…del tempo di giugno

Non mi dispiace il tempo di giugno, qui a Vicenza. Sole, pioggia, nuovole, qualche breve temporale. Tutto sommato è fresco e piacevole. Un aprile in ritardo direi.
Solo in questi ultimi giorni, con l’arrivo di Scipione l’Africano, è ritornato il caldo, anche un poco afoso…

L’orto se l’è spassata bene, annaffiato dalla pioggia, ed io ho fatto scorta di acqua piovana.
Le colture crescono, e cetrioli e zucchine già si possono cogliere e mangiare. Il pomodoro ha i suoi frutti, ma ancora verdi, le melanzane hanno i loro fiori, i cappucci – anche se un po’ divorati dalle lumache – stanno crescendo. I ravanelli li ho già mangiati e li lascio “fare semenza”. Insalata e rucola sono sempre a disposizione. E la lavanda? Attira api e farfalle a più non posso, ed è pronta per essere tagliata ed essiccata. Anche perché la sua spropositata crescita ha invaso lo spazio di tre pomodori. Li sovrasta e nasconde. Parte dell’origano l’ho già tagliato.

Lo so, giugno non è ancora finito, e a parte questi giorni, si è dimostrato fresco e piacevole.
Chissà che dalla prossima settimana le temperature siano più clementi… mal sopporto il caldo.

Pubblicità