): sono viole del pensiero a fiore medio-piccolo (diametro 3-4 cm) con portamento ricadente. Ogni pianta può portare centinaia di fiori ed è perfetta per abbellire finestre e balconi. Fioriscono durante l’inverno, sono molto resistenti alle intemperie e non temono il gelo.

–          Viole del pensiero: a fiore medio (5-10 cm) e grosso (8-12 cm), sono conosciute anche come Viole pansè, hanno portamento tappezzante e sono resistenti al gelo. Sono apprezzate in tutto il mondo per i loro colori vivaci, per i loro contrasti di sfumature e per le loro forme particolari. Per le aiuole vanno meglio le viole a fiore medio, mentre per i balconi sono consigliate quelle a fiore grosso.

–          Viole cornute: a fiore piccolo (2-3 cm), con portamento tappezzante, resistenti al gelo, disponibili in moltissimi colori e forme differenti del fiore. Ogni pianta porta moltissimi fiori che creano un cuscino colorato. Oltre ad essere le viole più precoci a fiorire, garantiscono una discreta resistenza alle intemperie proprio perché il fiore piccolo, essendo leggero, non soffre particolarmente il vento ed il peso dell’acqua.

 

Tutte le viole esposte saranno anche in vendita.

 

Per informazioni e per l’elenco dettagliato dei Garden Center che ospiteranno la mostra:

www.100sfumaturediviole.it

viole-del-pensiero-colori-speciali_m

I 25 anni del Germoglio

25 anni fa nasceva la Cooperativa Sociale IL GERMOGLIO ONLUS con l’obiettivo di offrire opportunità di lavoro a persone svantaggiate attraverso la cura del verde. Un’idea fortemente sostenuta dai soci fondatori che ha trovato continuità grazie alla sensibilità e al coinvolgimento delle perone che ad essi si sono affiancate.

“Se si sogna da soli è solo un sogno, se si sogna in tanti diventa realtà” diceva Voltaire e così è stato: oggi, dopo 25 anni, l’attività de IL GERMOGLIO si è fortemente evoluta e specializzata, grazie alla nascita del Garden Center e delle divisioni dedicate agli impianti sportivi, ai giardini pensili e all’installazione di piscine. Un partner a 360 gradi per la creazione, la cura e la manutenzione di qualsiasi spazio verde. Anche durante il recente periodo recessivo, la Cooperativa ha incrementato i livelli occupazionali riuscendo a bilanciare la diminuzione di fatturato con gli Enti Pubblici con l’aumento dell’attività a favore di aziende e privati.

Oggi IL GERMOGLIO sta dando occupazione a 65 persone, delle quali 15 considerate svantaggiate, è in crescita e sta conquistando sempre nuova clientela ampliando il bacino d’utenza.

foto-personale

Per festeggiare il traguardo dei 25 anni, domenica 17 settembre  IL GERMOGLIO organizza nella sede di via Cornarotta a Robegano (VE) un incontro con oltre 400 invitati tra soci, dipendenti, familiari, clienti, fornitori, istituzioni, altre cooperative e associazioni. Nel corso della festa, Massimo Stevanato, presidente de IL GERMOGLIO, presenterà il Bilancio Sociale 2016, con il quale la cooperativa rende conto del proprio operato degli ultimi 5 anni in termini di ricchezza distribuita a favore dei vari interlocutori del territorio.

Il programma dell’evento prevede anche una tavola rotonda, moderata dal dott. Andrea Sales, che coinvolgerà rappresentanti dei vari interlocutori con i quali la cooperativa quotidianamente si confronta, al fine di approfondire il valore e lo stile del suo operato, con particolare riferimento all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate e all’essere impresa cooperativa nel mercato attuale.

“Il Bilancio Sociale –spiega il presidente de IL GERMOGLIO, Massimo Stevanato -, è un modo di rendere chiaro e comprensibile la complessità della realizzazione della nostra mission in un progetto così ampio, conseguito attraverso scelte ed attività che hanno caratterizzato la storia della nostra Cooperativa. In occasione del 25° anniversario torna ancora più forte l’esigenza di ricordare che IL GERMOGLIO nasce dalla volontà più intima e profonda di sedici soci fondatori che avevano l’obiettivo e lo scopo di offrire posti di lavoro a persone diversamente abili. Queste persone hanno fondato Il Germoglio su qualcosa che negli anni, non solo non è più stato dimenticato, ma è diventato radice e principale attenzione per tutti Noi: il valore umano”.

 

Per informazioni. www.ilgermogliocoop.itinfo@ilgermogliocoop.it

Spunta la zucca

Improvvisamente me ne accorgo. Come sempre la flora è più veloce di me. E l’orto mi ha regalato questa zucca che spero cresca bene. Finalmente l’orto si colora di frutti. Ne avevo proprio bisogno di vederli.

