Festival LacMus

È stato presentato ieri mattina LacMus, Festival Internazionale di Musica, Arti e Accademia, ideato e voluto da Louis Lortie, pianista franco-canadese di fama internazionale, e dal direttore d’orchestra Paolo Bressan, che si terrà dal 9 al 16 luglio 2017 in Tremezzina, sul Lago di Como.

Uniche per la loro bellezza le sedi dei concerti, da Villa Balbianello a Lenno a Villa Carlotta a Tremezzo, fino alle chiese di Santo Stefano a Lenno e del Sacro Monte di Ossuccio. Quattro concerti e un evento speciale, la Greenway musicale del Lario.

Villa Carlotta

Il concerto di apertura, domenica 9 luglio alle 18, sarà una meditazione musicale nel Santuario della Madonna del Soccorso di Ossuccio, patrimonio dell’umanità dell’Unesco. L’affascinante soprano bavarese Christiane Karg proporrà un itinerario nel mondo del Lied, affiancata dal violinista francese Augustin Dumay. Riconosciuto. Alla tastiera del pianoforte si alterneranno i due ideatori del Festival, Lortie e Bressan.

Il secondo concerto,  giovedì 13 luglio alle 21, sarà incentrato sul tardo romanticismo e vedrà come magica location Villa Carlotta a Tremezzo. Qui Johannes Brahms soggiornò, e qui risuoneranno – nel 120esimo anniversario della sua morte – le note del suo Quintetto per pianoforte e archi. Tra i protagonisti della serata ritroveremo Augustin Dumay e Louis Lortie.

I giovani artisti della Cappella Musicale Regina Elisabetta del Belgio saranno al centro del terzo concerto, venerdì 14 luglio alle 19 presso Villa del Balbianello a Lenno, in uno spumeggiante ed esplosivo Hommage à la France, nel giorno della festa nazionale che ricorda la presa della Bastiglia.

Villa Balbianello
Villa Balbianello, foto di Alessio Mesiano

Un’estatica esperienza per i sensi sarà la Greenway musicale in programma sabato 15 luglio a partire dalle 17: il suggestivo itinerario sonoro avrà inizio a Villa Balbiano, per poi toccare la Casa d’arte Brenna-Tosatto in Piazza Campidoglio, lo studio del pianista Louis Lortie, la scalinata a lago di Villa Monastero e terminare a Villa del Balbianello.

Il grande violinista italiano Giuliano Carmignola chiuderà il Festival domenica 16 luglio alle 19 presso il Grand Hotel di Tremezzo insieme all’Accademia dell’Annunciata, con un programma interamente dedicato a Vivaldi.

 

Biglietti

Concerto del 9 luglio: ingresso libero.

Per i concerti dal 13 al 16 luglio:

ingresso € 30 – ridotto (residenti Comune di Tremezzina e studenti sotto i 26 anni): € 20

Abbonamento per tutti i concerti:

€ 100 – ridotto (residenti Comune di Tremezzina e studenti sotto i 26 anni): € 70

 

Informazioni

www.lacmusfestival.com

info@lacmusfestival.com

facebook.com/lacmusfestival

 

Camomilla

Dopo tanto… tanto tempo e tante prove, ecco la camomilla.
Non ricordo di averla seminata, ma è cresciuta in un vaso rettangolare.
Così va l’orto. A volte è misterioso e poco razionale, o probabilmente sono io a non comprendere bene i suoi meccanismi.
Sorrido però nel vedere la camomilla.
Mi sono abbassato e l’ho annusato, per essere certo che fosse camomilla.
E camomilla è! 😉

camomilla

Larve di coccinella

Ne ho trovate tante sulle foglie del melograno.

A contarle, a colpo d’occhio, una ventina. Ma altre erano nascoste dietro alle foglie. Per fortuna sono arrivate le coccinelle: come sapete, le coccinelle sono gli antagonisti naturali degli afidi. Ma c’è da dire che anche gli afidi non sono in pochi. Ed anzi ero un po’ preoccupato, perché il melograno ha tanti fiori quest’anno, ma anche tanti afidi. Così mi sono avvicinato all’albero munito di una cesoia per togliere i rami inutili che crescono alla base della pianta. Ma poi mi sono fermato, perché proprio sulle foglie di quei rami inutili… le larve di coccinelle.

larve di coccinella

Adesso staremo a vedere se le coccinelle riusciranno a sconfiggere tutti gli afidi, o se dovrò adottare altri sistemi. Ma mi consola non poco sapere che ho un aiuto… naturale.

