Il cambio della cuticola

O muta, per intenderci. Con termine scientifico ecdisi.
La vecchia cuticola si è sfilata dall’insetto stecco, quasi come un vestito. Una trasformazione che merita di essere fotografata. E qui apro una parentesi.

A mio modo di vedere ci sono due tipi di fotografie: quelle che attraverso una particolare composizione di linee, forme e colori raccontano qualcosa di quotidiano e lo mostrano all’osservatore sotto una nuova luce; e quelle che catturano un istante, una situazione. Composizione, colori, linee, assumono un tono minore – anche se sempre importante per farne una bella foto – ma quell’istante catturato diventa l’aspetto principale della foto, attorno al quale ruotano sentimenti, emozioni, interpretazioni. A questo genere di foto appartiene tutta la fotografia di reportage – pensate al grande Cartier-Bresson, ad esempio, che non solo cattura istanti speciali, ma allo stesso tempo gioca con linee e forme della composizione.

La foto che vi presento qui sotto non può definirsi una bella foto – linee della composizione, i pezzi della teca che ho costruito io, non certo belli a vedersi, gli strisci sul plexiglass a cui l’insetto stecco era attaccato e che non ho voluto disturbare – ma spero sia comunque interessante per chi non ha mai visto una delle fasi delle muta: un attimo ben preciso della vita di questo fasmide (Phasmatodea, dal greco phasma ‘fantasma’).

Annunci

6 pensieri riguardo “Il cambio della cuticola

  1. @ Marino: regalo di una biologa. All’inzio erano due… solo che si riproducono per partenogenesi, e adesso sono in “molti”…
    A presto,
    Davide
    @ Zoropsis: grazie!

  2. Con questo caldo giustamente si è tolto il pigiamino.
    La foto (bellissima) coglie l’attimo, ma io credo di aver capito che tipo è.
    Ci scommetto che è come mio figlio Vittorio, sta per buttarlo a terra, mai una volta che lo piega e lo mette sotto il cuscino….

  3. La realtà è come sempre meglio del cinema. Questa meravigliosa foto mi ricorda Tim Burton…immagino quanto studio e quanta attesa ci sia dietro. Complimenti e grazie per avermi insegnato che anche l’insetto stecco fa la muta.

  4. @ Valentina: grazie Valentina, apprezzo molto i tuoi complimenti. A Tim Burton non ci avevo pensato, ma riguardando la foto mi sembra che qualche similitudine ci possa stare! 😉
    A presto,
    Davide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...