Cosa avete mangiato a Natale? / What have you eaten at Christmas?

Chi ha un orto sa cosa mangia, da dove provengono i suoi frutti e le sue verdure, che prodotti usa per concimare la terra o per proteggere le colture dai parassiti. Ma per chi compera verdure al mercato, dall’ortofrutta, da un’azienda agricola, una sicurezza deve pur esserci: e non è facile districarsi tra etichette, loghi, marchi di garanzia.

Volevo presentarvi tre certificazioni europee “volontarie”, non obbligatorie, che però possono aiutarci nelle nostre scelte fornendoci ulteriori sicurezze sulla bontà non solo dei prodotti, ma anche dei sistemi di coltivazione.

Global Gap (The Global Partnership for Good Agricultural Practice)
Vi aderiscono molti soggetti della filiera agroalimentare. Unisce il rispetto dell’ambiente alla sicurezza alimentare.

Leaf (Linking Environment and Farming)
Creato nel 1991 riguarda la produzione integrata nelle aziende agricolo.

Biodiversity Friend
Associazione onlus che, come dice il nome, promuove la conoscenza e la conservazione della biodiversità attraverso la ricerca e l’educazione.

Buona navigazione

Who knows what they are eating a vegetable garden, where they come from fruit and their vegetables, products that used to fertilize the earth or to protect crops from pests. But for those who purchase vegetables in the market or from a farm, there must be security.
I wanted to introduce three voluntary European certification.

Global Gap (The Global Partnership for Good Agricultural Practice)
We join many people in the food industry. It combines respect for the environment to food safety.

Leaf (Linking Environment and Farming)
Created in 1991 concerning the integrated production on farms.

Biodiversity Friend
Non-profit association that promotes knowledge and conservation of biodiversity through research and education.

E-Blogs chiude

Peccato, era un bel progetto, mi avevano fatto partecipe, ma l’economia di mercato detta legge. Pubblico un breve resoconto della email che mi è stata recapitata.

Cari blogger,
Dopo soltanto undici mesi di esistenza lasciamo la blogosfera europea. Smettiamo le traduzioni il 31 dicembre 2010. Rimarrà per noi una bella avventura, la gioia delle scoperte condivise da un Paese all’altro e l’orgoglio di aver realizzato un progetto unico nel suo genere. Grazie per tutti gli scambi e i momenti di vita insieme.

Perché aver fatto E-Blogs?
Il punto di partenza di E-Blogs: mostrare “il meglio” della blogosfera europea. Selezionare post di qualità in 5 Paesi e 5 lingue: Italiano, Tedesco, Spagnolo, Inglese, Francese, farli tradurre nelle stesse 5 lingue. […]

Perché smettere E-Blogs?
Selezionare contenuti, adattarli per ogni Paese, farli tradurre dai traduttori remunerati e infine diffonderli in 5 lingue su 5 Paesi… Tutto ciò costa denaro. […] pensavamo di trovare una audience naturalmente forte nei blogger e in internet in genere. Sfortunatamente, non abbiamo incontrato l’eco, […]

Grazie infine ai 38 traduttori e ai 500 blogger che ci hanno dato il permesso di tradurre… Ci hanno fatto sognare.
[…]

Catherine Nivez
Responsabile E-Blogs presso WIKIO