La Digitale purpurea

di Maddalena Barattini

Questa è la digitale purpurea, la trovo bellissima, fa rallentare il battito cardiaco e intossica chi la mangia, incanta gli occhi di chi la guarda.
L’ho piantata l’anno scorso, è sopravvissuta all’inverno e alle lumache, finalmente è fiorita!

I fiori sono accoglienti come piccole culle, le macchie rosse, sembrano impronte lasciate da piccoli gnomi, che dopo il lavoro in caverna, la sera rientrano, coi piedini sporchi.
Tutta ripiegata all’ingiù sembra aspettare gli gnomi “forza entrate, è tardi…”
O forse sfiora la terra dell’orto, dove ho seminato la valerianella che non è venuta, per controllare meglio, e speranzosa pensa ” qualche piantina spunta…forse sì..”.

Credo però che stia così perchè una pallonata l’ha presa in pieno, ma per fortuna, non l’ha falciata del tutto.

6 pensieri riguardo “La Digitale purpurea

  1. questi fiori deliziosi sono quanto di meglio x liberarsi degli ammiratori non desiderati: rallentano il battito del loro cuore e così li dissuadono, ma li fanno proprio fuori se mai volessero insistere 🙂

  2. Bocca di lupo fa paura! forse perchè è velenosa. pensare che io ci vedo una culla per gli gnomi!
    Clelia ottima idea, sempre pensato ai fiori per conquistare un uomo, mai per cacciarlo, però effettivamente se necessario…

  3. non è ancora appassita, l’ho tirata su e legata ad una canna. Alcuni fiori sono ormai caduti, ma altri restano. Un po’ “maturi” ma ancora bellissimi. Quando guardavo le tue foto con gli insetti sui fiori, pensavo fosse un miracolo riuscire a fare certe foto, cogliere quell’attimo. Ancora lo penso, ma in realtà, i fiori sono spesso frequentati, basta aspettare. In pochi minuti, molte api sono entrate e uscite. Che spettacolo! Sono rimasta lì a guardare incantata….

  4. @ Maddalena: proprio così basta aspettare… i messaggi pubblicitari molto spesso ci vogliono far credere che fare una foto sia semplicemente premere un bottone… clic e la foto è fatta. Ma in realtà, se lo fai con amore, devi saper aspettare… il momento giusto, la condizione giusta di luce. Anche un fiore o un frutto, non sbocciano e non fioriscono improvvisamente… basta aspettare – e saper aspettare. Poi si passa all’azione. Senza aspettare. Senza troppo pensarci su… 😉
    A presto,
    Davide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.