La pinguicola

Oggi vi presento un’altra mia pianta carnivora.

Si chiama pinguicola e, a differenza della dionea e delle drosere, ha un aspetto “meno carnivoro”, consentitemi l’espressione.

Le sue foglie sono verdi, ma con un po’ di sole si abbronzano e diventano di tonalità rosa-rosso.

Vista da lontano sembrerebbe, come ho detto, una pianta dall’aspetto innocuo – quasi una pianta grassa -, ma avvicinandosi si possono vedere sulle foglie tante palline bianche di colla vischiosa. È grazie ad esse che la pinguicola riesce a catturare gli insetti e a digerirli.

Attualmente tutte le mie piante carnivore – ad eccezione della Dionea nata per talea – vivono in piccoli vasetti del diametro di otto centimetri.

Qui sotto il particolare più ravvicinato dell’ingannevole foglia della pinguicola, dove si possono vedere più chiaramente le goccioline di colla vischiosa.

3 pensieri riguardo “La pinguicola

  1. Questa pianta carnivora ha qualcosa di poetico, in tutti quei piccoli pori, visibili solo a chi avvicina il suo volto alle sue carnose foglie rossicce, a chi accetta l’invito di guardare, di girare gli occhi, lo spettacolo però è solo per pochi, è solo per i veri curiosi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.