LIMITE di Serge Latouche

Avete presente quei grafici che continuano a salire? Quelli che nelle pubblicità più ridicole sfondano il foglio e salgono oltre?
Avete presente la trama di molti film/romanzi/disegni animati di fantascienza, dove l’umanità si è trovata un posto oltre la Terra dove vivere? Pensate ad esempio a Wall-e della Pixar. Lo sviluppo, la crescita illimitata, prevede che l’umanità debba espandersi nell’universo per poter sopperire alla mancanza di risorse e mercati che un simile assioma di sviluppo presuppone. È comunque uno sviluppo esteriore – tecnologico – quello di noi occidentali, che ridiamo o guardiamo – ma sarebbe adesso il caso di dire guardavamo – con un sorriso di ironia alla concezione di sviluppo interiore professata da religioni orientali e popoli che oggi hanno abbracciato il nostro occidentale assioma di sviluppo – tra parentesi, è lapalissiano, insostenibile.

Dunque questo saggio di Latouche cade a fagiolo – visto che siamo nel blog dell’orto tanto vale giocare anche con le parole!

Pensate a molte di quelle frasi assertive che vedete o leggete nella pubblicità televisiva, nei giornali o nelle affissioni lungo le strade: sfidare i limiti, andare oltre, trasgredire.

Passare il limite
Continuamente ripetute fino alla nausea, canticchiate nei gingle, riproposte in infinite salse… i limiti che abbiamo passato – dice Latouche – sono limiti non solo geografici, ma geopolitici, antropologici, etici, simbolici. E l’andare oltre è diventato sinonimo di dominio – sì, stanno già pensando di andare su Marte o anche più in là, come in un racconto di fantascienza.

Evidenziando il carattere utopico della nostra concezione di sviluppo e progresso senza confini, Latouche propone e auspica una “auto-limitazione”. Che non è da intendere con connotazioni negative. Ma proprio il contrario. Ristabiliamo un perimetro etico che ci liberi da quella “ragione geometrica” che vorrebbe tecnica e scienza come nuova divinità da seguire incondizionatamente. Molte nuove tecnologie – come gli ogm – pongono più problemi di quanti vorrebbero risolvere – ma lo stesso discorso vale anche per quei prodotti della rivoluzione chimica in agricoltura che circa cinquant’anni fa avrebbero dovuto eliminare il problema della fame nel mondo – Fukuoka docet.

Auto-limitandoci non ci impoveriamo – più di quanto ci siamo impoveriti oggi.
Limitarsi significa responsabilizzarsi. Godere di quello che si ha. Volgere il nostro orizzonte a pratiche di “frugalità felice”.
Possiamo invertire la rotta?

Buona lettura.

LATOUCHE, SERGE, Limite, Boringhieri, Torino 2012, p. 113.

Limite di Serge Latouche

6 thoughts on “LIMITE di Serge Latouche

  1. Abbiamo molte possibilità tecnologiche a disposizione, ma troppe volte equivochiamo con il progresso la nostra capacità di costruire cose nuove.
    Se costruiamo case e capannoni ma poi quando piove siamo allagati, se siamo contenti che il nostro “ai-coso” funziona bene ma ci sono operai sfruttati, se a Pechino come a Taranto l’aria fa schifo non è un progresso.
    Ci manca molto per diventare responsabili, ma è la nostra unica via di uscita.

  2. è molto bello ed emozionante, a questo proposito, il discorso del Presidente dell’ Uruguay al G 20 in Brasile, nel giugno 2012. se lo hai perso, si può trovare su youtube. è proprio bello.

  3. Reblogged this on l'esploratore and commented:
    trovo che l’opera di Serge Latouche e il suo parlare semplice, chiaro e cristallino sui comportamenti dell’uomo che viene spinto da forze oscure e sinistre oltre i limiti di sè stesso, credendo scioccamente di poter raggiungere la perfezione di sè (anche se non si capisce in nome di cosa) semplicemente premendo sull’acceleratore della sua vita, siano pura e semplice follia. Io l’ho preso come uno degli esempi per guardare il mondo con uno sguardo diverso dal solito, più critico e ragionevole. E non delude.

  4. @ Enrico: Grazie Enrico, apprezzo molto il tuo commento e mi fa estremamente piacere sapere che ci sono sempre più persone che cominciano a pensare in termini di sviluppo sostenibile, dimenticando quegli assurdi grafici con frecce che puntano sempre e soltanto in alto e facendosi portatori di un “ritrovato buon senso”.
    A presto,
    Davide

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...