Il fiore dell’aloe

Quando una pianta grassa fa dei fiori è sempre una sorpresa.
Sorpresa perché non ho idea di come saranno questi fiori.
Questi dell’aloe mi hanno stupito. Così non me li sarei immaginati.

E poi i fiori delle piante grasse, quelle con le spine, sono belli perché ti danno l’idea di quanto siano importanti per la pianta, e di come le spine sembrano siano state messe apposta per non cogliere il fiore. Una protezione efficace. Un filo spinato naturale, e dunque bello, felice… perché il filo spinato fatto dagli esseri umani ti fa venire in mente sempre brutti ricordi. Dell’infanzia, quando una volta nel filo spinato mi ci sono impigliato. Il sangue che usciva. I nonni che avevano paura mi fossi preso il tetano.

Dell’età adulta i ricordi sono ancora più cupi. Carceri, luoghi ghettizzati, sia per non far uscire le persone – carceri, centri di accoglienza, basi militari – sia per non farle entrare – certe case in Sud Africa e in Brasile, dove ti proteggi dai pericoli esterni rinchiudendoti in una prigione che chiami casa – ma che società è questa? Un ritorno al medioevo post-contemporaneo, dove il castello è il guscio che ti ripara dalle scorribande di barbari, unni, visigoti, normanni… tu il ricco che vive nel suo fortino, e fuori masse di poveracci disposti a tutto per sopravvivere. Il progresso tecnologico non produce dei miglioramenti a livello etico, al massimo introduce la società delle buone maniere. Il divario tra ricchi e poveri si accentua, come nel Medioevo.

Possibile che mi vengano questi pensieri guardando il fiore dell’aloe?

2 pensieri riguardo “Il fiore dell’aloe

  1. …e spesso, il filo spinato è mentale. E’ quel perenne giudizio verso l’altro quasi a volerci convincere che siamo sempre noi, i migliori.
    Ogni tanto sarebbe opportuno guardare dentro noi stessi, con occhio imparziale.
    I fiori invece, sono tutti bellissimi, quelli della rosa e quelli di campo…in natura c’è spazio per tutti.
    Come vedi, ach’io,ogni tanto, faccio le prediche!
    A presto
    Silvana

  2. Questa notte alle 5 mi ha svegliato il caldo, e così anche io come Silvana, pensavo al filo spinato.
    L’ho visto in Brasile attorno al giardino di palazzi che, invece della portinaia con lo scopettone, hanno ad attenderti un tizio serio che non sorride e ha in mano una specie di mitra, che poi missà che è un mitra vero.
    Anche io sono al di qua del filo spinato? anche se non si vede?
    E tra cinquant’anni come si vivrà in Brasile? E la primavera araba avrà raggiunto l’estate? E in Italia come si vivrà?
    E il tizio col mitra, in cinquant’anni avrà almeno una volta sorriso a uno sconosciuto? Quante volte avrà sparato? Ma forse nessuna…allora avrà passato la vita a guardare quel giardino come se fosse il deserto dei tartari?
    Non c’è più stato verso di dormire…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.