Quest’anno ho piantato sotto al melograno un po’ di semi di fiori che attirano le coccinelle. I fiori non sono ancora sbocciati, ma le coccinelle ci sono.

[…]

Larve di coccinella

L’insalata era nell’orto

Siamo lieti di invitarvi Domenica 11 giugno alle attività di primavera all’aria aperta per grandi e piccini dell’Hortus Urbis, l’orto antico romano nel Parco dell’Appia Antica.

Alle ore 11.00 – L’INSALATA ERA NELL’ORTO | Laboratorio per bambini, a cura di HortusUrbis

I bambini vivranno tutto il ciclo colturale dalla semina al raccolto: la semina in vasetti, trapianto delle piantine dal semenzaio dell’orto, il raccolto.
Ogni piccolo giardiniere che avrà partecipato alla cura del giardino sarà premiato con i ‘frutti dell’orto’ appena colti.

  • Anni 3-12
  • Durata: circa 50 minuti

ISCRIZIONE
E’ fortemente consigliata l’iscrizione con pagamento anticipato (8 euro a bambino o 6 euro con la Carta amici del Parco) all’indirizzo email hortus.zappataromana@gmail.com, entro le ore 12.00 di venerdì 9 giugno specificando il laboratorio. Riceverete una email con le indicazioni per il pagamento.
Sul posto l’iscrizione potrà avvenire solo per gli eventuali posti rimanenti, senza prenotazione, al costo di 10 euro a bambino (8 euro con la Carta amici del Parco).

Vedi la locandina e i dettagli del programma completo: www.hortusurbis.it

In caso di pioggia il laboratorio sarà spostato.

Si ricorda che l’area è dotata di zona pic nic per coloro che volessero trattenersi anche per il pranzo.

laboratorio per bambini

Dopo la pioggia

Una pioggerella, un piccolo temporale, un acquazzone non particolarmente violento, è quello che ci vuole nelle calde giornate prima dell’estate.

Le temperature qui a Vicenza sono in questi giorni al di sopra di qualche grado sopra la media, e un po’ d’acqua fa sempre piacere. E comodo, per la mia riserva di acqua piovana che uso per le piante carnivore e per qualche fiorellino.

Ma non sono l’unico a cui piace la pioggia. Per le lumache è davvero festa. E la festa la fanno con le mie colture. Quest’anno mi hanno mangiato un po’ d’insalata, un germoglio di zucchino – che poi è miracolosamente rinato. Tutto sommato non mi sta andando così male. E quindi vi posto questa foto, perché anche questa chiocciola – lo so, in parte è la disperazione degli ortolani – è pur bella a vedersi…

Chiocciola

 

Mi illumino di verde

Già lo sapete che il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump non ha sottoscritto il patto parigino per combattere il surriscaldamento climatico. Per Trump l’importante è l’economia, l’America prima di tutto. Adesso farà compagnia a Nicaragua e Siria, anch’essi non sottoscrittori del patto.

Ma Trump, pur rappresentando l’America, non è stato eletto da tutti gli americani. E così i governatori di California, New York e Washington hanno espresso la loro contrarietà a questa decisione… illuminando di verde alcuni edifici rappresentativi. Questa simbolica protesta ha fatto proseliti anche nel resto del mondo e molti palazzi si sono illuminati di verde.

Vi posto questa foto fatta da un bambino di dieci anni, perché non vorrei che – nel futuro prossimo – gli alberi fossero solo un’ombra…

gs1140-ombra-albero

400 varietà di Agapanti in fiore…

400 VARIETA’ DI AGAPANTI IN FIORE A GIUGNO E LUGLIO

NEI GIARDINI DI VILLA DELLA PERGOLA AD ALASSIO

TRA LE COLLEZIONI PIU’ GRANDI D’EUROPA

Domenica 11 giugno

Una giornata speciale
Laboratorio per le famiglie “Gli Agapanti, i fiori dell’Amore!”
e la presenza dei vivai Raziel con piante di Agapanti in vendita e consigli di coltivazione


