Inquinare spazzando… ?

Da qualche anno a questa parte – da una decina, per la verità, o forse di più? – si aggirano per le strade del mio quartiere e della mia città dei personaggi che portano in mano un marchingegno a motore, rumoroso, che da una parte fa uscire biossido di carbonio, dall’altra aria. E con quest’aria – povero Zefiro imprigionato – spostano le foglie cadute dagli alberi un po’ di qua e un po’ di là. Il vento poi – Zefiro liberato – le risposta.

Solitamente sono le grandi foglie dei platani ad essere rimosse, perché i marciapiedi devono essere puliti – decoro urbano, e penso, di striscio all’artista Maurizio Cattelan. I platani – quei nostri grandi alberi ai bordi delle strade, dove ogni tanto trovi un mazzo di fiori a ricordare chi tristemente lì si è schiantato con l’auto o la moto – lasciano cadere molte foglie. Gli operatori con i marchingegni ad aria ne fanno tanti mucchi. Poi arriva un camioncino che le raccoglie e le porta via. Marciapiedi e strisce di prato rimangono vuoti e senza foglie, e la base dei tronchi degli alberi rimangono senza coperte. Almeno in città. In campagna e sulle prime colline le foglie rimangono dove cadono. Troppo complesso ed oneroso spostarle. Almeno lì.

Ma non si potrebbe ritornare alla vecchia e cara scopa di saggina?
No, risponde un mio amico che ha lavorato nel settore. Col marchingegno a motore risparmi un sacco di tempo. Sarà così, ma che rumore quel trabiccolo, che puzza di gas di scarico! Tutto per il decoro urbano! Ma chi la mette poi la coperta alla base dei fusti degli alberi? Per loro un inverno all’addiaccio…

Pubblicità

4 pensieri riguardo “Inquinare spazzando… ?

  1. Ce l’ho veramente contro quei malefici aggeggi… e mi fa pena che ci lavora (con cuffie e mascherina almeno qua a CastelMaggiore)…
    e nel nostro cortile in città noi andiamo di ramazza… e poi compattiamo le foglie tolte dal cemento e le rimettiamo ai piedi degli alberi,ma il vicino si è lamentato che potrebbero volare anche nel suo cortile;così sono andata a pulire anche da lui ma ribadisce che non fa un bel vedere e a volte le foglie si posano sul tetto della sua auto (sono aceri in confine e stiamo ben attenti a tagliare i rami dalla sua parte che è un tipo molto pignolo e odia le piante!)…O_O ossignur!
    Prima o poi ci dirà di abbattere gli aceri perchè diventano gialli in autunno!;((
    Per fortuna là in campagna lasciamo tutto com’è! e sotto il tappeto di foglie a volte si trovano delle bellissime sorprese!(io ho trovato nel 2008 sotto le foglie di quercia un tritone ,prontamente ricoperto e lasciato in pace a farsi il suo letargo!)
    Bellissime le tue foto e i tuoi post, ciao
    valverde

  2. quando ero bambina vivevo in un appartamento affacciato su una via alberata da platani, li ricordo enormi, ricordo le foglie l’autunno, il profumo meraviglioso di quegli alberi. Ci sono ancora anche se stento a riconoscerli, forse per una potatura troppo severa. Ma ci sarà da qualche parte un grande platano libero e non potato, un bosco di platani? o sono solo alberi cittadini?
    effettivamente quello sbuffo che fa salire foglie e polvere non può che dar fastidio, io a casa lascio andare, ma la mia bambina le raccoglie, le ho insegnato a metterle ai piedi delle piante.
    ma l’albero della foto non è un platano vero?

  3. @ maddalena
    ossignur! Ma che bel vicino che hai! 😉
    Eh, pazienza, non conosce il significato delle foglie.
    Grazie per i complimenti.
    A presto,
    Davide
    @ Maddalena
    Mi informo… a presto.
    Davide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.