La cavalletta dipinta

Caldo. Agosto. I frutti maturi nell’orto. Le piante, di sera, con le foglie stremate dal sole, mi chiedono acqua.

Ho appeso questo bellissimo olio su tavola di fronte alla mia scrivania. E lo guardo, come se volessi sfuggire alla morsa del caldo tuffandomi nel dipinto, nelle colline giorgionesche che mi ispirano frescura e sollievo, anche se per un breve attimo.

olio su tavola

La cavalletta in primo piano mi guarda. Anche lei sembra invitarmi ad entrare nel quadro.
Cosa ci sarà dietro quei cespugli? Forse un rivolo d’acqua che porta ad un torrente? O un bosco sacro, non perché contenga templi o altari per cerimonie, ma perché un bosco, già di per sé, è sacro.

Il mio sguardo si spinge oltre, verso quella casa apparentemente disabitata. Non ci sono persone in questo paesaggio. Forse sono in casa? O nei campi a lavorare? O forse a passeggiare tra le verdi colline… E il mio sguardo passa dalla casa alla montagna che si perde all’orizzonte. Lontana, ma sicuramente invitante. Penso alla frescura, lassù sulla vetta, e al panorama che da così in alto si può ammirare.

Pensieri che, per brevi attimi, mi distraggono dal caldo dell’estate.

Il dipinto, senza titolo, è opera di Annalisa Tonin. Realizzato con pittura ad olio su tavola preparata seguendo le tecniche rinascimentali. Dimensioni: 24 x 15 cm.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...