L’orto in default

Lo vedo come in default il mio orto, con lo spread che sale, le ultime colture dell’estate lì a funghire, abbandonate dal loro ortolano che in questo fine di stagione è stato un poco pigro. Chissà come sono gli orti in Germania… me li immagino tutti ben ordinati, con delle piccole serre approntate alla perfezione per nuove colture che si alternano alle precedenti: tutto perfettamente programmato per costruire certezze probabili.

A vederlo così, in balia del caso e degli elementi naturali, il mio orto mi sembra lo specchio dell’Italia della crisi.
E allora bando alle chiacchiere e ai pensieri fatui. Preparo cesoie, rastrello vanga.
Tabula rasa diventerà. Inutile aspettare che quei pomodoro maturino, perché non matureranno. Coraggio, diamoci da fare!

Annunci

7 thoughts on “L’orto in default

  1. C’è chi parla da solo, e chi risponde ai suoi stessi post. Io faccio entrambe le cose.
    Ebbene sì, ho compiuto i lavori. Nell’orto è rimasto solo un cavolo e tre porri, oltre alle varie aromatiche. Adesso l’orto mi guarda e mi sembra chiedermi ulteriori lavori…
    😉

  2. No!!!!! tremendo è tristissimo!!!! Ma cavoli vari, fave, piselli , insalate invernali ,finocchi, voi non li piantate a novembre? qui si e sono già una meraviglia anche se un po trascurati causa raccolta olive faticosa perchè noi raccogliamo a mano dalla pianta faticosa si ma quest’anno molto produttiva con un olio fantastico 0,3% di acidità una meraviglia frantoio a pietra naturalmente , un po di invidia? Saluti Liliana

  3. L’uliveto quest’anno è triste come il tuo orto! Niente raccolta….le olive sono talmente poche che è antieconomico raccoglierle. Quelle poche che ho raccolto a mano, le ho messe sotto salamoia.
    A Roma si dice: riconsolati con l’agliuccio!
    Ciao
    Silvana

  4. @Liliana: eh sì Liliana, proprio una tristezza. Colpa dell’ortolano impigrito – che sarei io. Eppure la terra mi chiama, mi dice che devo piantare qualcosa di invernale, e chissà che dopo la tua costruttiva critica l’ortolano pigro si svegli un po’ e si dia da fare. 😉 Grazie del commento e a presto,
    Davide
    @ Silvana: mi dispiace per il tuo oliveto, anche qui al nord ho parlato due settimane fa con un produttore triste per il brutto raccolto di olive. Adotteremo i detti di Roma… per consolarci almeno un poco.
    A presto,
    Davide

  5. Mi dispiace per gli uliveti del nord,strano che non ci sia stata una buona raccolta con una estate secca e non sciroccosa, ma forse solo qui da noi, qui a detta di tutti è un’ annata spettacolare sia per la quantità, la qualità e per la sanità delle olive TRASFERITEVI TUTTI IN SALENTO COME HO FATTO IO!!!!! Saluti Liliana
    P.S. per Davide vuoi un po di semi di fave?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...