A questo fiore speciale e così significativo per il parco, Villa della Pergola dedica domenica 11 giugno il laboratorio per famiglie “Gli Agapanti, i fiori dell’amore!”,
nell’ambito del progetto “Una domenica in giardino”, ideato da Nadia Nicoletti, esperta di didattica orticola. L’Agapanto, conosciuto anche come “il fiore dell’amore”, oggi è diventato un fiore diffuso e amato che si può coltivare con facilità anche nel proprio giardino: il laboratorio dell’11 giugno sarà quindi l’occasione per conoscere meglio questo fiore svolgendo alcune attività sperimentali, percorsi di manipolazione e ricerca di profumi e sapori.

Agapanti fiorito

Ad affiancare il laboratorio anche una novità: Raziel, società agricola padovana specializzata nella produzione e commercializzazione di bulbi da fiore, porterà a Villa della Pergola una sessantina di varietà di Agapanti in fiore dalla proprio collezione che conta oltre 500 cultivar diversi. Il pubblico potrà non solo acquistare le piante fiorite di Agapanti ma, grazie ai consigli di Pietro Minto di Raziel, conoscerà le caratteristiche e le tecniche per coltivarle al meglio, come il metodo della divisione dei cespi per propagare le piante.

Agapanti
Agapanti in fiore a Villa della Pergola

Affacciati sul Golfo di Alassio i Giardini di Villa della Pergola ospitano una delle più grandi, preziose e rare collezioni di Agapanti d’Europa. Originari dell’Africa meridionale, i primi Agapanti furono introdotti a Villa della Pergola alla fine dell’Ottocento dagli antichi proprietari inglesi: oggi nel parco se ne contano oltre 400 varietà bianche, azzurre e blu, una scala di colore che diventa tutt’uno con il mare sullo sfondo.

L’ultimo appuntamento con “Una domenica in giardino” sarà l’8 ottobre con “Gli agrumi, aromi e sapori dal giardino.

INFORMAZIONI:

Orari laboratori: 9.30, 10.30, 11.30, 14.00, 15.00, 16.00, 17.00, 18.00.

Durata 1 h.Costo del laboratorio abbinato alla visita guidata: € 15 adulti, € 12 soci FAI, € 5 bambini, gratuito per bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto.

Prenotazione obbligatoria: info@giardinidivilladellapergola.com . www.giardinidivilladellapergola.com . Tel: +39 0182 646130.

Giardino fiorito

L’estate nei giardini

Non sono solo gli agapanti a colorare i giardini di Villa della Pergola in estate: nel mese di luglio infatti, sbocciano i loti, piante acquatiche coltivate nelle vasche recuperate dalle antiche cisterne che servivano in passato per la raccolta dell’acqua piovana destinata all’irrigazione del parco.

I mesi estivi sono il periodo ideale per passeggiare nei giardini, immersi tra i colori della macchia mediterranea e della vegetazione tropicale. È il periodo in cui sbocciano anche i solanum, le bignonie, le ninfee accolte nelle fontane e nei laghetti rocciosi, i coloratissimi ibischi di origine africana e americana e le plumbago azzurre, ma è anche il momento di massimo splendore degli ulivi, alberi longevi coltivati nell’area mediterranea da millenni.

INFORMAZIONI VISITE AI GIARDINI

Le visite guidate su prenotazione si tengono fino a fine ottobre di sabato e domenica, con partenza alle ore 9.30-11.30-15.00-17.00. Durante la settimana è possibile prenotare visite solo per gruppi. La visita si compie singolarmente e/o in piccoli gruppi. Durata 1,30 h circa.

I visitatori possono inoltre usufruire del bar e del ristorante della Villa.

Agibilità: i Giardini sono visitabili in gran parte anche da persone disabili. Solo alcune zone non sono accessibili a causa della morfologia del terreno e per la presenza di brevi scale in pietra.

Gli animali non possono entrare.

