L’albero in miniatura

Che sarebbe un bonsai. Comperato alla Coop con lo sconto.
Regna sovrano sopra ad un tavolino di mio nonno, impreziosito da un centrino di pizzo, stagliandosi sullo sfondo bianco delle tende del salotto.

Il bonsai deriva dalla tradizione giapponese. Questi giapponesi sono tremendi. Una cultura che ha sempre avuto per me un fascino inspiegabile e attrattivo: dai samurai ad Akira, passando per Ken Ishii e T. Kitano.
Cosa significa per me quel bonsai?

La dico così come l’ho appena pensato. Per me significa che “il mondo può finire”.
E ti ritrovi rintanato nella tua casa – che è diventato un bunker – circondato da tanti alberelli ché ormai quelli veri e grandi non ci sono più. E tu conservi i tuoi bonsai per ricordare che una volta esistevano degli alberi grandi, enormi, altissimi. Ma adesso ci sono solo i bonsai. Topos della letteratura fantascientifica: il mondo dopo un flagello atomico. Pochi sopravvissuti, la Natura distrutta e ridotta al nulla. Speriamo di no, che sia solo una favola dal significato apotropaico. Penso al peggio per scongiurare il peggio. Avete presente quelle facce assurde nei palazzi del sette-ottocento nelle nostre città? Solitamente posti sopra agli archi d’entrata delle case dei nobili? Significato apotropaico. Tenere lontani demoni e spiriti maligni. Il sonno della ragione genera mostri. Anche dopo l’illuminismo, il progresso tecnologico, il metodo razionale e scientifico, rimaniamo affascinati e intimoriti (paura + bellezza = sublime) da qualche nostra paura nascosta. E ci crediamo, anche se sappiamo che non è vero. Ma già con il crederci una cosa diventa vera.
Da dov’ero partito? Dal bonasi… com’è piccolo il mondo – figuratevi il mio giardino 😉

A presto e scusatemi per questo improvvisato pastiche.

bonsai

Annunci

2 pensieri riguardo “L’albero in miniatura

  1. In realtà l’origine dei bonsai è cinese, perfezionata in seguito dai giapponesi.
    In un mio viaggio di lavoro in Cina svariati anni fa, era ancora vivo Mao,ho avuto modo
    di visitare una specie di museo dei bonsai cinesi,indescrivibile la bellezza.
    Interi giardini e boschi riprodotti tutti in maniera bonsai,dalle più piccole erbe spontanee ai grandi alberi, frutteti in miniatura con i loro frutti tutto vero,tutto incredibile ed affascinante.
    Mai sono riuscita a tenere in vita un bonsai,ora me ne hai fatto tornare la voglia
    ci riproverò.
    Liliana

  2. Ciao Liliana, grazie del commento – e chiedo scusa della mia ignoranza e della superficialità nel non essermi documentato. Ma a volte è così, mi piace “non conoscere” per essere più libero di immaginare 🙂 Dovrai però ammettere che i Giapponesi sono bravi a prendere pezzi delle cultura altrui e farsela propria. Detto ciò mi fa piacere che ti si ritornata la voglia di tenere in vita un bonsai, chissà che ci riuscirai. A presto,
    Davide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...