La zucca mi dà l’idea di qualcosa di addormentato. Un dolce e squisito sonno nell’orto. Anche se so che non è così, ma esattamente l’opposto. Eppure a vederla lì adagiata tra l’origano, mi sembra proprio la testa di una sorta di gigante buono che fa il suo pisolino.

In realtà si trasformerà in carrozza. Mah…

gs1158-zucca

Niwaki porte aperte

Porte Aperte 17/9 – Anzano del Parco – Como – h.10.00 – 18.00

NIPPON TREE, vivaio unico in Europa per specificità e qualità del prodotto, di solito fruibile ai soli professionisti del settore, aprirà le porte al grande pubblico nell’ambito della 2° edizione dell’evento annuale PORTE APERTE. Sarà l’occasione per festeggiare i 20 anni di attività e contestualmente presentare l’uscita del nuovo Catalogo.

Per l’occasione l’ospite d’onore il maestro giapponese Hiromi Hoshi, celebre giardiniere tradizionale, eseguirà una dimostrazione di potatura e legatura di un macrobonsai (niwaki).

niwaki-porte-aperte

Ortoterapia

Sabato 16 settembre ore 10:30

Inaugurazione della I° parte di allestimento del parco VASCA S.E.B.

Ortoterapia percorso museale e ambientale multi sensorialità

L’ex vasca di accumulo delle acque della Società Elettrica Bresciana è stata investita da un ricco progetto di valorizzazione. Un percorso multisensoriale ed esperienziale porterà alla scoperta della passata funzione del sito, del patrimonio paesaggistico e naturalistico e della sua importanza storica, come tassello della “rivoluzione idroelettrica” avvenuta in Valcamonica all’inizio del ‘900.

Un progetto che si è sviluppato avvalendosi di ricerche d’arte contemporanea e dell’ortoterapia (disciplina che cura la salute attraverso l’orticoltura)  per progettare un reinvestimento fatto di esplorazione, relazione e scoperta.

Un percorso a passerelle vi condurrà nelle condotte forzate, l’allestimento 3D vi farà riscoprire i vostri occhi, quello sonoro darà nuovo valore allo spazio e all’ascolto e la guida botanica vi permetterà di conoscere le specie spontanee insediatesi nel sito. La nascita di un orto-giardino terapeutico vi calerà nel paesaggio come non lo avete mai vissuto…..e in un progetto sociale tutto da scoprire!

Il programma della manifestazione:

In mattinata:
ore 10:30/11:00 con l’Amministrazione Comunale e Associazione P.I.R. presentazione del progetto di allestimento – avvenuto e in procinto di realizzazione- e delle attività 2018;
ore 11:00/12:30 a gruppi sarà possibile effettuare la visita guidata al sito(gratuiita su prenotazione fino a esaurimento posti).

Presso Parco Vasca SEB Loc. RUC. Novelle di Sellero (BS).
Il sito è facilmente raggiungibile a piedi dalla stazione ferroviaria di Cedegolo con una escursione di 15 minuti. Potete farla in autonomia seguendo i cartelli segnaletici del sentiero Da-a e per chi volesse fare la passeggiata in compagnia, il ritrovo è presso la stazione ferroviaria di Cedegolo alle 10:00.
Nel pomeriggio:
ore 14:30/15:30 sarà possibile effettuare la visita guidata alle ex fornaci da calce SEFE oggi Centro 3T e all’orto verticale in lana allestito sulla fornace Sud.
Presso Centro 3T Via Scianica 6 Sellero (BS).
Per chi viene dalla provinciale uscita Sellero, al primo semaforo svoltare a sinistra e subito a destra, costeggiare la ferrovia per duecento metri e vi troverete all’ingresso del parco delle fornaci.
Per informazioni
in merito al programma, gli spostamenti tra i siti e il pranzo potete scriverci all’indirizzo centro3t@gmail.com o telefonarci al 348-0068206, 349-7921873.
ortoterapia

Melone mini

Trovandolo con il gambo ormai del tutto staccato, non ho potuto fare a meno di raccoglierlo. Cosa mi aspettavo da un melone così piccolo? Che fosse buono. E buono e dolce era. Coltello da cucina. Taglio. Via i semi. E tante fettine piccole piccole.

gs1156-melone-mini

Sapete, magari uno pensa: “Mi mangerei un melone. Ma un melone intero è troppo”.

Ecco all’ora il melone mini.

Me lo godo in velocità. Due fette a me, due ai bambini, due a mia moglie… finito!

gs1156-melone-mini-tagliato