Biglietti: Il biglietto d’ingresso è acquistabile sul posto ed è comprensivo di accompagnamento guidato. Singolo: 12 euro . Soci FAI: 10 euro . Gratuito per i bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto . Ragazzi da 6 a 14 anni: 6 euro . Scolaresche (visita parco): 6 euro

Prenotazioni: Tel : +39 0182 646130 . +39 0182 646140 . info@giardinidivilladellapergola.com

www.giardinidivilladellapergola.com

Laghetto
Il laghetto di Villa della Pergola


Lidea in più: soggiorna al relais e assapora la cucina del ristorante NOVE

I visitatori dei Giardini potranno anche fermarsi a pranzo o a cena al nuovo ristorante NOVE diretto dallo chef Giorgio Servetto, premiato con due cappelli nella Guida de LEspresso 2017 e con due forchette nella Guida Gambero Rosso 2017.

Il ristorante, che è aperto tutto lanno, mette al primo posto la qualità della materia prima, ricercando prodotti autentici del territorio e dando assoluta importanza alle stagionalità. Per esaltare la genuinità della cucina, lo chef e la sua brigata attingono dai Giardini di Villa della Pergola gli agrumi, le erbe aromatiche e i fiori eduli utilizzati nei piatti proposti.

Per informazioni: info@noveristorante.it; www.noveristorante.it.

E per chi vuole concedersi una pausa più lunga, al Relais di Villa della Pergola è possibile soggiornare ospitati e curati come a casa nelle dodici suite, una diversa dall’altra e dedicate ognuna ai numerosi personaggi che in passato hanno soggiornato a Villa della Pergola o hanno fatto parte della colonia inglese di Alassio.

Il Relais è da poco entrato a far parte di Small Luxury Hotels of The World, il brand di affiliazione internazionale che raccoglie intorno a sé alcuni dei più lussuosi piccoli hotel e resort indipendenti nel mondo.

Per informazioni: www.villadellapergola.com

Per informazioni e prenotazioni:

Villa della Pergola,

via Privata Montagu 9, 17021 Alassio (Savona)

Tel. +39.0182.646130 – +39.0182.646140

info@giardinidivilladellapergola.cominfo@villadellapergola.com

www.giardinidivilladellapergola.com www.villadellapergola.com

Pomodori sempre più grossi

Comincia il caldo qui a Vicenza, dopo un maggio pazzerello – una volta era aprile il pazzerello – il vero caldo pre-estivo. E le colture crescono e  si ingrossano!

I frutti di bosco maturano, l’insalata sta crescendo e i pomodori sono ancora verdi, ma sempre più grossi.

Quello che mi resta da fare… è augurarvi un caldo e fertile giugno!

Pomodoro

 

Il ritorno della libellula

Cosa ci fa una libellula nel mio orto me lo chiedo da più di un anno… e probabilmente continuerò a chiedermelo con maggiore insistenza, visto che anche quest’anno è arrivata una libellula. Tutta gialla. E si è appoggiata sul palo che sorregge il pomodoro.

Fa sempre un certo effetto vedere una libellula in città… che si sia persa? Domanda a cui non cerco più una risposta, e mi limito a constatare l’arrivo di questa libellula tutta gialla. Forse un suo personale itinerario turistico…

Libellula

Le forbici con il manico arancione / 50° anniversario

50 anni fa, in un piccolo villaggio in Finlandia chiamato Fiskars, nasceva un oggetto creato per la vita di tutti i giorni, le forbici con il manico arancione.

Da allora le forbici Fiskars con il manico arancione e lame in puro acciaio inox sono entrate in più di un miliardo di case sparse in tutto il mondo, diventando un classico del design ed esposte al Museo di Arte Moderna di New York come icona del design nordico.

Le forbici Fiskars con il manico arancione sono adatte per tutti i tipi di lavori di taglio e si possono trovare in tutto il mondo, dal cassetto della cucina, alla casa della nonna, nelle scuole e negli uffici.

Forbici Fiskars

Le forbici Fiskars con il manico arancione vengono anche utilizzate nelle sartorie di case di moda internazionali e negli studi di artisti e artigiani in tutto il mondo. Ancora oggi, le forbici Fiskars con il manico arancione, vengono costruite e collaudate una ad una nella fabbrica in Finlandia.

Il colore arancione dei manici, caratteristica che distingue le forbici Fiskars, nacque per puro caso nel 1967. Capitò che il colore arancione, rimasto nella macchina che poco prima aveva prodotto un piccolo elettrodomestico, venne utilizzato per fare una prova di colore sui manici delle forbici.

Si passò quindi alle votazioni tra gli operai della fabbrica, per decidere il colore dei manici delle nuove forbici. I colori a disposizione erano l’arancione, il rosso carminio e il nero.

Il colore arancione vinse con 9 voti a favore contro 7 contrari e divenne, così, la caratteristica distintiva delle forbici che sarebbero diventate un’icona del design nordico vendute in tutto il mondo in oltre un miliardo di copie.

Forbici Fiskars

Nel corso del 2017, Fiskars raccoglierà le storie ispirate dalle forbici arancioni raccontate da artisti, designer e influencer provenienti da tutto il mondo.

Le storie ispirate dalle forbici Fiskars con manici arancioni, si potranno trovare sul sito www.fiskars.com oltre che nel Design Museum di Helsinki, dove verrà allestita una mostra dedicata, nel mese di settembre 2017.

Fiskars celebra quest’anno il 50° anniversario delle forbici col manico arancione come una fra le più importanti pietre miliari che fanno parte di una storia di idee rivoluzionarie che continua nel tempo.


Fiskars, però, non è conosciuta solo per le forbici. La ricerca e la produzione abbraccia una vasta gamma di coltelli, di utensili per la cucina e pentole.

Coltelli, utensili e pentole Fiskars, sono stati studiati, anche a livello di design, per tutti coloro che sono appasionati di cucina ma anche per chi desidera strumenti funzionali e pratici per preparare un pasto facile e veloce ma con un pizzico di creatività. La nuovissima linea GoBaking è l’ultimo esempio della creatività Fiskars che rimane fedele al colore arancione per sottolineare a colpo d’occhio l’appartenenza al brand.


Fiskars, infine, ha una gamma molto ampia di
prodotti per il giardinaggio, famosi per l’ergonomia che li rendono pratici e maneggevoli.

Forbici per giardinaggio

Fiori onirici

Vi regalo una visione onirica dei fiori che sbocciano e crescono nel mio orto. Crescono così tanto che – pur dispiacendomene – un poco ne ho tolti per lasciar spazio alle zucchine e alle quattro piantine d’insalata.

Quindi questi fiori sono, allo stesso tempo, una gioia per i miei occhi e il mio spirito, ma anche un incubo per il mio orto. Ecco perché vi parlo di visione onirica…

Visione onirica

Suono e orto workshop

Dalle 15:00 alle 16:00
visita guidata stereoscopica alle ex fornaci da calce (Centro 3T) con all’orto verticale in lana.

Dalle 16:15 alle 17:45 workshop
“Suono e orto” tenuto da Mauro Cossu
La cura dell’orto è una straordinaria fucina di suoni che ci mette in connessione con un universo da esplorare. La stessa crescita delle piante è accompagnata da suoni e rumori generati dal nostro agire, dagli agenti atmosferici e dai rimandi del paesaggio circostante. Le piante inoltre producono dei suono impercepibili senza sensori e strumenti particolari.
dalle 14:30 alle 16:30
    Pedalando Puntozero” pedalata non competitiva per ragazzi dagli 8 ai 12 anni.
Un’imperdibile occasione di esplorazione del territorio accompagnati dalla professionalità di una guida d’eccezione, Daniela Poetini, atleta e progettista dei Percorsi Idroelettrici Minerari, guida dell’Accademia Nazionale di Mountainbike.
Partenza da Forno Allione (ore 14:30) e arrivo presso Vasca SEB (ore 16:00). Distanza: circa 3 Km. Tipologia: ciclabile, grado di difficoltà facile a tratti medio. Facoltativa la presenza di un genitore. Obbligatorio l’uso del casco. Seguirà una lezione di stretching a cura di Laura Taranto. Scarica il programma dettagliato a questo LINK

Tutti gli eventi in programma sono gratuiti, su prenotazione e a numero chiuso! 
per info e prenotazioni

“Pedalando Punto zero”:
daniela@postindustriale.it
Tel. 3497921873

Workshop “Suono e orto” e visita guidata alle ex fornaci:
centro3t@gmail.com
Francesca Tel. 338 3853762

www.postindustriale.it
www.ruinascontemporaneas.it

Suono e orto workshop